Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Teti (Tethys), la moglie di Oceano

Phillopolis – Mosaico di Teti risalente alla metà del quarto secolo

Teti (Tethys) era una Titanide, figlia di Gea e di Urano, e si identificava con una enorme massa d’acqua che scorreva nell’oceano pur restandone distinta e rappresentava l’elemento femminile fertile dei mari e dei fiumi che nutriscono la terra. Tethys da non confondere con sua nipote Thetis, la Nereide madre di Achille, risiedeva oltre del giardino delle Esperidi, dove tramonta il sole.
Oceano e Teti si unirono e generarono numerosissimi figli, gli dei-fiume, e figlie, le Oceanine. Esiodo nella sua Teogonia ne fornisce un lungo elenco ma precisa che occorrerebbe aggiungerne altre, più di 3000.
Negli inni orfici Teti è anche la madre delle nuvole. Questi figli e figlie sono rappresentati da nuvole, sorgenti, fiumi, laghi, oceani, generatori dell’acqua fresca che è origine di vita.

Mosaico raffigurante Oceano e Tetis – Museo di Gaziantep, Gaziantep, Turchia

Riportiamo alcune ricorrenti tracce mitologiche tracce su Teti:

  • Durante la guerra contro i Titani, Tethys ha allevato Rhea come se fosse sua figlia
  • Per fare piacere a Era, Téthys impedì a Callisto, amante di Zeus, di raggiungere l’oceano.
  • Quando Aesacos, figlio di Priamo  e di Alexirhoe dopo la morte della moglie Asterope non riuscì a darsi pace cercando più volte la morte, gettandosi in mare da un’erta rupe, Téthys si mosse a compassione e lo tramutò in un uccello pescatore; in tal modo potè abbandonarsi alla sua ossessione, senza offendere il creato.

La rappresentazione di Tethys è rara; appare sui mosaici assieme al suo coniuge e con due piccole ali sul fronte certamente per il suo ruolo di madre delle nuvole.

.

tratto da: tanogaboblog.it

Similar posts
  • L’impossibile cronologia: la storia è... Impossibile cronologia Gli archeologi hanno reso possibile, volenti o nolenti, a mettere in discussione la storia come oggi la conosciamo grazie alle numerose scoperte che sono state fatte in passato. Stranamente, ci sono tantissimi testi antichi che parlano di tempi in cui i giganti, gli eroi, gli dei e i semidei governavano la Terra. Questi esseri [...]
  • “Mappamondo delle Tribù Terra&#... La Tomba 100 fu scavata nel 1902 nell’antica città egizia di Nekhen, situata nell’Alto Nilo, chiamata in lingua greca Hierakonpolis (città dei falchi) e in arabo Al-Kom al-ahmar. La Tomba 100 è ritenuta risalente a un periodo compreso tra il 3500 e il 3300 a.C., un’epoca comunemente considerata “pre-dinastica”. Mentre studiava l’immagine di un panorama [...]
  • Idra di Lerna Idra era figlia di Tifone e di Echidna; sul corpo di mostruoso serpente essa aveva nove teste; abitava la palude di Lerna nel Peloponneso e ne usciva solo per devastare le greggi e le messi; il suo alito velenoso uccideva. Ercole (Eracle), in una delle sue “fatiche”, mosse contro l’idra di Lerna. Gli era compagno [...]
  • Demetra e Core – Un mito per la... La più antica denominazione è quella che ritroviamo in Omero, nel VI libro dell’Odissea: Thrinakìe. Da questo termine, per evoluzione linguistica, discenderà l’altro, più familiare di Trinacria. A chiunque l’osservi sulla carta l’isola appare come un triangolo rovesciato, figurazione geometrica che nel pensiero esoterico universale attiene sempre alla dimensione spirituale, profonda. Altre definizioni affini e [...]
  • La cruenta leggenda di Pelope Pelope ha dato il proprio nome alla dinastia dei Pelopidi, la cui storia cruenta fu caratterizzata soprattutto dal tragico destino degli Atridi. Pelope, figlio di Tantalo, fece la sua prima comparsa nella mitologia quale vittima di un delitto commesso dal padre. Figlio di Zeus, Tantalo invitò un giorno gli dei a banchetto, e per provare [...]

Rispondi