Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Proverbi calabresi

La Calabria si affaccia sul mar Tirreno a ovest, sul mar Ionio a est e a sud, a nord, segnato dal massiccio del Pollino, confina con la Basilicata e, separata dallo stretto di Messina, con la Sicilia. Comprende le province di Catanzaro (capoluogo regionale), Cosenza, Crotone, Reggio Calabria e Vibo Valentia.
La posizione geografica è stata favorevole per la Calabria agli albori della sua storia quando, più di duemila anni or sono, i greci dominavano i commerci del mare Mediterraneo; in seguito la regione divenne essenzialmente terra di conquista. Infatti, a differenza di altre regioni marittime, come la Liguria, la Calabria non seppe mai trarre vantaggio dai suoi mari: lo conferma anche il fatto che ben quattro dei suoi cinque capoluoghi di provincia sono situati nell’interno.

Magna_Grecia_280aC

A

A carni va cu ll’ossu
La carne con l’osso è più saporita

A casa chi non si mbitatu non iri ca si cacciatu
Dove non sei invitato non andare che prima o poi sarai cacciato

A cortara non poti struzzari ca perta
Non puoi fare il prepotente con uno più prepotente di te

A cridenza moriu e lu malu pagaturi u mmazzaru
Il credito e il cattivo pagatore sono morti

A cumpidenza è patruna da malacrijanza
La confidenza che dai ad una persona è scambiata per dabbenaggine

A fortuna cangia coma a luna
La fortuna spesso cambia 

A gaglina si spinna quandu è morta
Alcune cose vanno fatte al momento opportuno

A gatta ndavi setti spiriti
La gatta, anche in una brutta caduta non si fa male 

A l’orto si voli l’omu mortu
In ogni orto c’è bisogno di piantare il pupazzo di stoffa che allontana gli uccelli

A luci i lumera simu tutti i na manera
A prima apparenza siamo tutti uguali

A mari vantatu non iri i pischi
Le cose vantate son false

A megghiu parola è chija chi no nesci da vucca
In tante circostanze conviene tacere

A meghiu morti esti a subitanea
Quando si deve fare una conviene farla subito

A omu ngratu e a cavulu schiurutu chigliu chi si fai esti perdutu
Non conviene fare bene a chi non lo apprezza

A pecura rugnusa mpesta tutta a mandria
La persona disonesta spesso porta alla cattiva strada anche altre

A petra chi non faci lippu sa leva scjiumara
In un fiume la pietra dove non cresce l’erbetta rischia di essere trasportata dalla corrente

A pratica ruppi a grammatica 
La pratica aiuta piu’ delle regole

A raggiuni e’ di fissa
Spesso le persone furbe raggirano altre che si sentono dire di avere ragione 

A soggera pa nora anche se i zzuccharu non è bona
Anche la suocera più buona è considerata male dalla nuora 

A troppu cumpidenza è patruna da malacreanza
Spesso la confidenza viene scambiata per dabbenaggine

A undi pari co lardu spandi a mala pena i cavuli cundi
Anche dove sembra che il lardo gocciola non riesce  a condire i cavoli 

A undi trona e a undi lampa
La situazione è critica

A vecchiaia carzi russi
Certe cose vanno fatte all’età giusta

A vecchiaia è na carogna
La vecchiaia è una rovina

‘Abitu no’ ‘ffà mònacu e chìrica no’ ‘ffa prìavite
Il saio dei frati e la tosatura dei sacerdoti non indicano nobili vocazioni

Acqua passata non macina mulinu
Non pensare alle cose passate, perchè non possono essere modificate

Acqua queta rumpi ponti
Acqua quieta rompe i ponti

Ama cu ti ama e rispundi a cu ti chiama
Ama chi ti ama e rispondi a chi ti chiama

Amari i luntanu esti coma a l’acqua nto panaru
Amare da lontano una persona è una cosa vana 

Amaru cu u porcu no ‘mmazza, a li travi soi non mpicca sarzizza
Nelle case in cui non si ammazza il maiale dalle travi non pendono salsicce

Annàta dè nùci, annàta de cruci
Le annate ricche di noci propiziano eventi luttuosi

