Tanogabo
Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Poeta e poesia

POETA E POESIA

 

Chi scrive versi, chi compone, si può definir un poeta?

A tal domanda risponder veramente non saprei.

So che lo faccio anch’io, se son bravo? Non garantirei.

Perché butto giù due righe? Eccovi la ragione:

mai per passatempo, un po’ per vanità o per civetteria,

a volte per combinazione, giammai su commissione,

sempre con sincerità e senza ipocrisia,

tanto per liberare dall’ animo l’ispirazione.

Ernest Meissonier – Giovane che scrive

Chi scrive è chi tramuta in prosa sentimenti

candidi come petali di rosa che stanno in fondo in fondo al cuore:

fede, amore, libertà, gioia e dolore.

Ma è poeta solo chi,

specchiandosi in sé stesso, canta la canzone della vita andando appresso

alla voce della coscienza e per lo più poi

chi ritrova non soltanto l’io ma soprattutto noi!

Dopo c’è la rima, un bacio fra i versi,

un rintocco cadenzato

d’ endecasillabi dispersi,

la magica visione del più bel fiore

fra i fiori che nasce e vive nel giardino dell’amore.

Ma se, oltre alla bellezza dei colori si respira anche il profumo di questo fiore

allora i versi con la rima,

insomma tutte le strofe dall’ultima alla prima,

s’intrecciano in una spirale d’armonia

sicché questo sogno diventa d’incanto poesia!

.

Sandro Boccia

.

Similar posts
  • Un omaggio ad Omero
    Omero è conosciuto per essere stato un aedo (vate) della fine dello VIII° secolo a.C. È il primo poeta greco di cui ci sono giunte le opere. Era chiamato semplicemente “il poeta”. Victor Hugo scrisse a William Shakespeare: “Il mondo sorge, Omero canta.” Sebbene sia considerato il primo grande scrittore della civiltà occidentale, Omero è […]

    Rispondi

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.