Suor_Faustina KowalskaSanta Faustina nacque il 25 agosto 1905 a Glogowiec, piccolo villaggio della Polonia centrale, come terzogenita di dieci figli di modesti contadini. Non termina gli studi elementari e nel 1919 va a servizio presso gente conosciuta dalla famiglia, per guadagnarsi qualcosa ed aiutare la famiglia. 
Nel 1920 dichiara alla mamma che vuole andare in convento, ma i genitori sono contrari. Il 1° agosto 1925 è ammessa come postulante nella Congregazione delle Suore della Beata Vergine Maria della Misericordia a Varsavia e inizia a lavorare nella cucina. Visse nei diversi conventi, a Varsavia, Cracovia, Vilnius, lavorando nella cucina, nel giardino e nella portineria.
Gesù ha scelto questa semplice suora e grande mistica come Apostola della Sua Misericordia. Si è servito di lei per ricordare al mondo l’eterna verità sull’amore misericordioso di Dio per l’uomo. Le ha affidato un messaggio destinato all’umanità intera. La sua missione consistette anche nel divulgare delle nuove forme del culto alla Divina Misericordia e nell’inspirare un movimento di rinnovamento religioso nello spirito della fiducia e della misericordia cristiana. Gode di grazie mistiche e di visioni, è visitata dall’angelo custode, ma attraversa anche una dolorosa notte dello spirito. 
Gesu_pregaIl 22 febbraio 1931 ha una visione di Gesù che le ordina di dipingere un’immagine secondo il modello che vede e le parla della Misericordia, costituendola strumento eletto dall’eternità  per comunicare al mondo questa “devozione”. 
Voglio che l’immagine… ha detto Gesù a suor Faustina – venga solennemente benedetta nella prima domenica dopo Pasqua: questa domenica deve essere la festa della Misericordia….. In quel giorno sono aperti tutti i canali attraverso i quali scorrono le grazie divine.”
La mia misericordia agisce in tutti i cuori che le aprono la porta“. 

La festa della Divina Misericordia deve essere preceduta da una novena da iniziarsi il venerdì santo assieme alla coroncina della Misericordia (coroncina che S. Faustina recitava spesso per gli agonizzanti ma anche per i bisogni temporali non suoi). 
Il Signore Le dice : “Figlia mia, esorta le anime a recitare la coroncina che ti ho dato. Per la recita di questa coroncina Mi piace concedere tutto ciò che mi chiederanno“. 
Dopo tante preghiere la nostra santa  ha la grazia di avere un direttore spirituale santo, sperimentato, dotto, don Michele Sopocko. 
Senza un direttore spirituale, scrive Faustina, si può andare facilmente fuori strada.  
Gesù desidera anche  la fondazione di una nuova congregazione, il cui scopo doveva essere quello di impetrare la Divina Misericordia per il mondo; solo dopo la morte di suor Faustina grazie all’interessamento di don Sopocko sorge questa nuova congregazione (Congregazione delle Suore di Gesù Misericordioso).
Assiste spesso in spirito le anime degli agonizzanti ed ottiene loro la fiducia nella divina misericordia. 
A questo proposito S. Faustina scrive che la misericordia di Dio talvolta raggiunge il peccatore all’ultimo momento, in modo singolare e misterioso.
L’anima viene illuminata dal raggio di una vigoroso ultima grazia divina,  (quando all’esterno tutto sembra perduto). 
E’ molto devota alla Madonna, che le appare diverse volte e la incoraggia e a San Giuseppe, che la sollecita ad avere per lui una devozione costante (giornaliera). 
Le appare  Santa Barbara vergine che la invita a fare una novena per la sua patria, la Polonia. Santa Faustina ama la sua patria, la Polonia (forse anche noi dovremo amare di più la nostra patria e pregare per essa). Dio è sdegnato con Varsavia per i peccati che si commettono (l’aborto) e chiede riparazione. E’ assistita dall’angelo custode e da uno dei sette spiriti che stano davanti al trono di Dio. Sotto la guida  di un angelo venne condotta nell’inferno. 
“Io Suor Faustina, per ordine di Dio sono stata negli abissi dell’inferno, allo scopo di raccontarlo alle anime e testimoniare che l ‘inferno c’é ” . 
In spirito vede anche il paradiso. San Michele Arcangelo le appare e le assicura la sua protezione costante contro le forze del male, che la odiano fortemente. 
Essendo impossibilitata a ricevere la comunione, per tredici giorni un  angelo serafino la comunicò. 
Ha fenomeni di bilocazione, comunicazioni con gli spiriti celesti e del purgatorio, grande carisma di intercessione per le anime. 
Scrive Suor Faustina alcuni mesi prima di morire: “Dato che ora non posso dormire di notte neppure un po’ perché i dolori non me lo permettono, visito tutte le chiese e cappelle e, sebbene per poco tempo, adoro il SS. Sacramento. Quando torno nella mia cappella (di Cracovia), prego per certi sacerdoti che annunciano e diffondono la Misericordia di Dio, per le intenzioni del Santo Padre e per i peccatori”. 
Suor_Faustina Kowalska2Gesù si compiace della misericordia di questa sua umile e modesta serva ed un giorno venne alla porta del convento (Faustina in quel periodo era portinaia) sotto l’apparenza di un giovane povero, macilento con i vestiti a brandelli, scalzo ed a capo scoperto, infreddolito.
 Chiese di poter mangiare qualcosa di caldo; la nostra suora trovò in cucina un po’ di minestra che,  riscaldata e arricchita di un po’ di pane sminuzzato,venne offerta al poverello,  poverello che dopo aver mangiato e aver consegnato la scodella vuota si rivela come il Signore, sceso dal Suo trono (dopo aver udito le benedizioni dei poveri che ricevevano misericordia da questa straordinaria portinaia) per assaggiare…… il frutto della misericordia di questa sua serva. 
Questo episodio l’ho riportato per evidenziare come Gesù ci è vicino ed apprezza le opere di misericordia che possono essere di varie specie  (azioni, parole, preghiere).

