di Federico Faraone

RE BAFÉ (versione della Sicilia sud-est)

w8rvoh2c

C’era ‘na vota ‘nu re,
bafè, viscotta e minè,
c’avìa ‘na figghja
bafìgghja viscotta e minìgghja.Sta figghja
bafigghja viscotta e minigghja
avìa n’acièddu
bafieddu, viscotta e minieddu. 

Gn’juòrnu  l’acieddu
bafieddu viscotta e minieddu
pigghia  e  sinn’abbulàu,
bafàu viscotta e mulàu. 

“Unn’èni ‘u mà-acieddu,
bafieddu viscotta e minieddu
‘nta quali purtusu finìu,
bafiu viscotta e miniu”?

Ciancìa sta povira fìgghja
bafigghja viscotta e minigghja
e  ppi l’acieddu si nni murìa.
bafìa viscotta e minìa….

Rissi allura lu re
bafè, viscotta e minè 
“Facièmu ‘nu bannu:
bafannu viscotta e minannu”

<<A cu trova l’acieddu,
bafieddu viscotta e minieddu
cci rugnu  ‘a  ma figghja 
bafìgghja viscotta e minigghja!>>.“Iu, truvai  l’acieddu!”, 
bafieddu viscotta e minieddu,
cci rissi ‘n-carusu vavusu, 
bafusu viscotta e minusu.“Re, ti  lassu  l’acieddu
bafieddu viscotta e minieddu
e  mi  spusu  ‘a  ta  figghja
bafigghja viscotta e minigghja!”.“Comu??  E ppi nu tintu acieddu,
bafieddu viscotta e minieddu,
t’avissi  a  ddari  ‘a ma figghja
bafigghja viscotta e minigghja?. 

… Ma vattinni,  fitusu, vavusu,
bafusu  viscotta  e minusu !!”
‘U pigghjàu e l’assittàu ‘ntô catusu..
bafusu, viscotta e minusu.

Si tratta di una tra le più antiche e simpatiche filastrocche siciliane, ben nota in tutta la nostra Isola.  Spesso il testo testo varia, secondo la zona geografico-linguistica, incrementata anche con espressioni locali, talora ambigue o licenziose. Anche questo fa parte della produzione popolare, ricca di fantasia e spiritosa creatività. 

Non credo di sbagliare, se affermo che da piccoli siamo stati un pό tutti affascinati dalle filastrocche, attentissimi nel sentirle recitare dai “grandi” e  pronti a memorizzarle al più presto, esercitandoci a ripeterle, proprio alla stessa maniera e con gli stessi toni, siano essi fantastici, romantici, ironici o beffardi.
Vale la pena tentare una spiegazione a proposito dell’intercalare bafè, viscotta e minè,  poi variamente modulato secondo strane rime baciate, insolite e  bizzarre.
La ricerca parte da uno stranissimo re, che la fantasia popolare sembra aver creato come oggetto di scherno. Poco autoritario, poco determinato e soprattutto pronto a invalidare un bando regale, per motivi di opportunità familiare, reagendo anzi in un modo grossolano e plateale, nel mandare a… (al diavolo) il fituso pretendente della figlia.

In questo senso, la parola bafè potrebbe risalire al francese bafuè, le cui pronunce sono pressoché analoghe e soprattutto di uguale significato. Il verbo di riferimento è bafuer (= irridere, canzonare, beffeggiare).

Anche il nostro lessico locale possiede l’antico termine bafù, come attributo di ironia e dileggio. Ed è ancora la lingua francese ad essere presente in questa filastrocca: è la volta dei baffi che caratterizzano l’aspetto del re.
In particolare, i famosi “baffi ritti verso l’alto” riportati su disegni e immagini stilizzate, che mettono in ridicolo certi personaggi del primo medioevo.  

Giovanni Verga (Un esempio di baffi all'insù)

Giovanni Verga (Un esempio di baffi all’insù)

L’antico francese le denominava bigottes emmenèes (bigott emmnè), mentre bigottes emmêlées  (bigott emmélè),  erano detti i  baffi “arruffati, incolti”.  Ma nel caso nostro si tratta senz’altro di baffi “aguzzi”, accuratamente tirati all’insù.

Sappiamo bene che molte espressioni straniere entrate a diretto contatto col nostro linguaggio, sono state variamente alterate o modificate per essere adattate alle usanze locali e alle loro esigenze espressive.

Nessuna meraviglia quindi se questa definizione, adattata al linguaggio siciliano, possa essere diventata “viscotta e minè”. 

biscottiE d’altra parte, le uniche parole “caserecce” che trovano assonanza con i bigott emmnè, non potevano essere altro che i biscotti a punta (ad esempio quelli di mandorla, che sono a forma di cono).

Se poi a qualcuno l’intercalare dovesse apparire illogico e sconclusionato, diremo che a questa filastrocca tipicamente popolare e variamente rimaneggiata (come è capitato a tante altre filastrocche), non possiamo chiedere né una coerenza, né una razionalità.

Rischierebbe di perdere l’attrattiva stravagante e bislacca che la caratterizza e che ne richiama l’intimo fascino giocoso e pazzerello.  ..(bafello, viscotta e minello)..