Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Proverbi siciliani

quintessenza

A

M

A ‘ccu nun tratta, mali nun trattari … lassalu a iddu stissu giudicari
a chi non vuol trattare, non lo maltrattare … lascia che si giudichi da se’
A atta ch’un po’ arrivàri a’ saìmi, rici ch’ è rancida.
la gatta che non arriva a mangiare la sugna dice che è acida.
 

A biddizza e’ menza doti
Chi possiede la bellezza, possiede già mezza dote

A casa capi quantu voli lu patrùni
In una casa entra chi vuole il padrone 

A casa veni stabbili e ccu lustru .. si u patruni fa u capumastru
la casa riesce stabile e molto bella .. se il proprietario controlla i lavori

A ciocca -un ‘nni scaccia i puddicìni
la chioccia non schiaccia i suoi pulcini.  

A codda ruppa ruppa … a sciogghi cu nun ci cuppa
la corda piena di nodi, la sbroglia chi non ha colpa

A cu ti pigghi … t’assumigghi
a chi ti prendi [quando ti sposi] … assomiglierai

A fimmina intra comu ‘na mischina … fora comu ‘na riggina
la moglie dentro casa puo’ vestire come una poveretta .. quando esce deve vestire come una regina

A iaddina ca camina … s’arricogghi ca vozza ‘china
la gallina che va per l’aia, si ritira con la pancia piena

A iatta prisciarola … fa i iattareddi orbi
la gatta che ha fretta partorisce gattini ciechi

A la casa di lu patruni ogni jornu è festa.
In casa del padrone ogni giorno è festa.

A lingua batti unni u renti roli
la lingua sbatte dove il dente duole

A lingua nunn’avi ossa … ma rumpi l’ossa
la lingua non ha ossa .. ma rompe le ossa (le parole possono far male)

A’ lingua ‘un nn’havi ossa e rumpi l’ossa
la lingua non ha ossa e rompe le ossa. 

A lupu vecchiu, nun si ‘nzigna la tana.
A lupo vecchio non si insegna la tana.

A maiu a fauci ‘mpaiu .. a giugnu a fauci ‘mpugnu
a maggio la falce preparo .. a giugno la impugno

‘A maju, si vói beni o figghiòlu, accriscici u firriòlu
se vuoi bene a tuo figlio, a maggio mettigli il mantello  

A mal’erva ‘un sicca mai
la cattiva erba non secca mai (la cattiveria è difficile da debellare) 

A matinata … fa a iurnata
la mattinata fa la giornata

‘A megghiu cosa è chioda ch’ un si rici
la miglior cosa è quella che non si dice  

A ‘mmaculata, agghj nati, e, s’un su’ nati, su siminati.
Per l’immacolata, l’aglio dovrebbe essere nato, o, comunque seminato. (infatti, non bisogna seminare l’aglio dopo questa data) 

A morti e’ capricciusa … lassa a vecchia e pigghia a carusa
la morte e’ capricciosa .. lascia la vecchia e si porta via la giovane

A’ mugghièri r’àvutru, è sempri cchiu bedda
la moglie degli altri, è sempre più bella. 

A’ mugghièri r’u latru, ‘u ‘nn’ è sempri chi gori
la moglie del ladro, non sempre gode. 

A omu ‘ngratu e cavulu ciurutu … chiddu ca fai tuttu e’ pirdutu
all’uomo ingrato e al cavolo in fiore … tutto cio’ che fai e’ perduto

‘A pècura chi fa mè, perdi ‘u vuccùni
la pecora che bela perde il boccone. 

A picca ‘a picca … u monacu s’anficca
a poco a poco il monaco s’intrufola
 

‘A pignàta ‘n comuni ‘un vugghi mai
la pentola in comune non bolle mai

A robba ‘na cascia e a figghia ‘na fascia
la dote deve essere nella cassapanca quando già la figlia è in fasce

A robba, cu ‘a fa ‘un nn’a sfa
chi accumula un patrimonio non lo sperpera. 

A san Martinu, ogni mustu e’ vinu
a san Martino, ogni mosto diventa vino. 

A Sant’Aita prima s’ a’rrubbanu e ‘ppoi ci ficiru i potti ri ferru
la statua di Sant’Agata solo dopo che se la rubarono, fu protetta da cancelli di ferro

A sant’Anna, pigghia ‘u panaru e vattinni ‘a vigna
a sant’Anna prendi il paniere e vai nel vigneto. (perché l’uva è quasi matura) 

A scaciuni do figghiolu … a matri s’ammucca l’ovu
con la scusa del figlioletto .. la mamma si mangia l’uovo

A scuzzaria ammenzu a via .. u immu so’ nun su talia
la tartaruga non guarda la sua gobba

A stizzana, ‘o capìzzu fa ‘u fossu
la goccia cadendo sempre nello stesso punto, riesce a fare un buco. Così, per le persone che hanno un’idea fissa, questa può avere conseguenze funeste. 

A surci vecchiu, nun si ‘nzigna a tana.
Al topo vecchio, non si insegna la tana.

A tempu di racina e ficu … nun si canusci amicu
durante il periodo della raccolta dell’uva e dei fichi [in tempi floridi]… non si conosce amico

‘A tempu ri dilùviu, tuttu nata
quando diluvia, tutto galleggia  

A tramuntana o tri ‘ghionna o na simana
il vento di tramontana dura tre giorni o una settimana

A virdura e a fimmina nura … portunu l’omu a’ sipurtura
la verdura e la donna nuda .. portano l’uomo alla sepoltura

A zita avustìna ‘un si gori ‘a cuttunìna
la sposa che va a nozze nel mese di agosto, non si gode la coperta imbottita. 

‘A zita majulìna ‘un si cori mustu e mancu racìna.
La sposa che va a nozze a maggio non si gode ne l’uva, ne il mosto, poiché muore prima della vendemmia.
 

A’ ‘nnunziata … amara ‘dda vigna ca nunn’e’ putata
nel periodo dell’Annunziata … povera quella vigna che non e’ stata potata

A’ ammuttatu u  fumo ‘cca stanga
Ha spinto il fumo con un bastone 
 

Abballaci ‘a matri, ch’è mastru ri bagghiu
mamma alla figlia: “balla con lui, perché è maestro di ballo” 

Accussi voli Diu, tu manci e io taliu.
Così vuole Dio, Tu mangi e io guardo.

Aceddu intra a gaggia … canta o pi amuri o pi raggia
l’uccello dentro la gabbia … canta o per amore o per rabbia

Acqua d’austu … ogghiu meli e mustu
pioggia in agosto porta olio, mele e mosto

Acqua e suli fa l’avuri … acqua e ventu fa frumentu
acqua e sole fanno crescere l’erba, acqua e vento il frumento

Acqua passata un màcina mulinu
quando i’ acqua è passata, le pale del mulino non girano più e il grano non viene macinato.

Acqua ravanti e ventu d’arreri
acqua davanti e vento dietro – (dicesi alle persone fastidiose per farle allontanare)

Addìna vecchia fa bonu broru
gallina vecchia fa buon brodo.

Addinèdda chi camìna, s’arricògghi c’ a bozza china
la gallinella che esce dal recinto, rientra con il gozzo pieno. 

All’arberu abbattutu tutti currunu ‘cu l’accetta
all’albero abbattuto tutti corrono con l’accetta (tutti infieriscono su chi cade in disgrazia)

Ama a cui t’ama, a cui nunt’ama, lassalu.
Ama chi ti ama, chi non t’ama lascialo.

Ama Diu e futti u prossimu
ami Dio e frega il prossimo

Amara a pecura ca iavi a dari a lana
sfortunata quella pecora che deve dare la lana

Amara cu disia ‘o jornu u pani e ‘a notti a cupirtura
sfortunato e’ chi desidera di giorno il pane e di notte le coperte

Amara cu nun ci ‘ncappa
sfortunato chi ci capita (nelle disgrazie)

Amari ch’un t’ama è tempu persu
amare chi non t’ama, è tempo perso.  

Amicu cu tutti e fidili cu nuddu.
amico con tutti e fedele con nessuno.

Ammatula ti pettini e tallisci, ‘u cuntu chi ti facìsti un t’arrinèsci
invano ti pettini e ti fai bello, il calcolo che ti sei fatto non ti riuscirà.
 

Amùri ‘un senti cuns’igghiu
l’amore non sente consigli.  

Amùri, biddizzi e dinari ‘un si ponnu ammucciàri
amore, bellezza e denaro, non si possono nascondere. 

Annata bisèsta bijàtu cu cci resta
annata bisestile fortunato chi resta.
 

Annata ri nivi, annata d’alivi
annata nevosa, annata ricca di olive. 

Anzi chi vai ‘na vicina, rimìnati ‘n cucina.
Anziché andare dalla vicina, meglio darsi da fare in cucina 

Aprili nun luari e nun mittiri .. maiu comu vaiu vaiu
ad aprile non levare e non mettere indumenti… a maggio vestiti come ti pare

Aricchi ‘ntuppati … fannu zittiri cannunati
orecchie chiuse, non sentono le cannonate (fingere di non sentire, convince gli altri a star zitti)

Ariu nettu, ‘un ‘nn’ avìri scantu ri trona
se l’aria è limpida (il cielo è sereno) non si deve aver paura dei tuoni perché non pioverà.  

Avùstu, rijùstu capu ri ‘nvernu giustu
agosto riottoso è l’inizio dell’inverno. 

B

Batti ‘u ferru quannu e’ cavuru
batti il ferro mentre è caldo. 

