Tanogabo
Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Racconto popolare de fine 800

di Sandro Boccia

.

RACCONTO POPOLARE DE FINE 800,

 

Co’ voce sommessa ma da le note dorci je parlava d’amore
e la sua maschia persona, arta e spijata, coll’occhi brillanti,
je appariva affascinante, penetrannoje ner core,
inebriata come se avesse visto ‘na cascata de diamanti.
Come parlava bene! Nun era un contadino, quer bel giovinotto,
nun come l’atri der villaggio: partito a 20 anni pe’r militare,
viaggiato e visitato le mijori città der Paese pe’ poi tornare
ma era fatto pe’ ‘n’artra vita e, prima o dopo, doveva fa’ fagotto.
Tutte le vorte che l’incontrava (la cercava) posava co’ intensità
er suo sguardo e lei tremava co’ gran turbamento e de piacere.
“Sai perché nun parto?” Sarebbe pe’ me un vero dispiacere
vive senza te”: pazza de gioia a ‘ste parole, affamata co’ avidità
de sentimento, che amava solo lei mentre je strigneva la mano
risponnenno coll’occhi come se je leggesse l’anima pian piano.

L’incontri e le promesse d’amore continuaron anche se lui voleva
vedella de nascosto, ch’era presto, diceva, de parlà co’r padre,
ma ner paese già se sussurrava su de loro e le compagne solevan
guardalla co’ malizia a differenza dell’occhiatacce de su’ padre
che je intimò: “Credi che nun sappia dove vai de notte e perché?
Taja ‘sta storia, quer giovine è de cattivo ceppo, e guai a te
se je parli ancora: amari detti brandendo er cortello acuminato.
Quanno lei lo riferì ar giovine, lui co’ sdegno: “So’ accusato
ingiustamente! Se m’ami devi provammelo d’esse innamorata”.
“Questo mai!” fece lei ma dopo tante insistenze e resistenze
come la Monaca de Monza de manzoniana memoria, la scellerata
cedette. A poco a poco er giovine nun la frequentò assiduamente
come prima, diradò l’incontri finchè lei disse:” Disgraziatamente
pe’ te giuro che t’ucciderò senza esitazione!”. Er padre una sera
a cena co’ la fijolanza fece: “L’avete saputa la novità, la novella?
Quer triste arnese che insidiava vostra sorella sposerà, è vera
la storia, la fia der su’ padrone, brutta, sciancata ma riccarella.
Se fosse capitata la disgrazia, se mi fia se fosse lassata ingannà
da quer ceffo, no co’r matrimonio ma co’ la lama jela farei pagà!
E la ragazza fremette, arrossì impallidita ma tacque e nella notte
nun chiuse occhi, agitata quanno capì d’esse in stato interessante
e da terrore ar pensiero der padre che l’avrebbe riempita de botte.
L’indomani lo cercò in fabbrica e a rimostranze lui, seduta stante,
je ribadì er suo amore. Ma durò poco questa sua tranquillità
sino a domenica e in chiesa je parve de svenì quanno a malincore
apprese delle pubblicazioni der matrimonio de li due; co’ stupore
vide mijara d’occhi che la guardavano, sentì orrore e, manco
a dillo, perse li sensi. Se risvejò ner suo letto, co’r padre a fianco
che co’ la fronte corrugata disse: “E’ dunque vero? Lo zimbello
sei stata de quer farabutto? Finirà male pe’ te e pe’ quello!”
Disse co’ fermezza: “State tranquillo, de me fate quer che volete”

Er giorno dopo, fremente se vestì, co’ la gola arsa da la sete,
mentre ‘na forza sovrumana la sorresse e la spinse a cercà
er cortello der padre che trovò nella giacca. Uscì così de casa
recannose nella via principale der paese ove vide i due passeggià.
Agnede loro incontro gridanno: ”Lassa costei sennò tabula rasa.
Sei mio, è a me che giurasti eterno amore, che sarò madre pe’ te”
Ma er giovine la respinse brutarmente: “Pazza che sei.Via da me”
‘Ste parole finirono in un rantolo: lei je piantò la lama in core:
”Che dirò a ‘sta cratura che me chiederà der padre co’ fervore?”

.

Similar posts
  • Rimeggiando tra miti, attualità e sto...
    Vi propongo il sesto approccio con la “città eterna” proposto da Sandro Boccia che ci invita, con la sua prosa rimata, a leggere considerando tre diversi aspetti della storia di Roma (“Mario e Silla”, “Nozze romane”, “Le vestali”) . MARIO E SILLA Implacabili nemici, solo una volta Mario e Silla stettero insieme: quanno sconfissero il re della […]

    Rispondi

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.