Faustina subisce dispetti da alcune consorelle, invidiose. A tal proposito scrive la santa: “Una certa suora mi perseguita di continuo per il fatto che Dio ha rapporti così stretti con me. A lei sembra che tutto ciò sia una finzione da parte mia. Quando ritiene che io abbia commesso qualche mancanza dice: <hanno le visioni e commettono colpe di questo genere>”. Ne ha parlato in giro alle altre suore con un’interpretazione sempre sfavorevole; diffonde prevalentemente l’opinione che si tratti di una mezza pazza. Un giorno mi diede fastidio che quella goccia di intelligenza umana indagasse a tal modo sui doni di Dio. Dopo la Santa Comunione pregai perché Iddio la illuminasse. Conobbi tuttavia che quell’anima, se non cambia la sua disposizione interiore, non giungerà alla perfezione.” 

Sour Faustina morì il 5 ottobre 1938 consunta dalla tubercolosi (a 33 anni), viene beatificata il 18.4.1993, viene canonizzata a Roma il 30 aprile 2000 dal Papa davanti ad una folla di molte migliaia di persone radunate a San Pietro: italiani, tedeschi, americani ecc. si commuovono.

Oggi il nome della Santa Sour Faustina è conosciuto in tutti i continenti e il messaggio della Divina Misericordia è seguito da un crescente numero di fedeli. Il Signore aveva scelto Suor Faustina come segretaria e apostola della Sua misericordia per trasmettere, mediante lei, un grande messaggio al mondo.

Nell’Antico Testamento mandai al Mio popolo i profeti con i fulmini. Oggi mando te a tutta l’umanità con la Mia misericordia. Non voglio punire l’umanità sofferente, ma desidero guarirla e stringerla al Mio Cuore misericordioso (D., p. 522).

La missione di Suor Faustina è stata descritta nel “Diario” che essa redigeva seguendo il desiderio di Gesù e i suggerimenti dei padri confessori, annotando fedelmente tutte le parole di Gesù e rivelando il contatto della sua anima con Lui. Il Signore diceva a Faustina:

Segretaria del Mio mistero più profondo, …il tuo compito più profondo è di scrivere tutto ciò che ti faccio conoscere sulla Mia misericordia, per il bene delle anime che leggendo questi scritti proveranno un conforto interiore e saranno incoraggiate ad avvicinarsi a Me (D., p. 557).