Bedda ri fora e tinta di rintra
bella fuori, e cattiva nell’animo. 

Beni di furtuna, passanu comu la luna.
Beni di fortuna passano molto presto.

Beni o mali, parlane spissu
bene o male parlane spesso. 

Bon tempu e malu tempu ‘un dura tuttu tempu
il buono o il cattivo tempo non può durare per sempre. 

Boni l’amici, boni li parenti … amara chiddu ca nunn’havi nenti
(sono buoni gli amici, buoni i parenti … triste e’ chi non ne ha)

C

Calati juncu, chi’ passa la china
calati giunco, finché passa la piena. (è un invito a saper sopportare, anche umiliandosi, aspettando tempi migliori)
 

Canciàri ‘u voy cu’ vitiddàzzu
cambiare il bue con il vitellone 

Cani ch’abbaca ‘un mùzzica
cane che abbaia, non morde 

Cani chi dormi ‘un nn’u scuitàri
non disturbare il cane che dorme 

Cannila ch’un ha fattu mai lustru
candela che non ha fatto mai luce 

Capiddi longhi e ciriveddu cuttu
capelli lunghi e cervello corto

Capu di l’annu saluti e dinari, pensaci bonu a chiddu c’ha fari
Ogni inizio di anno, pensa bene a cosa devi fare

Cariri sempri addrìtta
cadere sempre in piedi
 

Carni fa carni, pani fa panza, vinu fa danza.
Carne fa carne, pane fa pancia, vino fa danzare

Casa ammarazzata, visita aspittata
quando la casa è disordinata, aspettati qualche visita

Casa senza omu, casa senza nomu
Casa senza uomo, casa senza nome

Cavaddi mauri e muschi cavaddini
cavalli focosi e mosche fastidiose

Cavulu vecchiu, o cavulu ciurutu socc’havi fattu e’ pirdutu
cavolo vecchio o sfiorito, in qualunque modo lo si cucina è perduto. (e’ inutile perdere tempo, con chi non lo merita)

Cch’e capiddi longhi o s’e’ tignusu .. s’e’ natu bestia nunn’e’ mai ‘ngignusu
o con i capelli lunghi o senza capelli … se e’ nato stupido non sara’ mai intelligente

Cch’e vicini e cch’e parenti nun ci accattari e nun ci vinniri nenti
con i vicini e con i parenti … non evere rapporti di compravendita

Cchiu picca semu … megghiu n’a passamu
meno siamo .. meglio stiamo

Cchiu tinti su’  e cchiu si fannu accattari
più brutti sono e più si fanno desiderare)

Cco bonu nun fari patti … e ‘cco tintu nun fari cuntratti
con l’uomo onesto non fare patti e con il disonesto non fare contratti

Celu a picurinu .. su nunn’a gghiovi oggi, gghiovi rumani ammatinu
cielo a pecorelle, se non piove oggi, piove domattina

Cent’anni d’amuri e n’ura di sdegnu
cent’anni d’amore e un’ora di sdegno

Chi è liccu s’ardi
chi è goloso, si brucia. Mangiare troppi dolci, fa male.

Chiaramunti, munti d’oru, ogni femmina vali un tesoru.
A Chiaromonte, monte d’oro, ogni donna vale un tesoro.

Ci rissi u suggi a nuci … rammi tempu ca ti precciu
disse il topo alla noce … dammi tempo che ti foro

Circàri ‘u pilu nna’ l’ovu
cercare ii pelo nell’uovo.

Comu l’afa e ‘u meli
come l’ape e il miele 

Comu ‘u scavàcchiu ‘na stuppa
come lo scarafaggio nella stoppa  

Contra a’ furtuna nun vali sapiri.
Contro la fortuna non vale il sapere.

Cori forti consuma la cattiva sorti.
Chi è coraggioso stanca la sfortuna.

Criccu, croccu e ‘mmanicu ‘i ciascu
gancio e manico di fiasco (un gruppo di amici molto uniti)

Criscinu l’anni e criscinu i malanni.
Più passano gli anni, più aumentano i malanni.

Cu a l’autri ‘nsigna … struisci a iddu stissu
chi agli altri insegna … istruisce se stesso

Cu amici e ccu parenti .. nun c’accattari e nun ci vinniri nenti
Con gli amici e con i parenti, non comprare e vendere niente.

Cu arriva primu .. macina ‘o mulinu
chi arriva per primo .. macina al mulino

Cu’ arrobba pri manciari, nun fa piccatu.
Chi ruba per mangiare, non fa peccato

Cu’ asini caccia e fimmini cridi, faccia di paradisu nun ni vidi.
Chi asini insegue e donne crede, non vedrà il paradiso.

Cu’ bedda voli appariri, tanti guai havi a patiri.
Chi bella vuole apparire, tante sofferenze deve subire.

Cu bedda voli pariri … vai e peni iavi a patiri
chi vuol apparire bella … deve patire guai e sofferenze

Cu’ bene ti voli in casa ti veni
chi ti vuoi bene, viene a cercarti fino a casa 

Cu camina ‘cco zoppu … all’annu zuppia
chi va con lo zoppo, entro l’anno zoppica anche lui

Cu cammina licca, cu sedi sicca
chi cammina, guadagna qualcosa, chi resta seduto, insecchisce (si consuma nell’inedia) 

Cu campa campa … cu mori mori
Chi vive vive … chi muore muore – dicesi di chi vuol fare una cosa a qualunque costo

Cu cancia a via vecchia ‘ppa nova … tutti i malanni attrova
chi cambia la via vecchia per la nuova … male si ritrova

Cu d’o sceccu ni fa mulu … u primu cauci e’ u so’
chi dell’asino vuole farne mulo … il primo calcio e’ il suo

Cu’ è picciutteddu nun è puvireddu.
Chi è giovane non è povero.

Cu è scannaliàtu, ri l’acqua càura, chidda fridda cci pari ch’abbijùcia
a chi si è scottato con l’acqua calda, anche quella fredda gli sembra che bruci.

Cu e’ riccu d’amici … e’ scassu di vai
chi è ricco d’amici .. è povero di guai

Cu havi ‘a mugghièri bedda, sempri canta
chi ha la moglie bella, canta sempre perché è felice. 

Cu havi rinàrlassai sempri cunta
chi ha molti soldi è una persona che conta 

Cu havi cchiu sali .. conza ‘a minestra
chi ha più sale .. condisce la minestra (chi è più intelligente .. saprà cosa fare)
 

Cu havi saluti e libbirta’ … e’ riccu e nunn’u sa
Chi ha salute e libertà … è ricco e non lo sa

Cu iavi sanita’ … e’ riccu e nunn’u sa’
Chi possiede la salute è ricco e non lo sa

Cu iavi soddi assai sempri cunta … cu iavi mugghieri bedda sempri canta
chi ha molti soldi, sempre li conta … chi ha una bella moglie, sempre canta

Cu ie’ ca casca e cunsigghiu ha fuiutu nunn’avi dirittu d‘agghiamari aiutu
chi non accetta i consigli quando è in difficoltà, non ha diritto di chiedere aiuto

Cu ie’ fissa … si sta a so’ casa
chi è fesso .. se ne resta a casa

Cu joca cu’ focu spissu s’abbrùcia
chi gioca con il fuoco, spesso si brucia.
 

Cu lassa ‘a via vecchia pa via nova, i guai ch’un va ccircànnu da’ li trova
chi lascia la via vecchia per la nuova, i guai che non va cercando, là li trova.
 

Cu li fimmini mancu lu diavulu ci potti.
Con le donne non potè nemmeno il diavolo.

Cu lu vinnri e lu cumprari, nun c’è amici nè cumpari.
Con il vendere e il comprare, non ci sono amici e compari.

Cu mali ‘a siminatu … resta poviru e gabbatu
chi male ha seminato … resta povero e ingannato

Cu’ mancia crisci, cu nun mancia sparisci.
Chi mangia cresce, chi non mangia sparisce.

Cu mancia, fa muddìchi
chi mangia, fa molliche

Cu mavi ‘u malu vicìnu, havi ‘u malu matìnu
chi ha per vicini di casa gente cattiva, non può sperare di trascorrere bene le proprie giornate. 

Cu n’appi n’appi … cassateddi ri pasqua
Chi le ha trovate, ha avuto le cassatelle di Pasqua (chi arriva tardi e non trova niente)

Cu na itata ri meli .. s’angagghiunu centu muschi
con un po’ di miele .. si prendono cento mosche

Cu nasci tunnu … nun po’ moriri quatratu
Chi nasce stupido, non può morire intelligente

Cu’ nesci, arrinesci.
Chi esce dal proprio paese, si realizza

Cu nun si fa i fatti so’ … cc’a lanterna va ciccannu vai
chi non si fa i fatti suoi … con la lanterna va cercando guai

Cu nun vivi vinu bonu .. nun po’ fari u parrinu
chi non beve vino buono .. non può fare il prete

Cu pècura si fa, ‘u lupu s ‘a mancia
chi pecora si fa, il lupo se la mangia. 

Cu perdi l’onori perdi assai, ma cu perdi ‘a fidi perdi tuttu
chi perde l’onore perde molto, ma chi perde la fede perde tutto. 

Cu’ perdi un amicu, scinni un scalino.
Chi perde un amico, scende di un gradino.

Cu picca avi, caru teni
chi possiede poco, lo custodisce caramente.
 

Cu pràttica cu’ zoppu mpara’ a zuppicàri
chi pratica lo zoppo impara a zoppicare 

Cu pràttica maèstru, all’annu è mastru
chi sta col maestro, dopo un anno è mastro.
 

