Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Triglie con salsa di menta

In questa pietanza non si sa se evidenziare di più la triglia o la menta.
La menta sollecita alla memoria antiche figure mitologiche, richiama i suoi svariati impieghi: nella medicina popolare e in alcune pratiche magiche. Si pone nella cucina siciliana, sia quando è ancora verde ed odorosa, sia quando è ormai secca.
La salsa di menta, che si fa rientrare nella grande famiglia dei pesti, (salse ottenute cio‚ pestando il mortaio), offre a sua volta alla triglia un completamento vivace nel colore e piccante nel sapore.
Trigghi di scuogghiu, menzi trigghi, trigghioli, sono tra i pesci più prelibati della nostra isola.

.

.

INGREDIENTI
Per 6 persone:

  • 250 gr di mollica
  • 2 alici pulite e deliscate
  • 1 cucchiaio di prezzemolo tritato
  • 1 foglia di menta
  • 10 gr di capperi
  • 10 gr di zucchero
  • sale e olio q.b.
  • 10 gr di aceto in un bicchiere.

.

Bagnate la mollica con l’aceto quindi strizzatela. Unite il prezzemolo e la foglia di menta, tritati finemente. Mettete il composto in un mortaio, aggiungete i capperi e le alici e pestate versando, poco per volta, l’olio d’oliva. Una volta reso fluido, mettetelo in una terrina e aggiungete lo zucchero con un cucchiaio di aceto e ancora olio quanto basta per avere un pesto morbido e omogeneo.
Friggete le triglie dopo averle lavate ed infarinate. Scendetele dal fuoco e ponetele su fogli di carta assorbente per eliminare l’olio superfluo.
Fate raffreddare le triglie e spalmatele ad una ad una da ogni lato con la salsa di cui sopra, aspettate un po’ di minuti di modo che le triglie prendano sapore e servitele ben allineate su di un largo piatto di portata.

Similar posts
  • Insalata di gamberi alla menta
    Nel medioevo non ebbero una buona fama, i gamberi o jammari o àmmari (in siciliano) erano considerati nefasti. Ancora oggi non sono apprezzati da tutti, non tanto per il gusto, quanto per un’istintiva inspiegabile avversione. In passato si dice che il popolino non ne mangiasse affatto. Secondo la tradizione popolare, gli scampi vengono chiamati jàmmari […]

    Nessun commento ancora

    1 Ping/Trackback

    1. diggita.it on 08/01/2017 at 13:16

    Rispondi