Quest’opera infatti avvicina in modo straordinario il mistero della misericordia Divina. Il “Diario” affascina non soltanto la gente comune ma anche i ricercatori che vi scoprono una fonte supplementare per le loro ricerche teologiche. Il “Diario” è stato tradotto in varie lingue, tra cui inglese, francese, italiano, tedesco, spagnolo, portoghese, russo, ceco, slovacco e arabo.

fregio_sito

Un giorno in cui ero all’adorazione ed il mio spirito era quasi in agonia per la nostalgia di Lui e non riuscivo a trattenere le lacrime, all’improvviso vidi uno spirito che era di grande una bellezza, che mi disse queste parole:
Non piangere, dice il Signore“.
Dopo un attimo domandai:“Tu chi sei?”.
Ed egli mi rispose:”Sono uno dei sette spiriti che stanno giorno e notte davanti al trono di Dio e l’Adorano senza posa“.

Tuttavia quello spirito non alleviò la mia nostalgia, ma suscitò in me una maggiore nostalgia di Dio. Quello spirito non mi lascia un istante, mi segue ovunque. Il giorno dopo, durante la S. Messa, prima dell’elevazione, quello spirito cominciò a cantare queste parole:”Santo, Santo, Santo“: La sua voce era come se equivalesse a migliaia di voci, impossibile descriverla.

Ad un tratto il mio spirito venne unito a Dio; in un attimo vidi l’inconcepibile grandezza e santità di Dio e nello stesso tempo conobbi la nullità che io sono in me stessa. Conobbi in maniera più evidente di qualsiasi altra volta le Tre Persone Divine: il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo. Tuttavia la loro essenza è una, come pure l’uguaglianza e la maestà. La mia anima è in rapporti di intimità con le tre Persone, per ciò stesso è unito con tutta la Santissima Trinità, poiché la loro unità è indivisibile.

Questa visione, cioè questa conoscenza mi riempì l’anima di una felicità inimmaginabile, per il fatto che Dio è così grande.

Quello che ho descritto qui non l’ho visto con gli occhi, come in passato, ma in una visione interiore, in modo puramente spirituale ed indipendente dai sensi. Questo durò fino alla fine della S. Messa.

Dal “Diario” di Santa Faustina Kowalska, Libreria Editrice Vaticana, pag.190

fregio_sito 

“Scrivi ciò…Prima di venire come giusto giudice, vengo prima come Re di Misericordia. Prima della venuta del Giorno della Giustizia, ci sarà un segno nel Cielo dato agli uomini. Ogni luce sarà spenta nel Cielo e sulla terra. Allora apparirà dal Cielo il Segno della Croce. Da ciascuna delle piaghe delle mie mani e dei miei piedi, usciranno delle luci che rischiareranno la terra per un istante…”.
“L’umanità non troverà la pace fino a quando essa non conoscerà il Mio Messaggio e non lo metterà in pratica”.

Oh, come sono lieta di essere la Tua abitazione, o Signore! Il mio cuore è un tempio nel quale dimori continuamente…

Una sola cosa mi sostiene, ed è la santa Comunione. Da essa attingo la forza, in essa c’è il mio sostegno.Gesù nascosto nell’Ostia è tutto per me. Dal tabernacolo attingo forza, vigore, coraggio, luce; lì nei momenti d’angoscia cerco sollievo.

linea2_bPapa_G_P_II2Giovanni Paolo II – che è stato un grande contemplativo – era invece profondamente aperto al soprannaturale. 

Come dimostra la sua venerazione per Helena-Faustina Kowalska (una delle più grandi mistiche del Novecento) che lui stesso ha contribuito a far accettare (anche al S. Uffizio, negli anni Sessanta), che lui ha canonizzato e per cui ha istituito la festa della Divina Misericordia che – nelle intenzioni del Papa – doveva essere la chiave di lettura del Novecento e della storia intera (come ha sottolineato anche nell’ultimo libro, Memoria e identità).  

