Simon_Vouet_-_The_Muses_Urania_and_CalliopeUrania, la divinità che trae il nome da Ouranos (cielo), è una figura della mitologia greca, universalmente nota come figlia di Zeus e di Mnemosine anche se riscontriamo due versioni del mito che la riguardano:

  1. La tradizione erodotea la considera figlia del cielo e della luce e corrisponde alla Mylitta assira, alla Ashera (Astarte) di Cartaginesi e Fenici, alla Alilat degli Arabi, e alla dea Artimpara degli Sciti.
  2. Esiodo (Teogonia, vv. 75-103, 915-917 ), considera Urania una delle nove Muse, divinità minori figlie di Zeus e di Mnemosine.

Musa1-urania-incisioneZeus si unì a Mnemosine, figlia di Gaia e di Urano, per nove notti di seguito, e in capo ad un anno nacquero le Muse in Pieria, un’antica regione della Macedonia meridionale, per poi stabilirsi sul monte Parnaso e presiedere alle arti liberali.

Urania era la musa dell’astronomia e della geometria ed anche dell’astronomia unita all’astrologia, discipline che, per i greci, erano inseparabili.

Omero associa le Muse all’arte della divinazione, che chiama scienza del bene e del male, rifacendosi all’etimologia di Musa da muein (iniziare ai misteri).

Urania, in particolare, ispira solo amori casti e non sensuali, infatti nella tradizione classica è sovente rappresentata con un piede sopra una testuggine, animale che indica il ritiro e il silenzio, a simboleggiarne la castità e la modestia.

Catullo però, nel Carme 61, attribuisce a Urania la maternità di Imeneo, personificazione del canto di nozze. Secondo Esiodo fu amata da Apollo, dando alla luce Lino e Orfeo, cantori mitici.

La musa viene rappresentata vestita di un abito azzurro, coronata di stelle, mentre sostiene con le mani un globo che sembra misurare o avendo vicino a sé sempre un globo posto su di un treppiedi e diversi strumenti matematici.

Urania_Pio-ClementinoRicordiamo infine che Urania era anche il nome di una ninfa, una delle tremila Oceanine, figlia del titano Oceano e della titanide Teti, citata da Esiodo nella sua Teogonia.