di Gaetano Barbella

.

Chisto è ‘nu fatto de quann’ero ‘nu giuvenciello, quanno nun sapevo che ffà’ e jeve a truvà zi’ Clotomiro e zi’ Margherita.

Zi’ Clotomiro era ‘nu frate d’u nonno mio paterno e ‘u truvavo sempe areto a ‘na scrivania, assettato ‘ncoppe a ‘na bella poltrona in pelle. Era in pensione da parecchio tiempo, e a llà ddreto se consulava pensanno i viecchie tiempe, quann’era ‘nu maresciallo d’a Finanza e cumannava a bacchetta i sottoposti.
Viveva c’u sti duje zii a mamma da zia che nun steve tanto bbene ca’ capa soja, ma quanno se parlava de’ ccose de’ sòrdi, dei denari, a stessa capa jeve a gonfie vele senza sbaglià.
Mo ‘a zi’ Margherita, verenne a mmè comme a’ ‘nu bbuono giuvinotto di primo pelo, me diceva tutt’e vvote:
“ma Tanì, allora ce pensato a Cuncettina? Ta vuò spusa, accussì co’ sòrdi che tene te sistemi comme a ‘nu rre! Po’, comme se nun bastasse ‘sta litania, s’accucchiava co’ ‘a zia ‘a mamma soja che accomenciava c’u ‘na sturiella che sapevo a memoria, naturalmente ‘ncoppe i sòrdi. “

I’, comme al solito, ‘a stavo a sentì pe’ rispetto, ma pure pecché nun parlava malament’, e po’ me facevano rirere ‘e ccose che diceve. 

‘U cunto era chisto e a vecchia nun sbagliava mai ‘na virgola. 

Ce steve ‘na guagliona che nun era tanto bella, ma puteve pure piacè. Teneva ‘na capa a pposto e cercava ‘nu bbuono partito pe’ se spusà. Nun steve male a sòrdi pe’ via da famiglia benestante, perciò pensava che faceva bbene a spusà uno comme a essa.
‘Nu jurno capitaje a tiro, a chesta guagliona assennata, ‘nu tale ben vestito: pensaje essa, sarà ‘u partito che cerco? E pe’ nun su fa scappà, e facenne a scema pe’ finta, dicette a chisto: Tu si’ Melione pe’ caso? Sì, rispunnette chillo e subbet’ essa, senza perdere tiempe, dicette ancora: pur’i’ so’ Melione, perciò viene  accà e mettimmece insieme, pecché duje Melionì so’ chiù meglio de uno sulo.
A cosa steve pe’ concludersi pe’ sentire poi ‘a solita marcia nuziale, se nonché se sentette uno vicino a loro che esclamò con disappunto: Melione, Melione! Ma che so’?

A guaglione se vutaje de scatto e guardaje che era ‘nu bellu giovine, ma nun le piacette tanto a serenata. Dicette senza penzà: bellu mio, quanno se parla di Melione, e chiste tiempe è comme dire Marchese, Conte, beh mittece pure Cavaliere, che so’ chille che valevano cchiù de tutti du passato. Guagliò scetate, so’ sòrdi, denari, argià, fasule, pesielle, puparuoli, quibus!

Sai che ti dico? a ccussì comme e parlato, manco se vai dint’a Chiesa te vonne e figlie da’ Maronna che so’ comme ‘e sirene, pure a loro piace a museca.
Nisciuno ti ha detto che senza denari nun se cantano Messe? En beh, chelli figlie da’ Maronna sentenno stu canto dint’a’ Cchiesa, scenneno comme a falchi, scusa aggio sbagliat’, scennono comme a angeli abbascie, ‘ncoppe a’ terra. Accussì pure loro trovano ‘u calonzo e su sposano.
E capito comm’è ‘u fatto, mò? Però aspiette ‘nu momento. Famme sentì ‘na cosa da te. Che, tu pe’ ccaso sai cantà bbene, ma veramente bbene, almeno?

Pecché si bello assai, me piaci e se tu fuss’ ‘u cantante che dico i’, putisse addiventà famoso e guaragnà tanti Melionì. E allora, i duje Melionì, cu chisto ccà vicino a nnuje che, poi, a confronto a ttè è brutto assai, so’ veramente niente!

.

Traduzione in italiano

.

Il milione di Concettina

Questo è un fatto di quand’ero poco meno di un giovanotto, quando non sapevo che fare e andavo a trovare zio Clotomiro e zia Margherita.