Cronologia degli avvenimenti interessanti Santa Faustina Kowalska

Anno Periodo Avvenimento
1905 25-ago Santa Faustina nasce a Glogowiec in Polonia, distretto di Turek, prefettura di Poznan (attualmente Swinice Warckie, voivodato di Konin).
27-ago È battezzata nella Parrocchia di S. Casimiro a Swinice Warckie dal parroco Don Giuseppe Chodynski e le viene imposto il nome di Elena.
1912 La piccola Elena durante i Vespri, davanti al SS.mo Sacramento esposto, sente nell’anima per la
1914 Elena riceve la Prima Comunione dalla mano del parroco, Don Romano Pawlowski.
1917 autunno Inizia a frequentare la scuola elementare a Swinice.
1919 autunno Vietata, a causa dell’età, alla quattordicenne Elena l’ulteriore frequenza della scuola, col permesso della mamma, ella va a servizio presso gente conosciuta in Aleksandrów, vicino a Lódz, per guadagnarsi qualcosa ed aiutare la famiglia. Durante questo periodo ha la visione di un gran chiarore e poco dopo torna a casa.
1920 estate Elena dichiara a sua mamma che vuole andare in convento, ma i genitori sono decisamente contrari alle sue aspirazioni.
tarda estate autunno Si reca a Lódz per cercare lavoro allo scopo di guadagnarsi la somma necessaria per la dote. Lavora a servizio domestico.
1921 30-ott Riceve in Aleksandrów il sacramento della Cresima.
1922 autunno-inverno La diciottenne Elena chiede insistentemente ai genitori il permesso di entrare in convento e riceve un rifiuto categorico.
1923 02-feb Inviata dall’Ufficio di Collocamento, Elena si presenta per servizio alla sig.ra Marcjanna Sadowska-Wieczorek ed accetta di buon grado le condizioni di paga notevolmente bassa proposte dalla datrice di lavoro.
02-lug Incontra in una chiesa di Varsavia Don Giacomo Dabrowski che le trova un idoneo servizio domestico presso la famiglia Lipszyc finché non venga accolta in un convento.
1924 fine luglio – inizio agosto Dopo esser stata respinta ovunque abbia chiesto l’ammissione, Elena bussa infine alla porta della Congregazione delle Suore della Beata Vergine Maria della Misericordia a Varsavia e chiede di esservi accolta.
1925 1° agosto Elena è ammessa come postulante fra le suore coadiutrici nella Congregazione della Beata Vergine Maria della Misericordia nella casa di via Zytnia 3/9 a Varsavia e comincia a lavorare nella cucina.
1926 23-gen Elena Kowalska va a Cracovia per terminare il postulato.
30-apr Dopo gli esercizi spirituali di otto giorni, Elena Kowalska inizia il noviziato ricevendo l’abito e il nome da religiosa. Da questo momento si chiamerà Sr. Maria Faustina.
1927 marzo-aprile Santa Faustina attraversa un periodo di oscurità spirituale. Questa prova dura quasi fino alla conclusione del noviziato.
1928 16-apr Il Venerdì Santo l’ardore dell’amore divino prende la novizia sofferente; essa dimentica le sofferenze passate e riconosce più chiaramente quanto Cristo abbia sofferto per lei.
1928 20-apr La sera Santa Faustina inizia con altre suore gli esercizi spirituali prima di pronunciare i voti temporanei.
30-apr Santa Faustina pronuncia i primi voti temporanei che rinnoverà annualmente per cinque anni fino ai voti perpetui. Rimane nella casa di Cracovia lavorando nella cucina delle suore.
6-10 ottobre Nel Capitolo Generale viene eletta come Superiora Generale Madre Michaela Moraczewska che aveva accolto Elena Kowalska nella Congregazione. Nei momenti difficili fu per lei un aiuto e una consolazione.
31-ott Santa Faustina viene trasferita nella casa di Via Zytnia a Varsavia.
1929 giugno Santa Faustina viene assegnata alla casa appena fondata in Via Hetmanska a Varsavia.
1930 giugno Santa Faustina viene assegnata alla casa di Plock. Li lavora nel forno, in cucina e nel negozio collegato al forno.
1931 22-feb A Plock, la sera della prima domenica di Quaresima, Sr. Faustina ha una visione di Gesu che le ordina di dipingere un’immagine secondo il modello che vede.
