Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Proverbi campani (o napoletani che dir si voglia!)

Illustrazione tratta da: "Balli di Sfessania" di Jacques Callot, 1622

Illustrazione tratta da: “Balli di Sfessania” di Jacques Callot, 1622

 

  • A’ femmena è comm’all’onna: o te sulleva o t’affonna
    La donna è come l’onda (del mare): o ti eleva o ti fa affondare 

     
  • A fémmena è culonna e l’ommo è fronna. 
    La donna e’ colonna e l’uomo e’ foglia. 
    La donna e’ più solida dell’uomo che spesso è in balia del vento come una foglia. 
     
  • A San Giuanne miette ‘e noci e a San Michele lievannelle. 
    A San Giovanni metti le noci e a san Michele toglile
     
  • ‘A Santu Biase ‘o sole p’ ‘e case, a sant’Andulino ‘o sole p’ ‘e marine
    A S. Biagio il sole per le case a S. Antonino il sole è alle marine.

     
  • Abbrile, cocchte priesto e sosete matino
    Aprile, Coricati presto ed alzati di buon mattino. 

     
  • Aria netta nun ave’ paura ‘e tronole. 
    Aria pulita non incute paura di tuoni.
     
  • Chi ‘ntroppeca a tutt’ ‘e prete da via va senza piere a casa
    Chi si ferma a tutte le pietre della strada va a casa senza piedi

     
  • Chi nun accatte e nun venne nun saglie e nun scenne
    Chi non compra e non vende non sale e non scende. 

     
  • Chi nun fraveca e nun mmarita, nun sape ‘o munno comm’è
    Chi non costruisce e non affronta matrimoni non può dire come sia fatto il mondo. 

     
  • Comme Catarenéa, accussì Nataléa.
    Come sarà a S. Caterina (25 Novembre), Così sarà a Natale
     
  • E’ fenuta l’evera, oj piécuro! 
    E’ finita l’erba, povera pecora. 
    E’ finita la cuccagna; sono finiti i soldi.
     
  • E’ meglio a nascere senza naso ca’ senza sciorta
    E’ meglio nascere senza naso che senza fortuna

     
  • Femmene, cane e baccalà, p’essere buone s’anna mazzià
    Donne, cani e baccalà, per essere validi vanno bastonati 

     
  • Femmene, cavalle e varche songo ‘ chi ‘e carca
    Donne, cavalli e barche sono di chi sa padroneggiarli

     
  • Femmene, ciucce e crape tèneno tutt’a stessa capa
    Donne, asini e capre hanno un’identica mentalità

     
  • Femmene, ciucce e noce, mana feroce
    Con le donne, gli asini e le noci, occorre usare la mano pesante
     
  • L’omme ‘e tre cose se ne vede bbene: de’ sorde ‘e spiccio ‘e ‘nu pare ‘e scarpe vecchie ‘e ‘na mugliera brutta. 
    L’uomo gode di tre cose: di soldi spiccioli di un paio di scarpe vecchie e di una moglie brutta.
     
  • L’uocchie vonne ‘a parte ‘llora.
    Gli occhi vogliono la loro parte

     
  • ‘Ntiempo ‘e tempesta tutte ‘e strunze saglieno a galla 
    In giornate di tempesta tutti gli “str…” spuntano a galla.
     
  • ‘O barbiero te fa bello ‘o vino te fa guappo ‘a femmena te fa fesso
    Il barbiere ti fa bello il vino ti fa guappo la donna ti fa fesso.
     
  • ‘O ciuccio nun cammina, si n’abbusca
    L’asino non cammina, se non è sferzato 

     
  • Pane ‘e nu juorno vino ‘e n’anno e guagliona ‘e quinnece anne.
    Pane di un giorno vino di un anno e ragazza di quindici anni.

     
  • Quanno ‘a furmica mette ‘e scelle, è segno che vo’ muri’.
    Quando la formica mette le ali è segno che vuole morire.

     
  • Quanno vene Santu Pietro, o verde o sicco, miete
    Quando viene S. Pietro o verde e secco, mieti

     
  • Si frevàre nun frevarea marzo ‘ngrogne l’ogne.
    Se febbraio non “febbrareggia” marzo imbroncia le unghie. 

     
  • Tanno è granillo quanno è dinto ‘a vuttazzella, Tanto è uoglio quanno è dint’ ‘o zirretiello.
    Allora è grano, quando è nella botte, Allora è olio, quando è nell’orcio

     
  • Tanno l’annata è persa quando ‘mese ‘e abrile deventa marzo.
    Allora si perde l’annata: quando il mese di aprile diventa marzo.
Similar posts
  • Proverbi lucani
    La lingua italiana, da qualche tempo, tende a prevalere sempre più anche nella Basilicata. La globalizzazione omologa e soffoca le caratteristiche peculiari e la cultura dei popoli. Così anche i dialetti cominciano ad avere la vita difficile, proprio quando invece occorrerebbe il recupero e l’analisi della cultura popolare. Il terzo millennio dovrà recuperare il dialetto […]