Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Satet, un’antica dea egizia

Satet era un’antica dea egizia conosciuta come “colei che vola come una freccia.”

Satet (immagine tratta da: neo2055.deviantart.com)

Molti la associavano con la guerra, ma era legata alla fertilità e alle inondazioni del Nilo ed era considera la protettrice delle acque del fiume.
Questo legame con il Nilo e l’essere la protettrice del fiume e delle relative inondazioni indusse ad essere considerata come “Il continuo cambiamento” data la volubilità e la variabilità del flusso di questo grande fiume africano. Così il nomignolo “che vola come una freccia” potrebbe anche essere correlata alla corrente del fiume.

Satet è stata la compagna di Khnum e la madre o la sorella Anuket e con loro faceva parte della triade di Elefantina.

Tuttavia, con questo tipo di antiche dee, dobbiamo considerare i diversi aspetti che vengono loro attribuiti. Per Satet sappiamo che alcuni sostenevano che era collegata a un aspetto del fiume mentre altri non esitavano ad associarla con la guerra. Altre fonti ci dicono che la funzione primaria della dea era la protezione del confine meridionale dell’Egitto, ritenendola responsabile dell’uccisione, con le sue frecce, di alcuni nemici del Faraone.

Questa dea era raffigurata come una donna con una corona, la corona bianca dell’Alto Egitto. È stato anche rappresentata come una gazzella cornuta o un’antilope.

Il nome Satet è stato ritrovato in brocche di ceramica risalenti alla terza dinastia. Questi vasi sono stati trovati in Saqqara, conosciuta come la piramide di Djoser. Inoltre, sono stati trovati anche dei testi della VI dinastia in cui è stato fatto riferimento alla dea Satet.

Muro di cinta del Tempio di Satet

Per quanto riguarda il suo culto, la dea era venerata nell’isola di Sehel, nei pressi di Assuan. In Inoltre, sulla Elefantina è noto il Tempio di Satet, costruito da Hatshepsut.

Similar posts
  • Anuket, una dea del Nilo   Anuket, dea dell’isola di Sehel e della prima cateratta, veniva raffigurata con un copricapo di strana foggia, forse di origine straniera. Assieme a Khnum e Satet, di cui era forse figlia, formava la triade di Elefantina. I primi egizi credevano che Anukhet o Anuket fosse la dea della regione vicina di Nubia che, in [...]
  • Antonio Allegri detto il Correggio &#... Antonio Allegri detto il Correggio insieme a Raffaello e Michelangelo costituisce la cosiddetta triade rinascimentale. Riconosciuto dai suoi contemporanei come sommo artista è considerato tra i massimi artisti della storia dell’arte ma, pressoché sconosciuto al grande pubblico, è oscurato dalla fama di altri contemporanei. vedi note biografiche in:  Antonio Allegri detto il Correggio (1489 – [...]
  • Antonio Allegri detto il Correggio (1... Antonio Allegri detto il Correggio insieme a Raffaello e Michelangelo costituisce la cosiddetta triade rinascimentale. Riconosciuto dai suoi contemporanei come sommo artista è considerato tra i massimi artisti della storia dell’arte ma, pressoché sconosciuto al grande pubblico, è oscurato dalla fama di altri contemporanei. Correggio aveva la grande capacità di rendere al meglio gli effetti [...]
  • Le dee dell’antico Egitto Nell’antico Egitto erano venerate circa 3000 divinità in quanto ogni villaggio aveva la propria; gli dei più importanti, e che erano venerati in tutto l’Egitto, erano quelli che componevano l’Enneade, cioè: Atom-Ra, Shu, Tefnut, Nut, Geb, Iside, Seth, Osiride e Nefhti. Una delle leggende della creazione del mondo presso gli antichi Egizi dice che dalle [...]
  • Le principali triadi delle più import... All’inizio dell’epoca storica per il fenomeno del sincretismo, la coesione di elementi dottrinali diversi realizzate in seguito a esigenze pratiche e col fine di comporre un sistema ideologico o religioso unitario, diverse divinità s’identificarono fra loro scambiandosi aspetto, attributi e funzioni oppure costituendosi in triadi a carattere familiare. Ecco le principali triadi delle più importanti [...]

Nessun commento ancora

1 Ping/Trackback

  1. Anuket, una dea del Nilo | Tanogabo on 09/07/2017 at 19:08

Rispondi