LA FOGLIA E L’ALBERO

 

“Fra un po’ le vite nostre si divideranno” disse una Foglia ad un Albero che si spogliava,

perdendole ad una ad una e cercando di seguirle con lo sguardo ove il vento le portava.

“È arrivato l’Autunno con tutti i ricordi di una vita, la stagione più triste e più impunita,

quella che ammazza le speranze dentro il cuore. E tu me lo confermi, stai zitto come per dir:

“È finita!”

 

Ti ricordi invece a primavera i rami in fiori? E dopo i frutti, gli uccelli innamorati, il sole?

Ora non mi so’ dar pace con questo tempo dell’addio e non mi pare vero ma dovrò morir pur ‘io.

Muoio serena però se penso a quello che dovrà succeder, a quando rispunterà la prima gemma,

la prima foglia, miracolo d’una vita che si rinnova con la speranza e con la fede,

grazie alla linfa che il Padre Eterno sempre ti darà con gioia.

Con il cuore che affoga nei rimpianti e nella melanconia, aspetto rassegnata

l’ultimo soffio che mi si porterà via, per diventar foglia morta ma viva

nella mente tua, sempre e tanto”.

“Te lo giuro” sospirò l’albero asciugandosi una lacrima di pianto!

.

Sandro Boccia