Ariu russu  u ventu nto mussu
Il rossore del cielo preannuncia un vento in arrivo

Ava a cuda ‘e pagghia
Avere la coda di paglia, ovvero sapere di aver fatto un torto a qualcuno

C

Ca scusa du figghiolu a mamma si mangia l’ovu
Con la scusa di dare da mangiare al bambino la mamma si mangia l’uovo 

Ca scusa du figghiolu a mamma si mangia l’ovu
Con la scusa di dare da mangiare al bambino la mamma si mangia l’uovo 

Calabrisi e mulii mai suli
I calabresi e i muli hanno in comune la testardaggine

Celu pecurinu, acqua in caminu
Le nuvole disposte nel cielo a  “pecorelle” denotano  la presenza di acqua, che si sposta

Chi mangia di bon’ura ccu nu pugnu scascia nu muru
Chi mangia di buon’ora con un pugno rompe un muro

Chistu non è tempu i dari pani a gatti
Questo non è tempo di occuparsi di cose poco importanti

Chiu scuru da menzanotti non poti veniri
La sfortuna non puo’ essere piu’ crudele di questa

Cìalu pecurìnu, bontìempu lu matìnu
I cirri che al pomeriggio affollano il cielo, indicano tempo bello per il giorno successivo

Cu a voli cotta e cu a voli cruda
Una cosa può essere voluta in maniera diversa da più persone

Cu bella voli pariri pene e guai ndavi patiri
Chi vuol arrivare a un traguardo importante deve impegnarsi e talvolta soffrire

Cu catta chi vidi si vindi i ciaramidi
Chi compra quello che vede presto dovrà vendere tutto per pagare i debiti

Cu cumanda non suda
Chi comanda non suda

Cù dassa a strata vecchia pe a nova, sapa chiddu cchi dassa m’on sapa chiddu chi trova
Chi abbandona la strada vecchia per la nuova, sa cosa lascia ma non sa quello che trova

Cu du vecchiu s’innamura si la ciangi la sventura
Chi si innamora di un vecchio si pentirà  

Cu joca sulu non si ‘ncagna mai.
Chi gioca da solo non si incavola mai.

Cu nc’i duna pani a cani strani perdi ù pani e ù cani
Chi sfama degli estranei, perde il pane che ha dato loro ed essi stessi si guarderanno bene dal farsi rivedere.

Cù nci lava i pedi o sceccu perdi l’acqua e la lissia
Chi fa dei favori ad un amico irriconoscente, perderà non solo il denaro, ma anche il tempo. 

Cu ‘ndeppi focu campau, cu ‘ndeppi pani moriu
Chi ha avuto il fuoco è vissuto, chi ha avuto il pane è morto

Cu ‘ndeppi focu campau, cu ‘ndeppi pani moriu
Chi ha avuto il fuoco è vissuto, chi ha avuto il pane è morto

Cu nesci tundu non mori quatratu
Quando uno nasce sfortunato, rimane sempre così

Cu’ no’ zappa a’ lu siccàgnu e màncu a’ lu vagnàtu, vène giùgnu e si gràtta la càpu
Chi non zappa e non semina, alla stagione delle raccolte rimarrà a mani vuote

Cu non poti mangiari ‘ carni si mbivi u brudu
Chi non può mangiare la carne è costretto ad accontentarsi del brodo

Cu non si movi, su mangianu i muschi
Chi non esercita una qualsiasi attività produttiva perverrà presto a complete degradazione

Cu non vitti pecuri a chist’ura non vidi cchiù no pecuri e no lana
Chi non vede rientrare le pecore nell’ovile non vedra’ nemmeno la lana

Cu paga prima, paga dui voti
Chi paga prima di venire in possesso di una cosa la paga due volte

Cu patri e patruni non hai mai raggiuni
Con i genitori e con i padroni non hai mai ragione

Cù pe’ dinàri na’ brùtta si pìgghie, li sòrdi si’ ‘nde vànu … e lu còre scuagghie!
Chi sposa una donna non bella, ma solo per ricchezze finisce col dover rimpiangere l’Amore vero!

