Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Triglie con salsa di menta

In questa pietanza non si sa se evidenziare di più la triglia o la menta.
La menta sollecita alla memoria antiche figure mitologiche, richiama i suoi svariati impieghi: nella medicina popolare e in alcune pratiche magiche. Si pone nella cucina siciliana, sia quando è ancora verde ed odorosa, sia quando è ormai secca.
La salsa di menta, che si fa rientrare nella grande famiglia dei pesti, (salse ottenute cio‚ pestando il mortaio), offre a sua volta alla triglia un completamento vivace nel colore e piccante nel sapore.
Trigghi di scuogghiu, menzi trigghi, trigghioli, sono tra i pesci più prelibati della nostra isola.

.

.

INGREDIENTI
Per 6 persone:

  • 250 gr di mollica
  • 2 alici pulite e deliscate
  • 1 cucchiaio di prezzemolo tritato
  • 1 foglia di menta
  • 10 gr di capperi
  • 10 gr di zucchero
  • sale e olio q.b.
  • 10 gr di aceto in un bicchiere.

.

Bagnate la mollica con l’aceto quindi strizzatela. Unite il prezzemolo e la foglia di menta, tritati finemente. Mettete il composto in un mortaio, aggiungete i capperi e le alici e pestate versando, poco per volta, l’olio d’oliva. Una volta reso fluido, mettetelo in una terrina e aggiungete lo zucchero con un cucchiaio di aceto e ancora olio quanto basta per avere un pesto morbido e omogeneo.
Friggete le triglie dopo averle lavate ed infarinate. Scendetele dal fuoco e ponetele su fogli di carta assorbente per eliminare l’olio superfluo.
Fate raffreddare le triglie e spalmatele ad una ad una da ogni lato con la salsa di cui sopra, aspettate un po’ di minuti di modo che le triglie prendano sapore e servitele ben allineate su di un largo piatto di portata.

Similar posts
  • Pasta con aragosta Nota sin dalla più remota antichità: Plinio e gli scrittori dell’epoca la chiamarono locusta, voce pure usata nel Medioevo, l’aragosta si può ritenere a ragione, la regina dei crostacei e dei frutti di mare! Non solo per i deliziosi sapori che trasudano da essa, ma soprattutto per la particolarità della sua conformazione! Pregiata, rara, dunque [...]
  • Tonno con le cipolle Dire tonno, vuole dire “fari mattanza“. Non sono molti ad avere avuto l’opportunità di partecipare ad una delle campagne di pesca del tonno che annualmente si praticano ancora nelle coste dell’isola e massimamente nel trapanese. Quei pochi che hanno assistito, non potranno facilmente dimenticare il sottile gioco ad incastro delle reti della tonnara, i ricami [...]
  • Spaghetti con le uova di ricci Maggio e giugno sono i mesi migliori per la raccolta dei ricci di mare. A luna piena i ricci di femmina sono pieni d’uova arancione attaccate lungo l’orlo della calotta inferiore. Di solito, aperte le sfere ricciute con appositi coltelli, le uova vengono prelevate con pezzettini di pane o con cucchiaini dopo averle spruzzate di [...]
  • Cucina siciliana – Fagioli alla... La tradizione mitologica vuole che la vivacità dell’aroma della menta, risalga alla gelosia di Proserpina che trasforma in questa pianta odorosa la ninfa Mentha amata da Plutone. Esistono numerose varietà di questa specialità botanica diffusa, allo stato spontaneo in tutto il mondo. Raccolta fresca, quando permane la fragranza dell’aroma, viene comunemente usata per preparare sciroppi [...]
  • Insalata di pesce stocco Nella famiglia dei merluzzi, lo stoccafisso è da considerarsi un prodotto gastronomico tipico del messinese. In alternativa al baccalà, col quale viene spesso confuso pur essendone diverse le lavorazioni: il primo viene infatti essiccato, mentre il baccalà è trattato con il sale. Lo stoccafisso comunque è oggi diffuso in tutta l’isola e da molto tempo [...]

Nessun commento ancora

1 Ping/Trackback

  1. diggita.it on 08/01/2017 at 13:16

Rispondi