Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Sei di Palermo se……

Una pagina dedicata a tutti coloro che, come me, amano la nostra città!

(Cliccare sulle immagini per ingrandirle) 
Palermo - castello della Zisa

Palermo – castello della Zisa

Palermo - Teatro Massimo

Palermo – Teatro Massimo

Palermo - Palazzo dei Normanni

Palermo – Palazzo dei Normanni

Palermo - Palazzo dei Normanni

Palermo – Palazzo dei Normanni

Palermo - Cattedrale

Palermo – Cattedrale

Palermo - Cattedrale

Palermo – Cattedrale

 

Antonello da Messina - Annunziata, Palermo, Palazzo Abatellis

Antonello da Messina – Annunziata, Palermo, Palazzo Abatellis

Palermo - Orto Botanico

Palermo – Orto Botanico

Palermo - Madonna della Catena

Palermo – Madonna della Catena

Palermo - Santa Teresa alla Kalsa

Palermo – Santa Teresa alla Kalsa

 

  • .. hai esclamato almeno una volta nella  vita :” ma perchè aprirsi una panelleria o un ganci a milano? quanti piccioli ti fai?”

  • … la pressa per te non è  semplicemente un compattatore, ma il metaforico discrimine tra l’utile e l’inutile

  • … non sai come si dica calia e  semenza in italiano

  • … indicando un supplì in un  bar di Milano, chiedi un’arancina

  • … se hai subito  un fermo

  • … ti hanno fregato almeno una  vespa

  • … ‘scendi’ a Mondello e ‘sali’ a Palermo

  • … la pizzetta di Benny è troppo seria!!

  • … non hai idea di dove sia viale Margherita di Savoia, ma sai  benissimo dov’è la discesa di Mondello (anche se la fai in salita)

  • … se il motore non è un pezzo della macchina, ma un  mezzo di locomozione

  • … ‘scendimi le chiavi!’

  • … riesci a NON vedere il mare da casa anche abitando  a 20 metri dalla costa

  • … “minchia favoloso”

  • … “alla festa c’era mezza Palermo”

  • … “che duciiii!!!”

  • … ‘ti sei ammuccato  con…’

  • … ‘cumpà, tuttapposto?’

  • … appena lavi la macchina comincia a piovere…sabbia!

  • … sai che l’unita’ di misura della sasizza e’ il  cadduozzu

  • … hai fatto almeno un goal di puntazza arraggiata

  • … la pasta col forno è troppo bella

  • … ogni volta che c’è un incidente ti fermi  bloccando il traffico per analizzare la situazione e poter dire la tua

  • … ogni volta ti fermi se c’è un aggaddu

  • … per  far capire che hai fretta di andare ti esprimi in termini di produzione  casearia: “Amunì volete quagliare??”

  • … in  ‘piazza Alcide De Gasperi’ e in ‘via Isidoro La Lumia’ il nome proprio ce lo devi mettere per forza, ma come si chiama  il signor Sciuti di  ‘via Sciuti’ proprio non lo sai

  • … se il pulsante non  lo premi, ma lo pressi

  • … non sai dire in italiano  la seguente frase : ‘voi due quanto vi levate?’

  • … ti chiama a casa il portiere del palazzo di tuo nonno, per dirti che la  signora D’alia gli ha detto di dirti che c’è la finestra della veranda  aperta e che quindi magari entra acqua e forse sarebbe il caso di  chiuderla…

  • …. “nella tua via” ci sono  sempre 2 vigili e 2 posteggiatori abusivi di motorini che, come le  rette parallele, scorrono vicini ma non si incontrano mai…

  • … pur essendo proprietario di un solo appartamento, parlando dici  sempre “Nel mio palazzo….”

  • … il barista ti  chiede “quanti pezzi sono?”

  • … non si torna a  casa prima di andare a mangiare il pizzotto!

  • “…ma che dobbiamo combinare?”

  • … la sera “devi  uscire il cane”

  • … se “cali” la pasta e se mi passi la “mappina”

  • … indossi il “fasciacollo” e “lasci libbero lo scarrozzo”

  • … è arrivato il momento di sbarazzare il garage

  • … ti mangi un pupo cu zuccaru da dietro così non si nota

  • … “mezza parola”

  • … “non c’è pobblema”

  • …”minchia per essere arrivato ddà, sape iddu cu è so patre”

  • … compri la carne in “carnezzeria”

  • … devi andare a casa di qualcuno e “Avvicino io più tardi!”

  • …quando trovi posteggio ad un raggio superiore ai 3 metri, rispetto al posto dove devi andare: “tanto vale ca lassava a machina aà casa”

  • …. il titolo “sig.” per te è un’offesa

  • … “tutta a to razza”

  • … “fango” è la parola con cui identifichi la maggior parte dei tuoi conoscenti

  • … la seconda casa è il “villino”

  • … “quannu viegnu a to casa tuppulìu chi pieri”

  • … “Un t’allaiggari”

  • … “A tua è un chiuovu, a pruvari?”

  • … manci tinnirumi e mennuli frischi

  • …”sta parrannu cu mmia? “

  • … “minchia, mi vulia futtiri, ma io futtivu a iddu”

  • … “a chi niesci scinni a munnizza”

  • … “acchissi di passaggiu puorta u pani”

  • … “senti a to frati chi ti rici”

  • … quando esci di casa dici “sto tornando!”

  • … per chiedere informazioni stradali “… di qua si puo’ prendere?..”

  • … salutando qualcuno ” …tante cose…”

  • … dal gelataio ” ….mi fa na brioscia ? …”

  • … quando ritorni a Palermo, in aereoporto ci sono 6 o 7 parenti ad attenderti… anche se sei stato in vacanza una settimana..

  • … l’anguria è il “mellone”..

  • … se entrando/uscendo, in chiesa, ti baci la mano dopo il segno della croce, come quinto gesto!

  • … tornando dal fruttivendolo ” mi passò cari….”

  • … per chiedere un prezzo dici: ” quant’è ?”

Similar posts
  • Tonno al ragù
    Nella tradizione gastronomica della Sicilia la distinzione tra cucina povera e ricca o nobiliare ha ormai un significato convenzionale. Ciò perchè‚ di fatto, molti piatti della cultura popolare sono passati nella categoria “superiore” e viceversa. E’ il caso di questo secondo di pesce originario dell’isola di Favignana. La “tunnina” è la femmina del tonno ed […]