Cu prima non pensa dopu suspira
Chi agisce di istinto poi si pente

Cu’ ride de’ vènneri ciànge lu sàbatu
Tutti i venerdì richiamano la morte di Gesù: essere quel giorno allegri è di cattivo auspicio

Cu rridi i venneri ciangi i sabatu
Chi ride e scherza di venerdì (giorno di penitenza) sarà triste di sabato perché gli succederà qualcosa

Cu si marita sta contentu ‘nu jiorno, cu’ ammazza ‘ u puorco sta contentu ‘n anno
Chi si sposa sta contento un giorno, chi ammaza il porco sta contento un anno

Cù simina ‘nta la vìgna no’ mète e no’ vindìgna
Qualsiasi semina nel vigneto è improduttiva, e si rischia di compromettere la produzione di uva

Cù simina ‘nta vìgna no’ mèti e no’ vindìgna
La semina nel vigneto non produce, e inoltre rischia di rovinare la raccolta dell’uva

Cu simina spini non mi vahi a scarza
Chi butta in terra spine o chiodi non vada scalzo

Cu sparti pigja a megjiu parti
Chi divide il cibo si accaparra la porzione migliore 

Cu staci a speranza i l’attri e non cucina la sira si coghhi alla sdiuna
Chi non cucina sperando che cucinino gli altri, rischia di rimanere digiuno 

Cù sùffre d’amùre non sente dolùre
Il mal d’Amore è indolore

Cu tanta tila e cu mancu cammisa, cu tanta cumpagnia e cu dormi sulu
Chi ha tanta tela e chi non ha per niente e chi ha tanta compagnia e chi è solo

Cù ti sapa ti rapa
Chi ti conosce ti deruba

Cu ti voli beni ti faci ciangiri, cu ti voli mali ti faci rridiri
Chi ti vuole bene ti dice la verità e ti fa soffrire, mentre chi ti vuole male ti fa sorridere con la bugia

Cu trova mogliu, zappa fundu
Chi riesce a trovare una situazione facile ne approfitta

Cu vivi i speranza vivi i disperatu mori
Chi si affida esclusivamente della speranza e non agisce non sarà disperato

Cu voli bonu vinu vindigna tardu
Spesso il buon vino deriva da una vendemmia tardiva

Cu zappa rridendu cogli ciangendu
Chi gioisce per un lavoro pesante spesso non lo porta a compimento 

Cu’eppa focu campàu, cu’ebba pana moriu
Chi ha avuto fuoco è vissuto, chi ha avuto pane è morto

Cuocila comi voi sempri cucuzza esti
La zucca la puoi cucinare in maniera diversa, ma sempre è zucca

D

Da candilora du mbernu simu fora
Dal Giorno della “Candilora” 2 Marzo siamo vicini alla fine dell’inverno 

Da crapa si doli e du zzimbaru si mungi
La capra sente dolore, ma è il caprone a lamentarsi 

Dansi da terra ca a terra ti duna
Coltiva la terra che essa ti ripaga

Dassa stara u cana chi dorma
Lascia stare il cane che dorme

De fimmini e de màare nò ti fidare
Le insidie delle giovani donne travolgono, come quelle del mare

Debiti e guai non finiscianu mai
I debiti e i guai non finiscono mai

Di toi a ciu’ arrassu quanto puoi
Stai lontano dai tuoi parenti più lontano che sia possibili 

Diu mi n’di libera du povaru ricchito e du riccu mpoveritu
Le persone più peritose per la società sono il povero arricchito e il ricco impoverito

Doluri i moli, doluri i cori
Spesso il dolore dei molari è molto brutto

Dopu li campetti si vidanu i difetti
Dopo il matrimonio si scoprono i difetti dei coniugi 

Dormi comu nu gghjru
Dorme come un ghiro

Du caru ccatta e du marcatu pensa
Compra la cosa costosa, ma pensa a comperare una cosa non costosa (si può celare un tranello)

Duru cu duru non fabbrica muru
Non combina niente chi si oppone ad uno testardo 

E

Esta focu ‘e pagghia
E’ fuoco di paglia, un fuoco che ha breve durata

Esta focu sutta cinnara
E’ fuoco sotto cenere

F

Fa beni e scordati, fa mali e ricordati
Fai bene e dimentica, fai male e ricordati