1932 novembre Santa Faustina si reca a Varsavia per la Terza Probazione alla quale i membri della Congregazione si sottopongono prima di pronunciare i voti perpetui.
1933 21-apr La sera iniziano gli Esercizi Spirituali di otto giorni tenuti da P. Wojnar S.J. ai quali partecipa anche Santa Faustina.
1° maggio Santa Faustina pronuncia i voti perpetui. Il Vescovo Mons. Stanislao Rospond presiede la cerimonia dei voti.
1933 25-mag Santa Faustina parte per Wilno, sua nuova destinazione.
1934 02-gen Santa Faustina si reca per la prima volta dal pittore E. Kazimirowski incaricato dal suo direttore spirituale — Don M. Sopocko — di dipingere l’immagine di Gesu Misericordioso.
29 marzo Giovedì santo durante la S. Messa Su richiesta del Signore Santa Faustina si offre per i peccatori, in modo particolare per quelle anime che hanno perso la fiducia nella Divina Misericordia.
fine giugno Viene terminata l’immagine della “ Divina Misericordia ” che sotto la direzione di Santa Faustina è stata dipinta dal pittore Kazimirowski. Santa Faustina piange amaramente perché Gesù non appare così bello come ella Lo ha visto.
12-ago “Domenica […] Forte indebolimento di Sr. Faustina. Viene chiamata la dott. Maciejewska ed il Rev.do Don Sopocko che le amministra l’Olio santo ”.
13-ago “ Lunedì. La salute di Suor Faustina migliora ”.
26-ott Ritornando con le educande dall’orto per la cena (10 minuti prima delle 18) Santa Faustina vede il Signore Gesù al di sopra della cappella della casa di Wilno con lo stesso aspetto che aveva durante la visione a Plock, cioè con raggi chiari e rossi. Questi raggi abbracciano la cappella della comunità, l’infermeria delle educande e si allargano successivamente sul mondo intero.
1935 15-feb Santa Faustina parte per recarsi da sua madre malata ed in pericolo di morte.
26-apr Santa Faustina collabora all’allestimento e all’addobbo dell’immagine della Divina Misericordia esposta alla venerazione pubblica, per la prima volta nel Santuario di Ostra Brama per la celebrazione della chiusura del Giubileo della Redenzione.
1935 19-ott Sr. Antonina e Santa Faustina partono per partecipare agli esercizi spirituali di otto giorni a Cracovia.
1936 08-gen Santa Faustina si reca in visita dall’Arcivescovo Jalbrzykowski e gli rivela che il Signore Gesù esige che sorga una nuova congregazione.
12-mag Santa Faustina viene assegnata alla casa di Cracovia dove rimarrà fino alla morte.
19-set Santa Faustina viene visitata nel sanatorio di Pradnik.
20-ott Santa Faustina partecipa agli esercizi spirituali di otto giorni.
09-dic Cercando di salvaguardare la salute di Santa Faustina, le superiore la inviano al sanatorio di Pradnik presso Cracovia.
24-dic Con il permesso dei medici Santa Faustina si reca per la festa del S. Natale in convento.
27-dic Santa Faustina ritorna in ospedale per ulteriori cure.
1937 27-mar “ Per le feste di Pasqua Sr. Faustina è tornata da Pradnik ormai definitivamente; la sua salute è nettamente migliorata ”.
13-apr Lo stato di salute di Santa Faustina peggiora a tal punto da farle pensare che, se la tosse si fosse ripetuta ancora un paio di volte, sarebbe stata certamente la fine.
14-apr Santa Faustina si accorge che è completamente guarita.
29-lug Santa Faustina parte per Rabka per convalescenza.
1937 10-ago Santa Faustina torna a Cracovia da Rabka, dove, per il clima non adatto a lei, soffre ancor più di prima.
29-ago Santa Faustina riceve la visita del suo confessore Don Michele Sopocko.
06-set Santa Faustina riceve una nuova incombenza, dall’orto alla porta. E decisivo per questo cambiamento il suo stato di salute che va peggiorando.
27-set Santa Faustina con M. Irene Krzyzanowska, superiora della casa a Cracovia, si reca in citta a motivo della stampa delle immaginette della Divina Misericordia.