Cu ri spiranza vivi, rispiràtu mori
chi di speranza vive, disperato muore. 

Cu riri ‘u vènneri, chianci ‘u sàbbatu
chi ride il venerdì, piange il sabato. 

Cu rormi … nun pigghia pisci
chi dorme non piglia pesci

Cu r’u vecchiu s’innamora si chianci ‘a so’ vintùra
chi s’innamora di una persona anziana piange la sua cattiva sorte.

Cu’ s’ammuccia soccu fa, è signu chi mali fa.
Chi nasconde quel che fa, vuol dire che male fa

Cu sarba .. attrova
chi mette da parte… ritrova 

Cu scecchi caccia e fimmini criri .. allustru di pararisu nun ni viri
Chi porta gli asini e crede alle donne, non avrà fortuna

Cu sempri viri a pruccissiòni e a missa, lignu ‘un ‘nn’ è ri fari crucifìssi
chi si vede sempre partecipare alle processioni e alle messe, non è legno da fare crocifissi.
 

Cu si fa’ affari so’ … campa cent’anni
chi si fa i fatti propri … vivrà cent’anni

Cu si senti punciùtu nesci fora
chi si sente punto, esca fuori dal gruppo 

Cu simina di Santa Lucia … nun potta frumentu p’a via
chi semina nel periodo di santa Lucia, non potrà raccogliere frumento

Cu sparti iavi a megghiu parti
chi divide ha sempre la parte migliore

Cu sputa ‘n cielu ‘n faccia cci torna
a chi sputa verso il cielo, lo sputo gli tornerà in faccia.
 

Cu taci accunsenti
Chi tace acconsente

Cu t’avverti t’arma
chi ti avverte, ti arma. 

‘Cu tempu e ‘cu ‘a pagghia s’ammaturanu i zorbi
col tempo e con la paglia maturano le sorbe
(ci vogliono: tempo e condizioni favorevoli perché si ottenga il risultato sperato) 

Cu ti fa ruffianati ravanti … ti sparra darreri
chi ti elogia davanti … ti sparla quando gli volti le spalle

Cu ultimu arriva … mali alloggia
Chi arriva per ultimo, deve accontentarsi di ciò che trova

Cu’ va a Palermu e nun va a Murriali, Si nni parti sceccu e torna maiali.
Chi visita Palermo e non va a Monreale, arriva asino e torna maiale

Cu va pa’ so’ via ‘un c’è’ nuddu ch’ u spìa
chi va per la sua via non c’è nessuno che lo spia 

Cu vasa ‘na vucca, si scorda rl l’àvutra
chi bacia una bocca, dimentica l’altra 

Cu’ tra li grinfi d’avvucatu casca, arresta nuru e nun vinci na frasca
chi cade tra le grinfie d’avvocato … resta nudo (perde tutto) e non ricava nulla

Cu’amìci e cu’ parénti, ‘un coi accattàri e ‘un cci vìnniri nenti
con amici e con parenti non comprare e non vendere niente.
 

Cucchj ravànz’ ou furnu u’ nn’ arrèstanu
una volta impastato il pane, non resta davanti al forno. 

Cui di vecchi si ‘nnamura, si nni chianci la svintura.
Chi si innammora di un uomo anziano, ne piange la sorte.

Cui dintra lu murtaro l’acqua pista, cu li stizzi si vagna e stancu resta.
Chi pesta l’acqua nel mortaio, con le gocce si bagna e stanco resta.

Cui libbiru pò stari nun si stassi a ‘ncantari.
Chi può star libero, non vada a cercare catene.

Cui tempu aspetta, tempu perdi.
Chi tempo aspetta, tempo perde.

Cumànna e vacci
comanda e vacci.
 

C’un ‘nn’arrìsica ‘un rùsica
chi non rischia, non rosica. (non c’è guadagno, senza rischio)
 

Cunfortiti ‘ccu su spicchiu d’agghiu
prendi conforto con questo spicchio d’aglio (con questa vana speranza)

Curnutu e vastuniatu
cornuto e bastonato (dicesi di chi ha prestato la sua opera e non riceve neanche un grazie)

D

Dari na’ botta ‘a vutti e ‘n’àvutra ‘o timpàgnu
dare un colpo alla botte e una al cerchio. 

Di cui sunnu li figghi, si l’annaca.
Ciascuno deve accudire ai propri figli.

Di lu nemicu, ‘un pigghiari consigghiu.
Non ascoltare il consiglio di un tuo nemico.

Di vennere e di marte nun si marita nun si parti e nun si da principio all’arti
di venerdì e martedì, non ci si sposa, non si parte e non si da inizio all’arte

Dici nu muttu anticu ca nun sbagghia… ca intra a vucca zuccuru si squagghia
dice un proverbio antico che non sbaglia .. che lo zucchero si scioglie in bocca

Dimmi cu sugnu e nun mi riri cu era
Dimmi chi sono e non chi ero (E’ importante come sono oggi e non com’ero prima)

Dio ti scansi di lu malu vicinu, e di principianti di viulinu.
Dio ci liberi del cattivo vicino, e del suonatore di violino.

Dissi ‘ u vermi a nuci: dammi tempu cca’ ti spirtusu.
Disse il verme alla noce: dammi tempo che ti buco.

Diu a cu’ voli beni, manna cruci e peni.
Dio manda dolori e pene, a chi vuole bene.

Donna sparlata mezza spusàta
donna sparlata, mezza sposata
 

Donne e cavaddi, pigghiali di li vicini.
Donne e cavalli, prendili dai vicini.

Doppu Natali … u friddu e a fami
dopo Natale c’e’ freddo e miseria

E

E’ bona donna, donna chi nun parra.
Una buona moglie è quella che parla poco.

E fu a riggina ca iappi bisognu ra vicina.
e anche la regina ebbe bisogno della vicina

È inùtili fiscàri s’u sceccu ‘un nn’havi siti…
È inutile fischiare, se l’asino non ha sete.  

E’ megghiu n’amicu chi nu tintu parenti.
E’ migliore un amico, che un parente cattivo. 

F

Fa’ beni e scordatillu, fà mali e pensaci.
Fai del bene e dimenticalo, fai del male e pensaci.

Facemu cuntu ca ‘gghioppi e scampo’
Facciamo finta che è piovuto ed è tornato sereno (che non sia successo nulla)

Ficu fatta, càrimi ‘n mmucca
fico maturo cadimi in bocca.

Figghi maritati .. peni in quantitati
figli sposati…  danno tantissime preoccupazioni

Figghi nichi… peni nichi, figghi ranni … peni ranni
figli piccoli danno poche preoccupazioni, figli grandi ne danno molte

Fimmina e birritta … tenitilla stritta
le donne devono essere tenute strette dagli uomini così come tengono stretti i berretti

Fimmina senza amuri è ciure senza oduri.
Donna senza amore è un fiore senza profumo.

Fimmini e iaddini … ‘ppi girari assai si perdunu.
le donne come le galline se vanno in giro troppo si perdono

Fimmini e voi de paisi toi
le donne da sposare e i buoi meglio sceglierli del proprio paese

Finiu comu o sceccu d’o francufuntisi … quannu s’anzigno’  a nun manciari … mossi
Finì come l’asino del francofontese, quando imparò a non mangiare … morì

Frivarèddu beddu tuttu, jorna longhi e misi curtu
Febbraio bello tutto, giorni lunghi e mese corto. 

Frivaru cuttu e amaru
febbraio mese corto e con pochi frutti

G

Genti ca nun si fa l’affari soi … c’a lanterna ‘va circannu vai
la gente che non si fa i fatti suoi … con la lanterna va cercando guai

Gigghia ncucchiati e ucchi senza risu .. sunu martoriu puru ‘mpararisu
gente accigliata e che non ride mai .. e’ mortorio pure in Paradiso

Granci, pateddi e fungi, spenni assai e nenti mangi
granchi, patelle e funghi spendi molto e niente mangi.

Guai cu la pala e morti mai.
Guai a palate, ma mai la morte

H – I – J

I cosi ca piaciunu ‘e renti … nun si rununu a l’amici e mancu ‘e parenti
le cose che piacciono ai denti… non si danno ne’ agli amici ne’ ai parenti

I guai r’a pignàta i sapi a cucchiàra c’a rim’ina
i guai della pentola li conosce il cucchiaio che gira all’interno.

I paroli nun fannu puttusa
le parole non fanno buchi (non feriscono)

I soddi rununu a vista all’obbi
i soldi fanno tornare la vista ai ciechi

I vai ‘nta pignata … i sapi a cucchiara c’a rimina
i guai della pentola li sa il cucchiaio che mescola

Innaru siccu … massaru riccu
gennaio senza pioggia… contadino ricco

Intra ‘npignateddu nicu … picca pipi ci capunu
Un pentolino piccolo contiene pochi peperoni

Iu ricu ciciri … e tu rispunni favi
io dico: ceci… e tu rispondi fave! (non ci capiamo)

Iunciti cch’e megghiu ri tia … e appizzicci i spisi pp’a via
frequenta chi è migliore di te .. e non badare a spese

Jnnaru siccu, buggisi riccu
gennaio secco (senza pioggia), proprietario ricco 

L

L’aceddu ‘ntra a gaggia … nun canta ‘ppi ‘nvidia ma ‘ppi raggia
l’uccello dentro la gabbia .. non canta per invidia ma per rabbia

L’alburu pecca e a rama ricivi
l’albero fa gli errori e il ramo li riceve (i figli ereditano gli sbagli dei genitori)

L’amuri e’ comu ‘nu chiovu … si ‘u scippi ‘rresta u purtusu
l’amore e’ come un chiodo .. se lo stacchi resta il buco

L’ebba spunto’ e Marianu nun vinni
l’erba spuntò e Mariano non venne

L’occhiu ‘a vanedda … e i manu ‘a scutedda
con un occhio guardi la strada e con l’altro la scodella

L’occhiu d’o patruni .. ‘ngrassa u cavaddu
l’occhio del padrone .. ingrassa il cavallo

L’omu gilusu mori curnutu
l’uomo geloso muore cornuto

L’omu nun si misura a parmu
l’uomo non si misura con il palmo (non vale secondo la misura)

La bona mugghieri è la prima ricchizza di la casa.
La buona moglie è la prima ricchezza della casa.