Faci nu vviaggiu e dui servizi
Con un viaggio è riuscito a compiere più servizi

Faci u scemu per non iri a guerra
Una persona fa’ lo scemo per non essere mandato in guerra

Fài chiddu chi dìcu ma nò chìddu chi fàzzu
Prendi esempio delle prediche e non dalle condotte

Fài chiddu chi dìcu ma nò chìddu chi fàzzu
Prendi esempio delle prediche e non dalle condotte

Fijjiu di gatta surici pijjiaù
Il gattino cattura i topi come la mamma (ha lo stesso carattere)

Fìmmina andànte, casa vacante
La donna che va in giro senza obiettivi precisi, contribuisce all’assottigliamento dei beni patrimoniali

Fìmmina andànte, casa vacante
La donna che va in giro senza obiettivi precisi, contribuisce all’assottigliamento dei beni patrimoniali

Fina i iarsa nu pedi l’attru su mangianu i fermiculi
E’ una persona molto lenta: infatti fino che alzi da terra un piede, le formiche hanno mangiato l’altro piede 

Frevàru curtu e amàru
Febbraio corto ed amaro

G

Gesù Cristu manda u pana a cui o nava i rienti
Le buone occasioni si presentano a chi non ne sa approfittare

Gesù Cristu manda u pana a cui o nava i rienti
Le buone occasioni si presentano a chi non ne sa approfittare

Giùgnu chiovùsu, massàru peducchiusu
Le piogge di giugno compromettono la maturazione delle messi

Grecu e Levanti si rincriscianu diu e tutti i santi
Quando imperversano i tempi Greco e Levante durano parecchio

I

I cambiali sugnu mejju de li mujjeri almeno i paghi e ti cacci de pedi
Le cambiali sono meglio delle mogli, almeno li paghi e poi te li cacci dai piedi 

I debiti si pagànu, ‘i peccati si ciangianu
L’obbligo del debitore verso il creditore non è diverso da quello che ha il peccatore verso Dio

I guai da pignàta i sapa a cucchijàra chi i manìja
I guai della pentola li conosce il cucchiaio che li mescola

I ligna storti, u focu i drizza
Anche i legni più difficili da maneggiare sono fatti diventare diriti dal fuoco

I nu pilu fannu nu travu
Alcune cose a volte vengono ingigantite

I Santu Martinu si iaprunu i butti e si prova lu vinu
A San martino si aprono le botti e si assaggia il vino

I scecchi si incuntranu e i barili si scuntranu
Gli asini si incontramo, le botti si scontrano

I sordi du suraru si mangia u schiampagnuni
I soldi guadagnati dall’ usuraio spesso cadono in mano di chi li dissipa

I tutti i santi i castagnari sunnu a rriianti
Dal primo novembre tutti possono raccogliere gratuitamente le castagne

J

Jennàru sìccu, massàru rìccu
Il freddo secco di gennaio propizia ricche messi estive

L

L’occhiu dù patruni n’grassa u cavagliu
In ogni posto di lavoro, la presenza del patrone fa sì che lavoranti producano di più 

L’omu gelusu mori cornutu
L’uomo geloso, muore pensando che egli è cornuto

L’omu valenti a manu dù pezzenti
Spesso l’uomo che vale viene fregato da persone che valgono meno

La campàgna è na cuccagna ma … pè cui no’ ssi’ la spagna
La campagna è prodiga di ogni bene di Dio ma… per chi non teme le fatiche che essa richiede

La gaddhina faci l’ovu e alu gaddhu ‘nci bruscia lu culu
La gallina fa l’uovo e al gallo gli brucia il culo

La gatta presciarola faci li figghi cicati
La gatta frettolosa fa i figli ciechi

La lancèdda cù la pètra nò’ po’ vincìre
La fragilità dei deboli non compete con la solidità dei fori

L’acqua fa mali e lu vinu fa cantari
L’acqua fa male e il vino fa cantare

L’alberu chi no’ fa frutta, taglìalu e sutta
La pianta che non produce conviene tagliarla alla base

