L’ANNUNCIAZIONE
,

A Nazaret, in Galilea, Iddio inviò dar celo tomo tomo

l’angiolo Gabbriele da una giovine vergine promessa a un bonomo

de nome Giuseppe, maestro e artista der legname,

che, defatti, faceva come mestiere er falegname.

Beato Angelico – Annunciazione Prado – dett. Vergine

“Ave, o Maria!” je disse “er Signore è con te oramai

e tu conecepirai da lo Spirito Santo un fio che se chiamerà Gesù:

colui che regnerà sur celo e su la terra, regno che nun finirà mai!”

E vedenno Maria turbata continuò: “Benedetta fra le donne sarai tu

e benedetto sarà er frutto de la panza tua, piena de grazzia!

Pe’ Giuseppe poi nun te mette in pena, nun è mica ‘na disgrazzia;

co’ lui già ciò parlato, nun c’è arcun probbrema nè questione:

Er Signore lo farà cornuto sortanto pe’ garantì la successione!”

.

.
BETLEMME

.
Quanno nacque Gesù dar ventre feconno

de la Verginemmaria subbito fu festa

fra li pastori prima e li Remaggi doppo: Natale gioconno

a Betlemme in dove d’adorò de Iddio le gesta.

Se sentì puro un inno d’amore dar celo profonno,

così er Padreterno s’unì dell’ommini a la festa.

Fra Bartolomeo

“Osanna!” tutti gridarono “Redento è er monno!”

Ma l’Asino e er Bove scotettero la testa.

Er Somaro disse: “O spalle mie, saprete

a son de verghe se redente sarete

quanno in groppa a Gerusalemme lo condurrete!”

Rincarò la dose er Bue: “Le costole mie sapranno

un giorno a Canaa se redente l’hanno

quanno in bistecche me le magneranno!”

.
.

LI REMAGGI

.
In una notte magica, sotto un manto de stelle,

nacque Gesù Bambino in una capanna, a Betelemme,

indove arrivarono a fiotte e a passo lemme lemme,

pastori e zampognari co’ le loro capre e pecorelle.

Fori faceva freddo e tirava un venticello,

allora co’r loro fiato er bove e l’asinello

riscallavano er neonato sotto l’occhi de Giuseppe er falegname

e de la Verginemmaria che, pe’ nun fallo soffrì de fame,

je porgeva le zinne e così mentre lui poppava,

giungeva tanta gente che, incantata, l’adorava.

Albrecht Durer

Poi, spinti da la fede e guidati da la cometa,

li tre Remaggi raggiunsero finarmente la meta,

portanno co’ loro, come doni, oro, incenso e mirra,

doppo un percorso lungo, faticoso e a tutta birra.

Adorarono anche loro Bambin Gesù che disse:

“Ve ringrazzio pe’ ‘sto viaggio simile a quello che fece Ulisse.

Come sete belli! Uno de voi è puro nero, nun sete propio eguali”.

E la Madonna un po’ razzista: “Pe’ forza! Se no chi portava li regali?”

.

Sandro Boccia

.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.