di Sandro Boccia

.

Li giochi de le bestie – Li sentimenti dell’animali – Er cane e er gatto

.

.

,

LI GIOCHI DE LE BESTIE
.

Er sor Annibale passeggianno cor fijo ragazzino

vide un cane e ‘na cagna che facevano li giochi;

puro er maschietto li sgamò e accostannose vicino

fece: “Ched’è che fanno, papà, così carichi de fochi?”

Er padre, allora, pe’ nun faje perde l’innocenza,

inventò ‘na storia e j’arispose: “Er cane stamattina

cià ‘na ferita ne la zampa e co’ tanta sofferenza

nun va’ avanti; ecco perché s’appoggia su la schina

de la cagnetta che da sola, poveretta, nun ce la po’ fa’:

je s’appiccica e la spigne pe’ aiutalla a camminà!”

Er regazzino, doppo avè ascortato co’ attenzione,

agnede verso l’animali e pe’ verificà la spiegazione

adocchiò bene er movimento, de profilo e a parteddietro,

dicenno: “Ci avrai puro ragione ma vedenno certe scene

ho capito casomai che chi è bono e fa’ der bene

nun ce guadambia quasi mai e lo prenne ner dedietro!”

.

 

LI SENTIMENTI DELL’ANIMALI
.

Fra le pietanze più bone e prelibate

io da sempre preferisco le testarelle dell’abbacchio:

in bocca me rimane lo sfizio gustoso pe’ come l’ho magnate

e alla sola idea che fino a ieri, cacchio,

er cervello stava dentro er capo dell’agnello

me sembra d’aveje rubato anch’er pensiero, poverello!

La verità è che pure l’animali, anche se nun parlano come noi,

vivono de sentimenti e, ve sembrerà strano, d’ideali e d’eroi.

Pensate all’Asino, ar Mulo, ar Cavallo, bestie de fatica,

e a quelli circensi come Scimmie, Elefanti, Tigri sempre in riga,

a quelli da cortile come Oche, Anatre, Porci, Galli e Galline,

pe’ nun parlà de quelli in gabbia come Pappagalli e Canarini,

senza contà poi der Cane, l’amico dell’Omo più sincero,

fedele fino alla morte der suo padrone, e dico er vero,

che l’aiuta, je sta vicino, lo difenne, a cui je manca solo la parola:

e l’Omo come lo tratta? Mettennoje catena, collare e muserola!

.

.

ER CANE E ER GATTO

“Quello che te frega è la federtà”

disse un Gatto a un Cane “ecco perché

nun te godi mai la libbertà

che cià una bestia indipennente come me!

So’ poche le vorte che stai senza catena e muserola,

scodinzoli sempre attorno ar tuo padrone,

je obbedisci appena dice una parola

anche quanno te batte co’r bastone.

Spesso, più che la stima, è la prudenza

che te consija de fa’ la riverenza.

Io invece no; co’ la coda l’alliscio quatto quatto,

quanno sento li morsi de la fame sino in fonno,

ma me piace de più esse un vagabonno,

corre pe’r cortile e su li tetti come un matto.

Senti a me, obbedisci e magna, io resto a acqua e pane,

mejo così: io continuo a fa’ er Gatto e tu er Cane!”

,

.