L’amura cumìncia ccu u càntu e finìscia ccu u chìantu
L’amore incomincia col canto e finisce col pianto

L’avira ti fa sapira, a povertà ti fa ‘nciotare
Il possedere ti rende colto, la povertà non ti offre questa opportunità

Lì sordi…. fànnu vidira a li cecàti
I soldi fanno venire la vista ai ciechi

L’omu si pigghia pa parola u voi si pigghia pe corna
L’uomo si convince con la parola, mentre il bue deve essere forzato

Lu gàbbu cògghie e la jestiìma no’
Chi palesa meraviglia delle altrui disgrazie, esprimendo facili giudizi negativi, sarà un giorno la stessa vittima

Lu lupu cambia lu pilu ma no lu vizziu
Il lupo cambia il pelo ma non il vizio

Lù mangiare e lu vivìre tì sana; lu troppu faticara ti consuma
La buona tavola guarisce da ogni male, mentre le fatiche debilitano

Lù veru mònacu à lu cummìantu tòrne
Il monaco dalle vocazioni genuine non perde mai di vista il convento

Lupo ‘on mangia lupu
Lupo non mangia lupo


M

Maiu ‘on muta saiu
A Maggio non cambiare vestito

Màju ortulànu, assài pàgghia e pùacu rànu
Il clima di maggio favorisce la maturazione del grano

Mara a pecura chi ndavi a dari a lana
Povero il debitore che prima o poi deve pagare il debito

Mara cu’ non si faci i fatti soi, cu’ ‘na lanterna va cercandu guai
Povera chi non si fa gli affari suoi, con una lanterna va cercando guai 

Mara cu’ non si raspa ch’i so’ mani
Poveretta chi non si gratta con le sue mani

Mari iancu sciroccu in campu
Il mare di colore bianco denota la presenza dello scirocco

Màrzu chiùavi, chiùavi; aprìle chiùavi e scampi; n’acqua dè màjiu è fatta la missa
Se le piogge di marzo sono imprevedibili e quelle di aprile alternate col tempo bello, basterà una sola pioggia abbandonate, a maggio, per assicurare ricche messi di raccolto estivo

Mazzi e panelli fannu i fighhiòli belli, pana senza mazzi fannu i figghiòli pazzi
Botte e carezze fanno i figli belli, pane senza botte fanno i figli pazzi

Mbascia ghiuncu ca a schiumara passa
Si tratta di una persona che accetta tutto

Megghiu n’amicu ca centu ducati
Meglio avere un amico che avere cento ducati (monete) 

Megghiu oja l’ovu ca domàna a gadìna
Meglio l’uovo oggi che domani la gallina

Megghiu to mamma mi ti ciangi chi lu suli di marzu mi ti tingi
Meglio che tua madre ti pianga che il sole di marzo ti tinga

Megliu fissa ca sindacu
Il fesso non ha le preoccupazione come c’è l’ha chi occupa un posto

Megliu in galera ciangendu ca cornutu rridendu
Meglio in carcere con disperazione che cornuto con gioia

Mìagghiu màmmata mù ti ciànge, cà lu sùle dè màrzu mù ti tìnge
Il pianto di una madre è meno doloroso dei danni che l’insolazione di marzo può arrecare alla salute

Moriru cchiù gnegli ca crapi
Muoiono più spesso ragazzi giovani che non vecchi stagionati 

Mugghjeri e voi di paisi toi
La moglie e i buoi dovrebbero essere cercati nel proprio paese

Munti cu munti ‘on s’incuntrunu, ma frunti cu frunti si
Monte con monte non s’incontrano, ma fronte con fronte si

N

N’ davi a cuda i pajja
Chi ha commesso qualcosa non si sente tranquillo

Na manu lava l’atra e tutti i dui lavanu a facci
Una mano lava l’altra e tutte due insieme lavano il viso

Na vota lunu ‘ncavaddhu a lu ciucciu
A turno in groppa all’asino

Na vota si futti a vecchia
La vecchia può essere fregata una sola volta

Nci voli furtuna puru a cacari, sennò si ngruppa lu budeddu e mori.
Ci vuole fortuna pure a cacare, altrimenti si occlude il budello e muori. 