La matinata fa la jurnata.
Svegliarsi presto al mattino.

L’aciddùzzu nna ‘aggia o canta p’amùri, o canta pi’ raggia.
L’uccellino in gabbia, o, canta per amore, o per rabbia. 

L’asinu puta, e Diu fa racìna
l’asino pota e Dio fa l’uva. 

Li difetti de la zita s’ammuccianu cu la doti.
I difetti della fidanzata si nascondono con la dote.

Li guai di la pignata li sapi la cucchiara.
I guai della pentola li conosce il mestolo.

Li megghiu parenti su ‘li spaddi.
I migliori parenti sono le proprie spalle.

Li megghiu sciarri su’ chi parenti.
Le migliori liti sono tra parenti.

Li parenti su’ parenti e li stranii su’ su sempri li stranii.
I parenti sono parenti, e gli estranei sono sempre estranei.

Li picciriddi hannu a parrari, quannu piscia la gaddina.
I bambini debbono parlare quando la gallina piscia.

Li veri amici li veri parenti sunu li quattru tari’ ccu l’ali ianchi
(i veri amici, i veri parenti sono i soldi)

Libbirtati e saluti cui ha, è riccu e nun lu sa.
Chi ha salute e libertà, è ricco e non lo sa.

Liccàrisi ‘a sarda
leccarsi la sarda.

L’occhio r’u patrùni ngrassa ‘u cavàddu
con l’occhio del padrone, ingrassa il cavallo (bisogna sorvegliare da vicino chi lavora per noi, per ottenere migliori risultati)
 

L’occhiu di la siracusana, fa nesciri la serpi di la tana.
L’occhio della siracusana, fa uscir la serpe dalla tana. 

L’omu e’ cacciaturi
l’uomo è cacciatore. 

L’omu pa’ parola, lu voj p’i corna
l’uomo per la parola, il bue per le corna. (il vanto del bue sono le corna, l’orgoglio dell’uomo, è la propria rettitudine) 

L’omu senza furtuna, va sempri a la peduna.
L’uomo senza fortuna, va sempre a piedi.

Lu gilusu mori curnutu.
L’uomo geloso ha sempre le corna.

Lu sazio nun cridi a lu dijunu.
Il sazio non crede al digiuno.

Lu Signuri duna viscotta a cù nun havi anghi.
Dio dà biscotti agli sdentati.

Lu travagghiu d’autru nun si senti.
Il lavoro degli altri non si sente.

Luna addrìtta marinàru curcàtu luna curcàta marinàru addrìtta.
Con la luna piena il marinaio può rimanere a letto, perché non si pesca. 

L’ùrtimu a sapìrlu è cu’ ‘i porta
l’ultimo a saperlo, è chi li porta (le corna)

Mancia sanu e vivi malatu.
Mangia sano e vivi da malato.Mancia, r’u to’ mancia, r’u to’ saziatìnni
mangia e saziati del tuo cibo. 

Marinàru chi dormi, ‘un pigghia pisci
marinaio che dorme, non pesca. 

Marititi marititi c’abbenti … ti levi ‘npinzeri e ti ni metti tanti
(Sposati! Sposati! Dato che hai premura! ti togli un pensiero e ne acquisti tanti)

Marìtu vecchiu megghiu ‘ri nenti
meglio un marito vecchio che restare nubile
 

Marzu pazzu caccia ‘a vecchia ‘nno’ jazzu
marzo pazzo costringe la persona anziana al riparo 

Marzu ti fa a facci a catinazzu
(marzo ti fa [chiudere] la faccia come un catenaccio [ti fa serrare occhi e bocca])

Marzu, ogni troppa è jazzu, ma cunzatìllu bonu ‘u jazzu, chi ‘u friddu ri marzu si ‘nfìla nn’ i corna ri voj
marzo, ogni pianta può essere un riparo, ma si deve preparare bene, perché il freddo di marzo s’infila nelle corna dei buoi.
 

Masculìddu pirùzzu r’addàvuru, fa’u fruttu e fa’u ciàuru. Fimminàzza piràzzu rl chiuppu, ‘un fa ni’ ciàuru ni’ fruttu.
Il maschio è come un ramo di alloro: profuma e fa i frutti; la donna è come un ramo pioppo: non fa ne profumo ne frutto.
 

Matrimòni tardiì, òrfani primintii
matrimoni tardivi, orfani prematuri. 

‘Mbriachi e picciriddi, Dio l’aiuta.
Ubriachi e bambini, Dio li aiuta.

Megghiu arrussicari ‘na vota … ca ‘ngialiniri centu voti
(meglio arrossire una volta che ingiallire cento volte)

Megghiu disiari … c’aviri e nun gudiri
(meglio desiderare .. che possedere tante cose e non poterne godere)

Megghiu essiri ammiriatu ‘ca mischiniatu
(meglio essere invidiato che commiserato)

Megghiu l’ovu oggi … ‘ca a iaddina dumani
(meglio accontentarsi dell’uovo oggi, che aspettare di mangiarsi la gallina domani)

Megghiu l’ovu stu jornu chi l’addìna rumàni
meglio oggi, l’uovo, che la gallina domani: (bisogna accontentarsi del poco oggi, piuttosto che volere di più, domani) 

Megghiu muriri chi mali campari.
Meglio morire che vivere male.

Megghiu picca gòriri, ch’ assai tribuluàri.
Meglio godere poco, che tribolare molto. 

Megghiu sulu … ca malu accumpagnatu
(meglio star solo .. che in cattiva compagnia)

Megghiu vinu feli chi acqua meli
meglio il vino fiele che l’acqua miele.

Mèttiri ‘u carru r’avànz’ ‘i voj
mettere il carro davanti i buoi (impedire a qualcuno di poter fare qualcosa) 

Mpara l’arti … e mettila da parti
(Impara l’arte, ti potra’ servire nel futuro)

Munnu ha statu e munnu e’
mondo è stato, e mondo è 

Munti cu’ munti ‘un si jùnciunu mai
monti con monti non s’incontrano mai. 

N

N’ àvutra puvirènzia manna Diu
un altro bene manda Dio… La Provvidenza Divina, non abbandona mai alcuno… 

N’ patri a centu figghi i campa … centu figghi ‘o patri no
(un padre sostiene cento figli … ma cento figli non sostengono il padre)

Na bona parola costa nenti e vali assai
(Una buona parola non costa niente e vale molto)

Na casa ca nun c’e’ cura … vacci ‘a notti quannu scura
(nelle case disordinate, meglio andarci di notte per non vedere il disordine)

Na manu lava l’autra … e tutti rui si lavanu a faccia
(una mano lava l’altra e tutte e due lavano il viso)

Natali e Pasqua cch’e toi … cannaluvari cu ‘cu voi
Natale e Pasqua con i tuoi, carnevale con chi vuoi

Ne’ di venniri ne’ di marti … nun si spusa ne’ si parti
di venerdì e di martedì .. non ci si sposa ne’ si parte

Nenti ci nn’havi di stu munnu … cu tira a carretta tuttu l’annu
niente ha di questo mondo …  chi tira la carretta lavora tutto l’anno

Nenti si fa chi nenti si dici (si sapi)
se niente si fa, niente si dice
 

No’ tutti ‘i spighi vannu ‘a timògna
non tutte le spighe sono adatte ad essere macinate.
 

Nori rattalori
(le nuore sono ispide come le grattugie)

‘Ntra mèrici e mammane squagghijàu ‘a crijatùra
tra medici e levatrici è sparita la creatura.

Nuddu e’ ‘ndispinsabili a stu munnu … o rittu o stottu, gira tuttu l’annu
(nessuno e indispensabile a questo mondo .. dritto e storto gira tutto l’anno)

Nuddu fa nenti pi nenti
nessuno fa niente per niente 

Nuddu si pigghia ch’ un si assimìgghia !
Nessuno si sposa se non ha qualcosa in comune con la persona scelta.
 

Nuddu ti rapi s’un ti sapi
nessuno ti ruba se non ti conosce. 
 

Nun circari u pilu ‘ntra l’ovu
(non cercare il pelo dentro l’uovo – Non essere troppo pignolo)

Nun cogghiri l’ogghiu supra ‘o maccu
non raccogliere l’olio sopra il macco (pietanza fatta con le fave)

Nun diri all’autri chiddu ca nun si
non dire agli altri quello che non sei

Nun disprizzari a petra minuta … ti po’ serviri pi li to’ mura quarchi vota
non disprezzare la pietra piccola … ti potra’ servire per costruire la tua casa

Nun fari beni … ca mali ti ni veni
non far del bene … che male te ne viene

Nun ludari la jurnata si nun scura la sirata.
Non lodare la giornata se non arriva sera.