Zio Clotomiro era uno dei fratelli di mio nonno paterno e lo trovavo sempre dietro una scrivania, su una bella poltrona in pelle. Era in pensione da molto tempo e là dietro (la scrivania) si consolava ricordando i vecchi tempi, quando era un maresciallo della Finanza e comandava a bacchetta i suoi sottoposti.
Viveva con questi due zii la mamma della zia che non stava tanto bene con la ragione, ma quando si parlava di cose dei soldi, dei denari, la sua testa andava a gonfie vele senza sbagliare. 
Allora, la zia Margherita, vedendomi come un buon giovinotto di primo pelo, mi diceva tutte le volte: 
“ma Tanì (Tanino, Gaetano), allora ci hai pensato a Cuncettina? Te la vuoi sposare, così, con i soldi che ha ti sistemi come a un re! Poi, come se non bastasse questa litania, si accoppiava con la zia la sua mamma che cominciava con una storiella che sapevo a memoria, naturalmente sui soldi.”
Io, come al solito, la stavo a sentire per rispetto, ma anche perché non parlava male, e poi mi divertivano le cose che diceva.

Il racconto era questo e la vecchia non sbagliava mai una virgola.

C’era una ragazza che non era tanto bella, ma poteva pure piacere. Aveva la testa a posto e cercava un buon partito per maritarsi. Non stava male economicamente perché di famiglia benestante, perciò pensava che faceva bene a sposarsi uno come lei.
Un giorno capitò a tiro, a questa ragazza assennata, un tale ben vestito: pensò, sarà il partito che cerco?
E per non farselo scappare, facendo la scema per finta, disse a questo: tu sei Milione per caso? Sì, rispose quello e subito lei, senza perdere tempo, disse ancora: anch’io sono Milione, perciò vieni qua e mettiamoci insieme, perché due Milioni sono meglio di uno solo.
La cosa stava per concludersi per sentire poi la solita marcia nuziale, senonché si sentì uno vicino a loro che esclamò con disappunto: Milione, Milione! Ma che sono?
La ragazza si voltò di scatto e si accorse compiaciuta che era un bel giovane, ma non le piacque tanto la sua battuta. Disse perciò senza pensare nemmeno: bello mio, quando si parla di Milione di questi tempi è come dire Marchese, Conte, beh mettici pure Cavaliere, che sono quelli che valevano più di tutti nel passato. Guagliò svegliati, sono soldi, argià (argianna, argento), fasule (fagioli), pesiell’ (piselli), puparuol’ (peperoni), quipus (relativo alla comunanza di interessi nell’antica Roma[1]) . 
Sai che ti dico? Così come hai parlato, neanche se vai in Chiesa ti vogliono le figlie della Madonna che sono come le sirene, pure a loro piace la musica.
Nessuno ti ha detto che senza denari non si cantano Messe? Beh, quelle figlie della Madonna sentendo questo canto nella Chiesa, scendono giù come falchi, scusa ho sbagliato, scendono giù come angeli sulla terra. Così pure loro trovano il pollo[2] e se lo sposano.
Hai capito ora? 
Però aspetta un momento. Fammi sentire una cosa da te. Che, tu per caso sai cantare bene? Ma veramente bene almeno?
Perché sei bello assai, mi piaci e se tu fossi il cantante che dico io, potresti diventare famoso e guadagnare tanti Milioni. E allora, i due Milioni, con questo qua vicino a me che, poi a tuo confronto è assai brutto, sono veramente niente!

.

Brescia, 2 ottobre 2010

 

[1]  Su quibus – De conviventia di Pontano: l’opera dell’umanista napoletano fa parte del novero dei trattati morali dedicati al denaro in cui si discetta in merito alla conviventia, intesa come forma particolare di vita associata ispirata a regole di ospitalità e di civiltà. “Tametsi […] hominem homini natura conciliat ad hanc tamen naturae conciliationem duae cum primis res mihi videntur plurimum conferre, eorundem scilicet studiorum societas consuetudoque convivendi” (Prologo: “quantunque sia la natura stessa ad accordare l’uomo con l’uomo, tuttavia mi sembra che due cose soprattutto diano il maggiore apporto a questa naturale socievolezza, e cioè la comunanza d’interessi e l’uso di pranzare insieme”); o, ancora: “Convivia igitur, in quibus convivalitas versatur” (2: “I conviti, dunque, dove si esercita la virtù dell’ospitalità”).
 http://www.italica.rai.it/rinascimento/categorie/convito.htm
[2]  In napoletano ho scritto “calonzo” ora tradotto in pollo. Nel dialetto napoletano ottocentesco era il “palo”  «Se il ratto va solo, la cosa rubata se la passa nel cappello; e se è accompagnato dai calonzi, la dà ad uno di essi. Il quale subito volta al primo vicolo che incontra ed aspetta per la ricreazione l’arrivo del ratto»  U C 105. http://www.bibliocamorra.altervista.org/index.php?option=com_content&view=article&id=193:il-gergo-ottocentesco&catid=45:repertori-lessicali&Itemid=78