Non fare male ch’è peccatu, non fare bene ch’è sprecato
Non fare male che è peccato, non fare bene che è sprecato

Non si poti ndaviri a gutti china e a muggheri mbriaca
Non si può avere tutto, bisogna accontentarsi di qualche cosa

Nt’a ogni mandra c’è na pecura rugnusa
In ogni gruppo di persone trovi la persona che dissentisce 

O

O ti mangi ‘sta minestra o ti jetti da finèstra
O ti mangi questa minestra o ti butti dalla finestra

Occhi nigri i sumeri, occhi janchi i cavaleri
Le persone nobili si riconoscono dagli occhi

Occhiu ‘on vida cora ‘on dola
Occhio non vede cuore non soffre

Ogghiu du’n annu e vino di centanni
Olio di un anno e vino di cent’anni

Ogni viti voli u palu soi
Ogni vite vuole il giusto sostegno

Olivù e ficu trattali e nimìcu
La potatura radicale degli alberi di ulivo e fico garantisce vigorosa vegetazione primaverile

Omani di vinu ogni centu nu carrinu
Gli uomini che si ubbriacano non valgono niente

On è nè surici nè accèddu
Non è né topo né uccello

P

Pacenzia si voli alli burrasche u meli non si mangia senza muschi
Pazienza ci vuole nelle situazioni difficili perché gli obiettivi non si raggiungono facilmente

Paghi caru e sedi ‘mparu
Paga caro e avrai un posto comodo

Palumbeglia muta non potessero servuta
Chi non espone i propri problemi non può essere accontentato

Pammi chiovi e pammi si mori nenti si voli
La morte e la pioggia sono spesso imprevedibili

Parri do Diàvulu e spuntanu i corna
Parli del diavolo e spuntano le corna

Passanu l’anni e criscianu i malanni
Col passare degli anni aumentano i malanni

Paura guarda vigna e non supala
Spesso la paura ti fa desistere a compiere un’azione mentre le barriere non te lo impediscono

Pe’ storti non c’è medicina
Per uno stolto non è facile farlo ragionare

Perdiu i vacchi e vai trovandu i corna
Ha perso le cose importanti e cerca le cose da nulla

Po’ pani e po’ vinu si cangia u vicinu
Per cose di poco conto si perde l’amicizia con il vicino 

Porci e figghjoli comu i mpari i trovi
I maiali e figli come li educhi c’è l’hai 

Porci e figghjoli comu i mpari i trovi
I maiali e figli come li educhi c’è l’hai 

Prima natali no friddu e no fami dopu natali friddu e fami
Prima di Natale non si patisce ne freddo ne fame, mentre dopo si soffre sia la fame che il freddo

Prima vidi a serpi e poi chiama san Paolo
Prima vedi la serpe e poi chiama San Paolo

Puru li pulici ‘ndannu la tussi
Pure le pulci hanno la tosse 

Q

Quandu ‘a tavula è misa cu non mangi perdi ‘a spisa
Quando la tavola è apparecchiata chi non mangia perde il cibo (Approfitta del momento propizio)

Quandu a fimmana camina e abbatti l’anca, se buttana non è pocu nci manca!
Quando la donna cammina ancheggiando, se non è puttana poco ci manca!

Quandu a gatta non chica u salatu dici ca puzza
Quando qualcuno non riesce fare qualcosa dice che è brutta

Quandù arriva la tramuntàna dàssa lu lìnu e pigghia la làna
Il vento di tramontana porta ad indossare gli abiti di lana

Quàndu canta a cicàla viccinati a ficara
Al canto della cicala, vai a vedere se sono maturati i i fichi

Quàndu canta la cicàla addunàti alla fichara
Al primo canto della cicala, accertati se sono maturati i fichi

Quandu chiòve …. nò ntoste nènte
Le piogge vivificano le colture

Quandu chiovi d’agustu si faci ogliu meli e mustu
La pioggia d’agosto fa bene alla terra che aumenta il raccolto