Nun prumettiri doni ‘e Santi e mancu cuddureddi ‘e picciriddi
non promettere doni ai Santi o regali ai bambini … se non puoi mantenerli

Nun tiniri amicizia cu li sbirri. ca cci perdi lu vinu e li sicarri.
Non tenere amicizie con i gendarmi, perchè perdi vino e sigari.

Nun tirari a petra a ogni cani c’abbaia
Non tirare la pietra ad ogni cane che abbaia (non essere polemico con tutti)

Nzoccu nun fai ‘ppi ‘tia … all’autri nun fari
(cio’ che non fai per te, non farlo agli altri – Non fare agli altri cio’ che non vorresti sia fatto a te)

O

‘O cori ‘un si cumànna
al cuore non si danno ordini 

‘O scìnniri, tutt’ i santi ajùtanu
in discesa tutti i santi aiutano 

‘O ti mangi sta’ minestra, o ti jetti ra finestra
o ti mangi questa minestra, o ti butti dalla finestra  

Occhi cchini e manu vacanti
(Occhi pieni e mani vuote – dicesi di chi si riempie gli occhi di cose che non puo’ avere)

Occhi chi aviti fattu chianciri,chianciti.
Occhi che avete fatto piangere, piangete.

Occhiu ca nun viri … cori ca nun doli
(occhio che non vede, cuore che non duole)

Occhiu ch’un viri, cori c’un criri
occhio che non vede, cuore che non crede
 

Ogni beni ri Diu veni
ogni bene viene da Dio. 

Ogni cosa o’ so’ tempu
ogni cosa, al suo tempo. 

Ogni ficatèddu ri musca fa sustànza
ogni fegatino di mosca fa sostanza 

Ogni focu forti si fa cìnniri
ogni fuoco forte diventa cenere. 

Ogni lassata è persa
ogni cosa che si lascia è perduta 

Ogni midicamentu .. e’ giuvamentu
tutte le medicine giovano
 

Ogni ‘mpedimèntu è giuvamèntu
ogni impedimento è giovamento 

Ogni prumìssa è dèbbitu
ogni promessa è debito. 

Ogni santu c’avi i so divoti
ogni santo ha i suoi devoti

Ogni testa fa tribunali
ogni testa è un tribunale 

Ogni tint’acqua leva a siti
ogni tipo di acqua, anche se sporca, toglie la sete 

Ogn’omu havi lu so’ difèttu
ogni uomo ha il suo difetto 

Ognunu tira a braci ‘o so cudduruni
ciascuno raccoglie la brace attorno alla sua focaccia (ognuno pensa a se stesso)

Ognùnu tira acqua o’ so’ mulìnu
ognuno tira acqua al suo mulino 

Omini all’ antu e fìmmini o’ suli, scanzàtini, Signùri!
Uomini sul campo di lavoro e donne a prendere il sole, Dio ci scampi e ci liberi! 

Omu ri vinu’ un vali un carrìnu
l’uomo ubriaco non vale un soldo

P

Palermu è omu dabbeni, cu va va e cu veni veni.
Palermo è come una persona per bene, ci si può fidare sempre.

Pampinedda di ruvettu .. tu ti cucchi e iu mi iettu
(fogliolina di rovo .. tu ti abbatti e io mi butto)

Pani e vinu rinforza lu schinu.
Pane e vino rinforzano la schiena.

Pani ruru e cuteddu ca nun tagghia
(pane duro e coltello che non taglia – dicesi delle persone inette che si mettono insieme)

Pani schittu e pitittu
(pane senza companatico e appetito)

Panza mia fatti visazza!
(Pancia mia.. fatti capanna! – dicesi davanti a cibo abbondante)

Parlu cu’ tia sòggira e sentimi tu nora
parlo con te suocera, e sentimi tu nuora. 

Passu arrubbàtu passaci sicùru
posto rubato, passaci sicuro.

Patti chiari e amicìzia longa
patti chiari, amicizia lunga. 

Pensa la cosa prima ca’ a fai, chi ‘a cosa pinsàta è bedda assai
pensa prima di fare qualcosa, perché la cosa pensata è bella assai

Pensa ppi oggi … ca ppi dumani ci pensa cu ci campa
pensa al presente … il futuro lascialo a chi ci viene dopo

Penza a cosa … avanti c’a fai … c’a cosa pinzata e’ bedda assai
ragiona su cio’ che vuoi fare, prima di farlo … la cosa ragionata è molto bella

Pigghiala bedda e pigghiala pri nienti, ca di la bedda ti nnì fai cuntento.
Prendila bella e prendila pure senza dote, perchè della donna bella puoi compiacerti.

Pigghiàri ‘u focu cu ‘i manu r’ àvutri
pigliare ii fuoco con le mani degli altri. 

Pignata taliata ‘un vugghi mai.
Pignata guardata spesso, non bolle mai.

Pisci for’ acqua è pisci mortu
pesce fuor d’acqua, è pesce morto. (nessuno può vivere fuori dal proprio ambiente)
 

Ppi oggi spennu e spannu … dumani paiu u dannu
(per oggi spendo molto … domani paghero’ il danno)

Pri mennuli muddisi a l’Aragona pri picciotti beddi a la Favara.
 Ad Aragona per le mandorle spaccatelle, a Favara per le belle donne.

P’u scantu ri li corvi, un siminàru i favi
per paura dei corvi, non seminano le fave. (si dice di quelle persone che non vogliono produrre per paura di essere rubate)
 

Puru ca teni laria a mugghieri … si t’alluntani mettici pinseri
(anche se tieni la moglie brutta … se t’allontani sorvegliala)

Q

Quannu a iatta nun c’e’ … i suggi ‘bballunu
(quando la gatta non c’e’ .. i topi ballano)

Quannu a viduva si rispusa … a bona armuzza e’ sempre casa casa
(quando la vedova si risposa .. la buon’anima e’ sempre presente)

Quannu chiovi marzu e aprìu, tutti rùrici vennu chini.
Quando piove a marzo e ad aprile, tutti e dodici (mesi) vengono pieni. 

Quannu Diu ti voli aiutari … sapi a casa e ti veni a truvari
quando Dio ti vuole aiutare … sa la tua casa e ti viene a trovare

Quannu l’amicu nun senti a prima vuci e’ signu ca u riscussu nun ci piaci
quando l’amico finge di non sentire, è segno che il discorso non gli piace

Quannu l’amici vennu ‘a malacera ‘un servi a nenti
quando gli amici vengono, accoglierli male non serve a niente. (quando il malanno arriva, bisogna accettarlo) 

Quannu lampìa ra marina, mancia bivi e statti ‘n cucina
quando ci sono lampi dal lato del mare, mangia, bevi, e stai in cucina  

Quannu lampìa r’a muntàgna, pigghia ‘a zappa e vattìnni ‘n campagna
quando i lampi vengono dalla montagna, prendi la zappa e vai in campagna.

Quannu u maritu e’ puvireddu … mancu a mugghieri u’ po viriri
(quando il marito e’ povero … neanche la moglie lo puo’ sopportare)

Quannu ‘u piru è fattu, cari sulu
quando la pera è matura cade sola. (bisogna dare tempo al tempo) si diceva soprattutto alle donne in attesa 

Quannu u sceccu ‘mpara a diunari … stira li zampi e perdi di campari
(quando l’asino impara a digiunare, smette di lavorare e vuol dire che deve morire)

Quannu ‘u suli nesci, nesci pi’ tutti
quando il sole esce, esce per tutti.

Quannu u tempu e’ to’ apprufittatinni … e di cu’ parra parra futtitinni
(quando i tempi ti sono favorevoli ..approfittane! … e se qualcuno sparla di te .. fregatene!)

Quannu veni u mumentu .. nun c’e’ scusa e salvamentu
(quando viene il momento [di morire] … non esiste ne’ scusa ne’ salvezza)

Quantu su’ l’acchijanàti, su ‘i scinnùti
quante sono le salite tante sono le discese.

Quantu va n’amìcu ‘n piazza ‘un cci vannu cent’unzi “n cascia
quanto vale un amico in piazza, non potranno mai valere cento once (soldi) nella cassa. 

Quantu vali la saluti … nun valunu li dinari
(quanto vale la salute … non valgono tutti i denari)

Quantu vali n’amicu ‘n chiazza .. nun valunu cent’unzi ‘ntra cascia
(Quanto vale un amico in piazza .. non vale tanto denaro accantonato)

R

Ra matìna si viri u bonu jornu
dal mattino, si vede il buongiorno. 

 

Ra testa, feti u pisci
il pesce puzza dalla testa
 

Ragghiu di sceccu nunn’arriva ‘n cielu
Il ragliare dell’asino non arriva in cielo

Ri tutti ‘i ligna un si po’ fari un fasciu
di tutta la legna non si può fare un fascio

Ri unni mi ‘gghiovi … mi sciddica
Da dove mi piove addosso, mi va giu’ (dicesi di chi è strafottente)

Rici a mamma Rocca: si varda ma nun si tocca
dice mamma Rocca: si guarda ma non si tocca

Rici u sorciu ‘a nuci .”rammi tempu chi ti perciu”
dice il topo alla noce, dammi tempo finché ti buco 

 

Rizzi, pateddi e granci, spenni assai e nenti manci.
Ricci, patelle e granchi, molto spendi e poco mangi.

Runni cari ‘ u sceccu si susi
nel punto dove cade, lì l’asino si alza.
 