ottobre Gesù rivela a Santa Faustina un’altra forma della devozione alla Divina Misericordia: l’ora della Misericordia, da osservarsi ogni giorno alle tre del pomeriggio.
1938 02-feb Santa Faustina sperimenta atroci tentazioni contro la santa fede.
21-apr Lo stato di salute di Santa Faustina peggiora a tal punto che deve essere ricoverata in ospedale.
2-5 giugno Prima della Pentecoste Santa Faustina fa tre giorni di esercizi spirituali sotto la guida di Gesù stesso.
23-lug La Madre Generale M. Moraczewska, in visita alla casa di Cracovia, va a trovare Santa Faustina nel sanatorio e la vede per l’ultima volta in terra.
agosto Santa Faustina indirizza la sua ultima lettera alla Madre M. Moraczewska. Chiede scusa per tutte le mancanze commesse durante la sua vita nella Congregazione e finisce con le parole: “ Arrivederci in cielo ”.
25-ago Il Cappellano Don Czaputa si reca a Pradnik per confessare Santa Faustina e amministrarle il Sacramento degli infermi.
02-set Don Sopocko, durante una visita a Santa Faustina nel sanatorio di Pradnik, la vede in estasi.
1938 17-set “ Sr. Faustina è ricondotta al convento da Pradnik. È molto debole. Non riesce affatto ad alzarsi e praticamente non mangia. È rassegnata e molto edificante. Aspetta il momento in cui si unirà al Signore Gesù. E non teme affatto la morte”.
22-set “ Sr. Faustina ha chiesto scusa a tutta la comunità ” per le involontarie mancanze commesse durante tutta la sua vita in religione (una consuetudine della congregazione).
02-ott “ Sr. Faustina sta sempre peggio. Ma con esemplare tranquillità attende la sua morte ”.
05-ott “ Oggi alle 22 e 3/4 Sr. Faustina dopo lunghe sofferenze sopportate con grande serenità e pazienza, è partita al Signore per ricevere la ricompensa promessa. Ancora oggi alle 16 del pomeriggio era arrivato P. Andrasz e Sr. Faustina si era confessata per l’ultima volta; la sera alle 9 il Cappellano insieme alla comunità riunita aveva recitato le preghiere per gli agonizzanti. Sr. Faustina cosciente fino all’ultimo momento poteva unirsi con noi nello spirito ”.
07-ott Santa Faustina viene sepolta nella tomba comune del cimitero della comunità (che si trova nell’orto della casa della Congregazione a Cracovia-Lagiewniki).
1965 ottobre Inizio del processo informativo nella Causa di beatificazione di Santa Faustina nell’Arcidiocesi di Cracovia.
1966 25-nov Traslazione dei resti mortali di Santa Faustina dal cimitero della comunità nella cappella delle Suore della Beata Vergine Maria della Misericordia.
1967 20-set Chiusura del processo informativo diocesano al quale presiede S.E. il Cardinale Karol Wojtyla. I documenti del processo sono inviati a Roma.
1968 31-gen Con il Decreto della Congregazione della Cause dei Santi si apre il processo di beatificazione della Serva di Dio Sr. Faustina.
1993 18-apr Beatificazione di Sr. Faustina Kowalska a Roma.
1994 1° gennaio S.E. il Cardinale Camillo Ruini, Vicario di Sua Santità Giovanni Paolo II, stabilisce che la Chiesa di S. Spirito in Sassia a Roma, promuova la spiritualità della Divina Misericordia.
1° settembre La Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti approva il testo della Messa votiva “de Dei Misericordia”, che per volontà del Santo Padre Giovanni Paolo II viene dato in uso alla Chiesa universale.
1995 23-apr Sua Santità Giovanni Paolo II celebra nella Chiesa I Domenica di Santo Spirito in Sassia la Messa solenne nella dopo Pasqua Domenica della Divina Misericordia.
1999 11 aprile I Domenica dopo Pasqua S.E. il Cardinale Fiorenzo Angelini celebra in Piazza S. Pietro la Festa della Divina Misericordia.
1999 1-3 ottobre I Convegno della Divina Misericordia in Italia, celebrato presso la Chiesa S. Spirito in Sassia a Roma.
2000 30-apr Canonizzazione della Beata Faustina Kowalska.
2001 22 aprile I Domenica dopo Pasqua Il Santo Padre Giovanni Paolo II celebra in Piazza S. Pietro la Messa solenne nella Domenica della Divina Misericordia

 

vedi anche:

.