Quandu u ciuccio ‘on mbola ma viva a voglia co frishi
Quando l’asino non vuole bere è inutile fischiare (insistere)

Quandu u diàvulu t’accarìzza vola l’anima
Quando il diavolo t’accarezza vuole l’anima

Quandu u sceccu non boli i mbivi é inutile ca frischi
Quando uno non vuole fare una cosa è inutile insistere

Quandu voi i schiastimi menti tri ligna ‘nto focu e ne ttaccari
Inserendo tre legnetti nel fuoco non legati si sposteranno e tu imprecherai

Quannu a gatta non c’è u suruciu abball
Quando il gatto non c’è il topo balla

Quattru aprilànta …  juorni corànata
Se piove il 4 aprile le piogge continueranno, per 40 giorni

R

Risuni e maccarruna dopu ‘n’ura si diijunu
Il riso e i maccheroni si digeriscono in un’ora

S

Sangianni i Roma e matrimoniu i ruga
Si dovrebbe trovare il compare in un paese lontano e lo sposo/sposa dello stesso paese

Scura oghi e veni domani
Sta finendo la giornata e sta arrivando il domani 

Senza i ligna picciuli i randi non glumanu
Senza i legnetti, i grossi ceppi   non accendono

Senza levitu non si faci pani
Senza le cose fondamentali non si può raggiungere l’obbiettivo 

Senza Santi no’ ‘ssi va’ ‘mparadisu
I santi protettori – e non solamente nel senso religioso – aiutano a raggiungere traguardi ambiti

Senza sordi non si canta missa
Senza denaro non si può comprare nulla

Senza sordi ‘on si’nda dinnu missi
Senza soldi non si dicono le messe

Si chiòve ‘nta agùstu, si fa ùagghiu, mèle e mùstu
Le piogge di agosto propiziano abbondanza di olio, miele e mosto

Si Cola cacava non moria buttatu
Se non gli succedeva niente era sano

Si dici u peccatu e no u peccaturi
Si dice il peccato ma non il peccatore

Si hai a serpi nò cercari a raghatina
Se vedi il serpente non cercare la strisciata

Si ‘ncùnu ti dùmanda: dùve vai? rispùnda ca no’ lu sai
Per prudenza, non confidare agli altri i tuoi progetti

Si ndai a casa randi menti spini e non dassari llogiari i foresteri
Se hai una casa grande occupala con spine piuttosto che alloggiare i forestieri

Si pecura ti fai u lupu ti mangia
Se ti intimorisci la gente ti aggredisce

Si rispetta u cani pa facci du patruni
Non si picchia il cane, anche se morde  per rispetto al padrone

Si ti mbriachi fallu i vinu bonu
Se uno si deve ubriacare conviene con vino buono 

Si u pò piari l’irtu pii u pinninu
Se non puoi percorrere la strada in salita (irta), vai per la strada in discesa

Si vùe mu sìmini ‘nimicizi, prèsta sordi e pìgghia vìzi
I soldi prestati generano inimicizie certe

Simina quandu voi c’a giugnu meti
Semina quando vuoi perché a giugno mieterai

Sordi fannu sordi, piducchi fannu piducchi
Chi è ricco diventa sempre più ricco, chi è pidocchioso rimane sempre pidocchioso

Sordi? Pochi maliditti e subitu
Soldi? Pochi, maledetti e subito

T

Ti ficiaru comu i santi e riggiu
Ti hanno ridotto malconcio

Ti riducisti cu culu ruttu e senza cerasa
Hai fallito gli obiettivi nonostante l’impegno certo

Tira cchiù nu pilu all’irtu, ca na corda curi vuai ara scisa!
Tira più un pelo pubico su una salita, che una corda con i buoi in discesa.