Russu ri sira , bon tempu si spira 
rosso di sera, bei tempo si spera.
 

S

S’ammiria fussi vaddara … tutti fussumu vaddarusi
Se l’invidia fosse l’ernia, l’avrebbero tutti

Sabba a pezza pi quannu veni u puttusu
conserva la pezza per quando si presenta il buco (accantona l’offesa per renderla all’occasione)

Saccu vacanti nun pò stari a ‘gritta.
Sacco vuoto non può reggersi in piedi.

Sangu e dinari … quantu cchiu picca ti ni poi livari
sangue e soldi … te ne devi disfare quanto meno puoi farlo

Sapi cchiu’ r’u mèricu sapùtu, ‘u malàtu patùtu.
Sa più del medico competente, il malato che ha sofferto

Sapi cchiu u malatu patutu … ca u mericu saputu
ne sa di più il malato sofferente .. che il medico dotto

Sapi cchiu’ un pazzu ‘n casa sua, ch’ un dottu ‘n casa r’ àvutri
sa più un pazzo in casa propria che un dotto in casa di altri

Sarvati u’ manciari … nun ti sarvari i subbizza di fari
risparmia e conserva il cibo, non le faccende di casa

Scantàrisi ri l’ùmmira sua.
aver paura della propria ombra

Scecca vascia … pudditra pari
l’asina bassa … sembra una puledra

Scecchi e picciriddi … Diu l’aiuta
asini e bambini …. Dio li aiuta

Sciarri di maritu e mugghieri, durano finu a lu lettu.
Liti tra marito e moglie finiscono sempre a letto.

Scrusciu ri scupa nova
rumore di scopa nuova

Se u silenziu fussi oru … nun ci fussi ‘na fimmina ricca
(se il silenzio fosse oro, non ci sarebbe piu’ donna ricca – si usa con le donne che parlano troppo)

Senza mugghieri o’ latu … l’omu nunn’e’ biatu
(Senza la moglie accanto, l’uomo non e’ felice)

Senza sordi nun si canta missa .. senza stola nun si cunfessa
senza soldi non si dice la messa .. senza stola non confessa

Sgavita a farina .. quannu a maidda e’ gghina Quannu u funnu pari .. e’ inutili sgavitari
risparmia la farina quando la madia e’ piena .. Quando si vede il fondo e’ inutile risparmiare

Si chiovi a santa Caterina, ni fa ‘na quarantina
se piove a santa Caterina pioverà per altri quaranta giorni. 

Si ciaràru i naschi
si sono annusati

Si Marsala avissi lu portu Trapani fussi mortu.
Se a Marsala ci fosse il porto, Trapani sarebbe finita.

Si miscàru porci e pècuri
si sono uniti maiali e pecore. 

Si su’ rosi ciurirànnu
se sono rose, fioriranno.

Si ti suttametti all’omu tintu … azzappi all’acqua e simini o ventu
(se ti sottometti all’uomo malvagio, e’ come zappare nell’acqua e seminare al vento)

Si ti vói ‘nzignàri a fari retta, accatta: roggiu, chitarra e scopétta
se vuoi indebitarti compra: l’orologio, la chitarra e il fucile.

Si ‘un chiovi ‘a cannilòra ‘u ‘nvernu è sciutu fora
se non piove alla candelora l’inverno volge al termine. 

Si vo’ passari la vita cuntenti, statti luntanu di li parenti.
Se vuoi stare tranquillo, stai lontano dai parenti.

Si voi arricchiri … fai l’arti vili
se vuoi arricchire … fai i mestieri piu’ modesti

Si voi pruvari li peni di lu ‘nfernu, lu ‘vernu a Missina, e la stati a Palermu.
Se vuoi provare le pene dell’inferno passa l’inverno a Messina, e l’estate a Palermo.

Si’ lignu ri chiuppu … comu i petri ro ciumi .. ca nun pigghiunu lippu
sei come il legno del pioppo .. come le pietre del fiume dove non s’attacca il muschio

Si’ lignu ri ficu … ca nun fa’ amicizia mancu ‘co focu
sei come il legno del fico .. che non riesci a fare amicizia neanche con il fuoco

Sidd’e’ ca ‘n paci voi stari cu tutti … pacenzia, corpu miu finci e agghiutti
se in pace vuoi stare con tutti .. abbi pazienza, corpo mio fingi e inghiotti

Siti u sicchiu ‘cca codda
(siete come il secchio con la corda [dicesi di due amici inseparabili])

Soccu si simìna s’arricògghj
ciò che si semina si raccoglie
 

Sparagna ‘a farina, mentri c’a coffa è china
risparmia la farina quando la gerba è piena. 

Staciùni e ‘mmernu ‘un lassàri ‘u mantèllu
in estate e in inverno, non lasciare il mantello 

Stenni li peri … ‘ppi quantu teni
fai il passo ..per quanto lunga è la tua gamba

Stuppa mi rasti e stuppa ti filai … tu mi tincisti e iu t’anniricai
guai mi hai dato e guai ti ho rifilato .. tu mi hai fatto del male e io ti ho ricambiato

Su si n’chiuri ‘na potta … si rapi ‘n putticatu
se si chiude una porta, si apre un portone

Su t’ambriacari … cerca vinu bonu
se ti devi ubriacare .. cerca il vino buono

Sulità, santità, pani schittu e libertà, ‘na coscia ccà e una ddà.
Solitudine, santità, pane senza companatico e libertà, una gamba a manca ed una a destra. (La quintessenza del buon vivere)

Sunu cchiu furtunati e benvuluti … buffuni, ruffiani e gran curnuti
sono più fortunati e benvoluti … buffoni, ruffiani e gran cornuti

Sutta peddi d’agneddu c’e’ cori di lignu
sotto pelle d’agnello c’e’ un cuore di legno (un aspetto docile può nascondere un cuore di legno)

T

T’a spagnari do cani ca rommi
ti devi spaventare del cane che dorme

Tali patri … tali figghiu
com’è il padre, così è il figlio

Tanti testi, tanti mazzi
tante teste, tanti fasci (tanti gruppi)

Tantu scrusciu pi’ nenti
tanto rumore per niente

Tantu va ‘a quartàra all’acqua, ca si rumpi o si cciacca
la brocca con cui si va a prendere l’acqua, può rompersi o lesionarsi per la troppa usura

Testa c’un parla si chiama cocuzza
testa che non parla, si chiama zucca

Ti manci sta minestra .. o ti ietti ra finestra
(o ti mangi questa minestra .. o ti butti dalla finestra)

Tintu chiddu ca nun senti cunsigghiu
(sbaglia chi non accetta i consigli)

Tiriti l’acqua p’o to’ mulino … prima ca n’apprufitta u vicinu
(tira l’acqua al tuo mulino … prima che se ne approfitti il tuo vicino)

Tri fimmini fannu ‘n mircatu … quattru n’a fera
(tre donne insieme fanno un mercato, quattro una fiera)

Tri parma ri falàri fannu l’omini minchijàli
tre palmi di grembiule rendono l’uomo scemo. 

Tri sunnu i boni vuccùna: ficu, pèssica e milùna
tre sono i buoni bocconi, (la frutta migliore): fico, pesca e meloni.

Trivulu ‘nsigna a ‘gghianciri !
(le traversie insegnano a piangere)

U

U dutturi si canusci ‘o passari .. e i campani ‘o sunari
il dottore si riconosce quando passa e le campane quando suonano

U’ granciu chi nichìa ‘a cufurùna, coi rici peri torti a ‘sta giuràna
ii granchio, infastidisce la tartaruga, e dice alla rana che ha i piedi storti. 

U iattu quannu si lava a facci … tannu ‘gghiovi
il gatto quando si lava la faccia …. sta a significare che pioverà

‘U jmmurùtu ‘n mezz’a via, -u so’ jmmu ‘un su’ talìa
il gobbo quando cammina, non guarda la propria gobba

U lettu fa du’ cosi … su nun dormi t’arriposi
il letto serve a due cose … se non per dormire, serve per riposare

U longu ‘gghinu di ventu … U cuttu ‘gghinu di sentimentu
l’uomo alto e’ pieno di vento (di niente), quello corto e’ pieno di sentimento

‘U lupu perdi ‘u pilu e no’ ‘u viziu
il lupo perde il pelo, ma, non il vizio 

‘U malu guaragnàtu, prestu è cunsumàtu
il guadagno facile è presto consumato. 

U’ mangiari ccl niscìu r’i naschi.
Il cibo gli esce dalle narici

‘U megghiu amìcu t’ingànna
ii migliore amico t’inganna  

U megghiu beni è lu menu mali.
Il miglior bene è il minor male.

‘U mònacu ci rissi ‘a batissa : “senza rinàri ‘un si canta ‘a missa”
il monaco disse alla badessa : “senza soldi, non si canta la messa” 

‘U ‘ngannu cari supri ‘u ‘ngannatùri
l’inganno ricade su chi inganna.

