A TRILUSSA
.

.

Me so’ accostato alla poesia della mia Roma bella

nun tanto leggenno er Belli, Zanazzo o Pascarella

ma ammiranno li versi forse der poeta, un portento,

più bravo o mejo de chi ha fatto conosce er nostro dialetto

a tutto er Paese co’ li sui sonetti da legge co’ diletto,

pieni de satira graffiante e de romantico e struggente sentimento.

‘Sti sonetti ancora oggi contemporanei pe’ l’immutabilità

delle leggi che segnano le vicenne umane, vale a dì la verità,

l’opportunismo, l’atuzia, er carcolo, l’egoismo, la panza

che se beffa dell’idea. Sto a parlà der granne Carlo Alberto

Salustri, Trilussa (anagrammanno er su’ cognome) solerto

a coje e tradurre in versi, freschi come pesci de paranza,

l’umori, le curiosità, l’usanze, li costumi der popolo romano.

E a lui me so’ ispirato parafrasanno questi suoi sonetti piano piano

rubanno lo stile, l’atmosfera, delle più o meno tante parole

trilussiane co’ la speranza de piacè ar lettore senza daje sòle!

Insomma rispetto a ‘sto colosso faccio, cari amici, propio er nano

sentennome, miseramente, un piccolo granello in una mano.


Pe’ questo caro Trilussa te rivorgo una domanna: “Me perdoni?”

Ar sentore d’un “Si” così je dico: “Te ringrazio pe’ tutti li tui doni!

Grazie a te che me te so’ accostato come boccia ar suo boccino

parafrasanno li tui scritti e cercanno d’imitatte senza arcuna ombra,

tentanno de ricreà l’atmosfera, er tuo stile tipico trasteverino

e speranno che leggennome non te giri e te rigiri ne la tomba!”

.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.