Tirasti a barca o sciutto
Hai messo al sicuro il tuo avvenire

Ttacca o sceccu a undi voli u patruni
Lega l’asino dove vuole il padrone

U

U bena si ciàngia quandu si perda
Il bene si apprezza soltanto quando si perde

U bonu tempu si vida da matina
Il buon tempo si vede dal mattino

U cana c’abbàia assai muzzica pocu
Il cane che abbaia molto morde poco

U cana mùzzica sempa alu sciancàtu
Il cane morde sempre il povero

U cane muzzica sempra u sciancatu
Il cane morde sempre il pover’uomo

U cani chi baia assai muzzica pocu
La persona che parla tanto non fa’ i fatti

U cani muzzica u sciancatu
Il cane si  accanisce con il disgraziato

U ciangendu futti u ridendu
Chi si vittimizza spesso frega chi si pavoneggia di qualche cosa

U fissa parra sempri u primu
La persona sciocca si espone per primo

U gurdu ‘on crida alù dijunu
Chi è sazio non crede a chi è digiuno

U jancu e u russu venanu du mussi
Il colore del viso spesso dipende dall’alimentazione

U lùpu càngia u pìlu ma no’ u vìzzu
Il lupo può cambiare il colore del suo manto, ma mai la sua natura aggressiva

U mangiari senza ‘mbiviri è comu u tronàri senza chioviri
Il mangiare senza bere è come il tuonare senza piovere

U megghiu vinu si faci citu
Di solito dal buon vino nasce l’aceto

U mònacu chi fuja sapa i fatti soi
Il monaco che corre sa i fatti suoi

U pacciu faci a festa e u furbu sa godi
Il pazzo organizza la festa e il furbo se la gode

U pisci puzza da testa
Il pesce  puzza già dalla testa 

U porcu è ala muntagna e l’acqua gujja
Il porco è in montagna e l’acqua già bolle

U porcu è ala muntagna e l’acqua gujja
Il porco è in montagna e l’acqua già bolle

U rcegliu parra o pa invidia o pa rabbia
Spesso uno viene criticato o per invidia o per rabbia

U riccu mangia quandu vo’, u poveru quandu abbusca
Il ricco mangia quando ne ha voglia, il povero quando riceve qualcosa

U santu i marmu non suda
La statua di marmo del santo non ha emozioni e quindi non suda

U saziu non cridi o sdiunu
Chi ha mangiato non si mette nei panni di chi è digiuno

U scarparu vahi a scarza e u forgiaru spitu i lignu
Nessun artigiano pensa per se (il ciabattino cammina scalzo il fabbro ha lo spiedo di legno)

U sceccu i tanti frati mori da siti
L’asino che risulta propietà di vari padroni,è destinato a morire dalla sete 

U sciagru a lu granu e risparmiu a la canigghia
Il risparmio sui beni privi di valore è una falsa economia

U signuri ‘nci manda u pana a cui ‘on ava i denti
Il Signore dà il pane a chi non ha i denti

U signuri si manda pani a cu non ndavi denti
Dio fa avere una cosa a chi non la apprezza

U surici dici a nuci :” Dammi tempu ca’ ti perciu”
Il topo ha bisogno di tempo, ma alla fine riesce a rompere la noce!

U tirchiu non mangia pa nommi caca
Uno avaro non mangia per non spendere soldi

U vinu ‘a vita allonga, ll’acqua accurcia ll’anni
Il vino allunga la vita, l’acqua l’accorcia

U voi si dici cornutu du sumeri
Il toro chiama cornuto l’asino

V

Vacia guardàndu quala furnu fuma
Si dice di una persona che non riesce a farsi i fatti suoi

Vai a patuto e non iri a medicu
Fatti consigliare da quello che ha fatto esperienza

Vai ‘chi megghiu toi e facci i spisi
Vai con chi è migliore di te e fagli le spese

Vai ‘chi megghiu toi e facci i spisi
Vai con chi è migliore di te e fagli le spese

Vale cchiù ‘na bona parola ca ciantu lignate
Vale più una parola convincente che cento bastonate (è più persuasiva una buona parola che una dura punizione corporale)

Vicina mia specchiali mia
La vicina è la prima ad aiutarci nelle varie situazioni della vita

Vizziu e natura fin’a sepurtura 
I vizi sono gli ultimi a morire

Vo’ sapiri qual è lu megghiu jiocu? Fa beni e parra pocu
Vuoi sapere qual è il migliore gioco? Fai bene e parla poco

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Similar posts