U pararisu nun’apri puttuni .. si bona mancia a San Petru nun duni
Il paradiso non apre le porte .. se una buona mancia a San Pietro non dai

U picca ma ‘bbasta … e ‘u assai ma ‘ssubbecchia
mi accontento di poco … il troppo è in più

U pisci feti ‘ra testa
il pesce puzza dalla testa

U pisci ru mari è ristinàtu cu si l’havi a mangiari
il pesce del mare, è destinato chi deve mangiarlo (non si può cambiare il destino) 

U pisciaru ‘nzoccu porta vannia
il pescivendolo grida il nome del pesce che ha portato

‘U porcu sinsonna sempri ‘a ghijànnira
il maiale sogna sempre le ghiande. (la persona avida sogna sempre la ricchezza)
 

U primu sangu e’ trarituri
I parenti piu’ stretti possono essere i primi a tradire

U priricava patri cannavazzu … fa chiddu ca ti ricu e no chiddu ca fazzu
lo predicava Padre Canavazzo … fai ciò che dico e no ciò che faccio

U pruvatu nun pruvari … ca cchiu provi peggiu u trovi
ciò che hai provato non provarlo più … poiché se continui a provarlo, peggio lo troverai

U riavulu quannu t’accarizza voli l’arma
il diavolo quando t’accarezza, vuole la tua anima

‘U rispèttu è misuràtu ch’u porta l’havi purtàtu
il rispetto è misurato: chi lo da, lo riceve.

U saziu nun criri o diunu
Il ricco non crede a chi ha di bisogno

U sceccu porta a pagghia .. e u sceccu s’a mancia
l’asino porta il fieno e l’asino se lo mangia

U signuri manna i viscotta a cu nunn’avi ianchi
Il Signore manda biscotti a chi non ha denti

U Signurùzzu ‘i cosi ‘i fici dritti, vinni ‘u rijàvulu e ‘i sturcìu
il Signore, fece le cose buone, ma poi venne il diavolo e le rese storte.

‘U sinzàru soccu havi abbannìa
l’ortolano mette in piazza ciò che ha

U veru surdu e’ chiddu ca nun voli sentiri
il vero sordo è colui che non vuol sentire

‘U vicìnu e’ serpènti, s’un ti viri, ti senti
il vicino di casa è come un serpente, se non ti vede ti sente.  

Ucca ca nun parra … si ‘chiama cucuzza
bocca che non parla … si chiama zucchina

‘Un c è artari senza cruci
non c’è altare senza croce. Non ci sono gioie, senza dolori. 

‘Un c’è festa, ne fistìnu ch’un c’è mònacu o parrìnu.
Non c’è festa ne festino ove non vi sia un monaco o un prete
 

‘Un pigghiàri ‘u piricìnu r’a visàzza
non prendere la bisaccia da un angolo.

‘Un si rimìna fogghia r’àrvulu, senza ‘a vuluntà ri diu
non si muove foglia, che Dio non voglia 

Unni manca … Diu pruvviri
dove vi e’ miseria .. Dio provvede

Utti ‘china e mugghieri ‘mbriaca
botte piena e moglie ubriaca (dicesi di chi vuole tutto)

V – Z

Vagnarisi prima di ‘chioviri
bagnarsi prima di piovere (preoccuparsi senza motivo)

Varca chi tarda, porta pisca.
Barca che ritarda, porta il pescato. 

Vecchiu ‘nnammuratu di tutti è trizziatu.
Vecchio innamorato è da tutti deriso.

Vestiri ‘u pupu
vestire il pupo.

Vicìnu ru rè bijàtu cu c’è
vicino al re, beato chi c’è. 

Vinu vecchiu e ogghiu novu
vino vecchio e olio nuovo.

Viriri a tavula e nun manciari … viriri u lettu e nun durmiri … aspittari e nun viniri … su tri cosi di muriri
vedere cibo e non poter mangiare… vedere il letto e non poter dormire… aspettare chi non arriva… sono tre cose che non si possono sopportare)

Voi sapiri qual’è lu megghiu jocu? Fà beni e parra pocu.
Vuoi sapere qual’è il miglior gioco? Fai del bene e parla poco.

Vói sdivacari tutta cannata? Cardùni amàru e pavùzza calijàta!
Vuoi svuotare tutta la brocca? Ti basterà mangiare cardi amari e fave abbrustolite.

Vol’essiri di Patti la pignata pri fari la minestra sapurita.
Deve essere di Patti la pentola, per fare la minestra saporita.

Voli  sapiri u pilu, u pilatu e u mastru c’a gghiantatu
vuol sapere il fatto, l’autore e chi l’ha detto in giro (vuol sapere tutti i  particolari)

Vulìri ‘a vutti china, e ‘a mugghièri mrijàca
volere la botte piena, la moglie ubriaca.

Ziti sempri e maritati mai
(sempre fidanzati e mai sposati)

 

