Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Proverbi campani (o napoletani che dir si voglia!)

Illustrazione tratta da: "Balli di Sfessania" di Jacques Callot, 1622

Illustrazione tratta da: “Balli di Sfessania” di Jacques Callot, 1622

 

  • A’ femmena è comm’all’onna: o te sulleva o t’affonna
    La donna è come l’onda (del mare): o ti eleva o ti fa affondare 

     
  • A fémmena è culonna e l’ommo è fronna. 
    La donna e’ colonna e l’uomo e’ foglia. 
    La donna e’ più solida dell’uomo che spesso è in balia del vento come una foglia. 
     
  • A San Giuanne miette ‘e noci e a San Michele lievannelle. 
    A San Giovanni metti le noci e a san Michele toglile
     
  • ‘A Santu Biase ‘o sole p’ ‘e case, a sant’Andulino ‘o sole p’ ‘e marine
    A S. Biagio il sole per le case a S. Antonino il sole è alle marine.

     
  • Abbrile, cocchte priesto e sosete matino
    Aprile, Coricati presto ed alzati di buon mattino. 

     
  • Aria netta nun ave’ paura ‘e tronole. 
    Aria pulita non incute paura di tuoni.
     
  • Chi ‘ntroppeca a tutt’ ‘e prete da via va senza piere a casa
    Chi si ferma a tutte le pietre della strada va a casa senza piedi

     
  • Chi nun accatte e nun venne nun saglie e nun scenne
    Chi non compra e non vende non sale e non scende. 

     
  • Chi nun fraveca e nun mmarita, nun sape ‘o munno comm’è
    Chi non costruisce e non affronta matrimoni non può dire come sia fatto il mondo. 

     
  • Comme Catarenéa, accussì Nataléa.
    Come sarà a S. Caterina (25 Novembre), Così sarà a Natale
     
  • E’ fenuta l’evera, oj piécuro! 
    E’ finita l’erba, povera pecora. 
    E’ finita la cuccagna; sono finiti i soldi.
     
  • E’ meglio a nascere senza naso ca’ senza sciorta
    E’ meglio nascere senza naso che senza fortuna

     
  • Femmene, cane e baccalà, p’essere buone s’anna mazzià
    Donne, cani e baccalà, per essere validi vanno bastonati 

     
  • Femmene, cavalle e varche songo ‘ chi ‘e carca
    Donne, cavalli e barche sono di chi sa padroneggiarli

     
  • Femmene, ciucce e crape tèneno tutt’a stessa capa
    Donne, asini e capre hanno un’identica mentalità

     
  • Femmene, ciucce e noce, mana feroce
    Con le donne, gli asini e le noci, occorre usare la mano pesante
     
  • L’omme ‘e tre cose se ne vede bbene: de’ sorde ‘e spiccio ‘e ‘nu pare ‘e scarpe vecchie ‘e ‘na mugliera brutta. 
    L’uomo gode di tre cose: di soldi spiccioli di un paio di scarpe vecchie e di una moglie brutta.
     
  • L’uocchie vonne ‘a parte ‘llora.
    Gli occhi vogliono la loro parte

     
  • ‘Ntiempo ‘e tempesta tutte ‘e strunze saglieno a galla 
    In giornate di tempesta tutti gli “str…” spuntano a galla.
     
  • ‘O barbiero te fa bello ‘o vino te fa guappo ‘a femmena te fa fesso
    Il barbiere ti fa bello il vino ti fa guappo la donna ti fa fesso.
     
  • ‘O ciuccio nun cammina, si n’abbusca
    L’asino non cammina, se non è sferzato 

     
  • Pane ‘e nu juorno vino ‘e n’anno e guagliona ‘e quinnece anne.
    Pane di un giorno vino di un anno e ragazza di quindici anni.

     
  • Quanno ‘a furmica mette ‘e scelle, è segno che vo’ muri’.
    Quando la formica mette le ali è segno che vuole morire.

     
  • Quanno vene Santu Pietro, o verde o sicco, miete
    Quando viene S. Pietro o verde e secco, mieti

     
  • Si frevàre nun frevarea marzo ‘ngrogne l’ogne.
    Se febbraio non “febbrareggia” marzo imbroncia le unghie. 

     
  • Tanno è granillo quanno è dinto ‘a vuttazzella, Tanto è uoglio quanno è dint’ ‘o zirretiello.
    Allora è grano, quando è nella botte, Allora è olio, quando è nell’orcio

     
  • Tanno l’annata è persa quando ‘mese ‘e abrile deventa marzo.
    Allora si perde l’annata: quando il mese di aprile diventa marzo.
Similar posts
  • Proverbi lucani La lingua italiana, da qualche tempo, tende a prevalere sempre più anche nella Basilicata. La globalizzazione omologa e soffoca le caratteristiche peculiari e la cultura dei popoli. Così anche i dialetti cominciano ad avere la vita difficile, proprio quando invece occorrerebbe il recupero e l’analisi della cultura popolare. Il terzo millennio dovrà recuperare il dialetto [...]
  • “Il nome degli spaghetti”, una ricerc... In occasione della pubblicazione del mio eBook “Fratelli sangue”, seconda avventura nel progetto di scrittura collettiva chiamato Risorgimento di Tenebra, ne approfitto raccontare la scoperta di un’Italia del 1849… senza spaghetti! Il passato è una terra strana, piena di persone che ci somigliano ma parlano in modo diverso e si comportano in modo curioso. Raccontare una [...]
  • Proverbi “in giro per il mondo&... Ecco alcuni proverbi che ci vengono dai continenti non europei ed abbiamo l’occasione di ‘scoprire’ usi e costumi molto simili ai nostri. In fondo… ‘Tutto il mondo è paese!‘. Ringrazio l’amica Sissy per la fattiva collaborazione. AFRICA,   ASIA,   CENTRO AMERICA,  SUDAMERICA,   OCEANIA AFRICA: A chi pensa e ripensa a casa sua, non vi sono dolcezze sufficienti [...]
  • Proverbi palermitani   A butti china e a muggheri ‘mriaca La botte piena e la moglie ubriaca A casa capi quantu voli u patruni La casa è capiente quanto vuole il padrone A tempo i carestia ogni pirtuso è galleria e cu navi addisia In tempo di carestia ogni buco è ben accetto, e chi non l’ha [...]
  • Proverbi e detti latini Ab uno disce omnis (Da uno capisci come sono tutti) – Virgilio Absculta filii mii, praecepta magistri ( San Benedetto) Accidere ex una scintilla incendia passim (A volte da una sola scintilla scoppia un incendio) – Lucrezio Acta est fabula (Lo spettacolo è finito) – Augusto Ad maiora (A successi più grandi) Aliena vitia in [...]