Proverbi senza traduzione

A bon cunigghiu non mancunu tani.
A butti china e a muggheri mbriaca.
A cani vecchiu, la vurpi cci piscia
A casteddi ni l’aria, cannunati ni lu ventu
A cavaddu magru, muschi
A chi è riduttu lu gaddu di sciacca, a essiri pizzuliatu di la ciocca.
A chi vuol bene diu manda pene
A cipudda ppi l’orariu,u libbrettu râ pinzioni,e na cruna ri rusariu ppi scurrìrisi i razioni.
A coci a coci sparì na carcata di zibibbo
A collira da sira sarbitillappà matina.
A corda troppu tisa si rumpi.
A cosa ‘ncimata è menza cusuta.
A cu’ luci la manu non ci luci la sorte
A cu’ nun ti duna né t’impresta,fujlu comu la pesta
A cu’ punce la spina se la scippa
A cu’ ti trovi a lu capizzo ci lasci lu piripizzu
A cui aiuto nun ti po’ dare li tuoi guai non confidare
A cui cci ardi la spina, si la scippa
A cui cci mancia la testa, s’arraspa
A cui mori si dici: va ca vegnu, ca cu va prima aspetta lu cumpagnua due pennuli s’appenne la racina
A facci irata teni la vucca sirrata.
A fami è na cattiva consigliera
A fami è vistuta di niuru
A fave e a ortu ci vole l’omu mortu
A fimmina a la finestra non fare festa
A fimmina ca ridi, ‘un ci aviri fidi.
A fimmina fà e disfà la casa
A furca è fatta ppi cu si voli ‘nfurcari.
A gilusia è la càmula di l’amuri
A jaddina ca camina, torna c’a vozza china.
A jaddina vecchia fa un brodu rassu.
A l’omu limusineri è diu dispinseri
A l’ortu e a’ lu mulino vacci sempre di matino
A la cannilora lu ‘nvernu è fora
A la casa di gesù soccu trasi nun nesci cchiu
A la casa di lu patruni ogni jornu è festa
A la fini si vidi cu’ havi raggiuni
A la jurnata che promise si conosce il buon pagatore
A la me’ robba ‘un ci vogghiu patruni
A la morti si cummogghianu ‘i difetti
A la saluti nun c e prezzii.
A la squagliata della nive si viruno li pirtusa
A la sula morti nun ce invidia.
A li cavaddi la virga e spiruni ed a li figghi un bonu vastuni
A li cosi boni, miatu cu cci arriva primu !
A li picciotti puma russi, e a li vecchi sgracchi e tussi
A li quaranta jorma si viri la massaria
A li ricchi ricchizzi, a li scarsi scarsizzi.
A li santi nun promettere diuna e a li picciriddi cudduruna
A lingua batti unni u denti doli.
A lingua non avi ossa, e rumpi ossa.
A lu bisognu pò sperimentari l’amicu, lu parenti e lu cumpari
A lu canturi è l’ucillo e a lu parrari è lu cirivello
A lu cavaddu ‘nvidiatu ci luci lu pilu
A lu malatu poco e spisso
A lu malu omu, a la mala fimmina, dacci lu so’ e lassali jiri
A lu mura vasciu s’appennunu tutti
A lu pigghiari prestu e a lu pagari nun tantu lestu
A lu scannaliato pensaci
A lu servu pacenza, a lu patruni prudenza.
A lu viddanu n’ci toccunu nguanti, ma a zappa ‘n coddu e u sceccu ravanti.
A lupu vecchiu, nun si ‘nzigna la tana.
A mare scrispu ventu friscu a nave rotta ogni vento è contrario
A mari vantatu un ghiri mai a piscari.
A matinata fa a bona iurnata. A me casa non è funnucu, e mancu lucanna. O dati u culu a nautra bbanna.
A medicu, cunfissuri ed avvucatu nenti tènili cilatu
A muggheri i l’autri è sempri bedda.
A mugghiera d’autru pari cchiù bedda
A nu riccu c’ha muriri la mugghieri e a poveru lu sceccu
A omu bonu nun ci manca l’aiuto
A ottobre nun ti mettiri e a mai nun ti livari
A paci ccu ‘a giustizia camminanu a brazzettu
A pagghia vicinu u focu dduma.
A paisi unni chi vai, comu vidi fari fai.
A pani schittu, u veru cumpanaggiu è u pitittu.
A pasta pu n’ura basta.
A poco a pocu lo corpu s’insigna
A porta chiusa lu diavulu vota li spaddi
A prumisa è un debitu.
A quartara chi va all’acqua o si rumpi o si ciacca.
A quattro cose nun cririri : amuri di fimmina e carità di frate, sule d’inverno e nuvole d’estate
A roba e l’autri è duci ma nun lucia.
A sai troppu longa, scusila anticchia.
A san grispinu si tasta lu vinu
A san marinu ogni musto è vinu
A san micheli, l’omu a lu cunseri e la fimmina a lu cannileri
A san simone le nescole a granni mucchi e l’acqua a li vadduni
A sant’andrìa lu bonu massaru siminatu avìa
A sant’andria, ognu musca morta sia
A santa maria l’arancio giannia
A spina a cu punci doli.
A squagghiata d’a nivi si vidunu ‘i purtusa.
A surci vecchiu, nun si ‘nzigna a tana.
A tavola e a liettu nun ci vole rispetto
A tavola e a tavulino si connusci lo signorinu
A tavola si scordano li trivuli
A tò casa abbrazza e vasa
A tummini a tummina sunno li guai, cu n’avi picca e cu n’avi assai
A u maluto c’un cia cura vacci a sera quannu scura
A unu un ci spiari chi arti fa:iddu stissu ti lu dici.
A vucca chiusa nun ci tràsinu muschi
A zappa si pigghia cu manicu.
A1l’etticu e a lu minnicu, ‘un ci arraspari lu viddicu.
Abbu e maraviglia s’ingnacca fino alle ciglia
Accatta caru e vinni mircatu.
Accatta e vinni quannu si priatu
Accussi va lu munnu: cu acchiana e cu va ‘n funnu
Accussi voli diu, tu manci e io taliu.
Acqua ca duna a du’ funtani una d’i dui è cunnannata a siccari
Acqua ca va a tanti vadduna a mari nun ci nn’arriva
Acqua che va passa e vagna
Acqua d’aprili, ventu di maju,suli di giugnu ìnchinu i maìddi ppi tuttu l’annu
Acqua d’austu, ogghiu, meli e mustu.
Acqua d’austu+a161 mette ogglio melie e musto
Acqua davanti e bentu darre
Acqua davanti e ventu d’arreri
Acqua di giugnu consuma lu munnu
Acqua e consigli nun si offrono
Acqua e focu nun darici locu
Acqua e focu, dacci locu.
Acqua e morti aspettali ca veni
Acqua e solu fa lavuri
Acqua e ventu fa frumento
Acqua o focu, nun ci pighiari ‘imprisa.
Acqua o ventu, si nun chiovi fa bon tempu.
Acqua passata ‘un mancina mulinu
Acqua salata non stagghia siti.
Acqua, cunsigghi e sali: senza addumannati nun ni dari.
Ad arvulu cadutu,accetta, accetta
Ad ogni duluri rimedia la morti.
Addisiari e nun aviri, è pena di muriri
Addriccare e disdriccare so due guai
Addumanna sempre assai, che a calari ci sarai
Ai cchiù corna ca capiddi.
Albriri accantu i strati su di tutti cutulati.
All’opira si canusci lu mastrii.
All’ortu e o mulinu vacci matinu.
Alla credenza si ci pensa con l’interesse e non con l’amicizia
Alla fera vacci e alla piazza stacci
Ama a ccu t’ama si vo aviri spassu, ca amari a cu non t’ama è tempu persu.
Ama a ccu ti ama, rispunni a cu ti chiama.
Ama a cui t’ama, a cui nun t’ama, lassalu
Ama a cui t’ama, a cui nunt’ama, lassalu.
Ama a cui t’ama, si voi aviri spassu ca amari a cui nun t’ama è tempu persu
Ama diu ccu tuttu lu cori e li mali lingui làssali jiri
Ama e ama sempri ccu cori ranni, nun chiùri lu cori sennò ‘unn ‘havi nenti
Ama l’omu tò ccu lu viziu sò
Amanu nun sarai si a tia sulu pinsirai
Amara ‘a pecura c’havi a dari la lana
Amare la vicina è un gran vantaggio, si vede spesso e non si va in viaggio
Amare nun amato, è tempu perso
Amaru cu è mortu nn’u cori di l’autru
Amaru cu è nno bisuognu.
Amaru unni cascuni li pira, cu prima non penza all’ultimu suspira.
Amatu nun sarai si a tia sulu pinsirai
Amicizia pi scopu dura pocu.
Amicu ch’un ti duna e parenti ch’un ti ‘impresta fujili tutti dui comu la pesta
Amicu cu tutti e fidili cu nuddu
Amicu cu tutti e fidili cu nuddu.
Ammàtula ca ‘ntrizzi e fai cannola, ‘u santu è di mmarmuru e nun suda
Ammàtula ca ti pèettini e tallisci, ‘u cuntu ca t’ha fattu ‘n ti arrinesci
Ammazza chiù la gola che lu cuteddu
Ammicca ammicca ammicca ca tutti pari.
Ammuccia ammuccia ca tutti pari
Ammuccia ammuccia, chi tuttu pari.
Ammucciasti al roba a lu lucirtuluni
Ammuri di mamma nun t’inganna
Ammutula si pisca, si all’amu nun c’è l’isca
Amu scutulatu carrubbi.
Amure di madre e servimento di muglieri
Amuri biddizzi e dinari, su’ tri cosi ch’ ‘un si ponnu ammucciari.
Amuri di mamma nun t’inganna
Amuri di matri, servimentu di mugghieri e carizzi di ‘nnammurata
Amuri di signuri e vinu ‘n ciascu la sira è bonu e la matinata è guastu
Amuri di surdato dura poco, a tocco di tamburo addiu signura
Amuri è amuri ma ricria lu cori.
Amuri è amuri, nun è broru di ciciri.
Amuri e gilusia su sempri ncumpagnia.
Amuri e gilusia su’ sempri ‘n cumpagnia
Amuri, beddizza e dinari sunno tri cose che nun si possono ammucciari
Amuri, tussi e fami non si possonu ammucciari
Annata bisesta, biatu cu cci resta
Annata di nivi annata d’olivi
Annati di pira annata sospira
Appresso la mala annata simina sicuro
Appuiarisi a lu muru vasciu.
Apri la porta di ferru chiavi d’oru
Aprile fa lu ciuri e li biddizzi se li gode il mese di maggio
Aprile quannu cianci e quannu riri
Aprili è duci dormìri
Aprili favi chini, ma si ‘unn’è maiu nun nni cucini
Aprili, friddu gentili
Aprili, lu duci durmiri né livari né mittiri
Aprili, non livari e non mintiri.
Aprili, quannu chianci e quannu riri
Aranci aranci cu havi guai si li chianci
Aranci aranci di cu’ su’ li guai si li chianci
Arbulu longo taglialu di peri
Arcu siritinu, fa bon tempu a lu matinu, arcu matinali,jinchi puzzura e fruntali
Ardenzia di travagghiu un aspetta sonu di sveglia
Aria di fissura aria di sepultura
Aria nettu nun havi paura di trona
Ariu chiaru: nun cc’è paura di trona
Arma e cammisa l’avemu divisa d’inverno iusto
Arra ccu arra e ‘nsiemula cche tuoi.
Arripararisi dunni chiovi.
Arristàu ccu l’occhi chini e li manu vacanti
Arrobba lu porcu e duna ppi limosina li ‘nziti
Arvulu curtu càrica tuttu,arvulu longu taglialu di pedi
Asciutti li pedi, cauda la testa, e di lu restii campa di bestia.
Asciutti li peri, cauda la testa, e lu restu campa di bestia
Aspittari e nun viniri, seriri a tavula e nun mangiari, curcarisi e nun durminri su tri guai da muriri
Assai megghiu addivinfirai si a la morti pinsirai.
Assai megghiu diventerai, si a la morti penserai
Attacca u sceccu unni vola u patruni.
Austu e riusto capu e pentiti
Austu e riustu è capu di mmernu.
Avanti cummàttiri ccu centu mariòla ca cc’un babbu.
Avanti muriri manciannu, ca campari disiannu
Avanti na vota arrussicari ca tanti voti aggiarniari.
Avanti pezzi ca pirtusa
Avanti scura tròvati a la casa e secunnu l’entrata fa’ la spisa
Aviri tutti ‘i vizi comu ‘a cucca
Avissi muriu ‘o spitali e aviri muriu cavaleri
Batti lu ferru, mentri è cavuru.
Bedda ostissa, caru cuntu.
Beddi amici, havi mastru aitanu!
Beddu fussi lu maritari si nun fussi pri l’annacari
Beddu pria natura, sinu a la morti dura
Ben tempu e malu tempu non dura tutto lu tempu
Bene e mali, ‘n cera pari
Benedittu lu mei paisi unni lu pani si chiama pani e lu vinu si chiama vinu
Beni di furtuna passanu comu la luna
Beni di furtuna,passanu comu la luna
Beni e mali nfacci pari.
Bestia ca stranuta tempu ca muta
Biato cu la tene la palora
Biatu cu’ havi ad aviri e tintu cu’ havi a dari
Biatu cu’ lu merita lu beni, e lu malannu cu’ lu po’ patiri
Biddizza è comu un ciuri, chi nasci e prestu mori
Biddizza senza grazia è comu lisca senz’ami
Biddizza senza virtù presto svanisci
Bisogna essiri garzuni e poi mastru.
Bisuognu metti liggi.
Bocca amara sputa fiele
Bomu studiu e bona cura cacciamu e rumpinu mala vintura
Bon tiempu e maluttiempu nun dura tuttu tiempu.
Bona maritata senza soggira e senza cognata
Boni sarvati e mali circati
Bonu studiu e bona cura caccianu a la svintura
Bonu tempu e malu tempu,nun dura tuttu tempu
Bròcculi e pridicaturi doppu pasqua perdunu amuri
Bucca china non parra.
C’ havi a chi fari cu li sperti,stassi cu l’occhi aperti
Ca picca parrau, picca sbagghiau e bonu si truvau.
Cacciari muschi e ammuttari furnu ccu ‘a stanga.
Cacio, pira e pani su cibu di viddani
Calati ímmu, chi passa la china.
Calati juncu, chi passa la china
Calura vuol dire salute
Campa cavaddu, chi l’erva crisci.
Campana chi nun senti a prima voci è signu che u discursi nun ci piaci
Megghiu l’ovu oggi ca jaddina dumani!
Similar posts