Tanogabo
Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Pittura – Pierre Auguste Cot (1837 – 1883)

Pierre Auguste Cot ha ricevuto la sua prima formazione artistica a l’Ecole des Beaux-Arts di Tolosa prima di stabilirsi a Parigi nel 1850.
A Parigi, nel periodo culla dell’arte europea, ha studiato con vari pittori, ma quello che lo ha interessato maggiormente, e questo lo si riscontra con particolare evidenza nei suoi dipinti, è stato William-Adolphe Bouguereau.
Nel corso degli anni 1860 e 1870, ha partecipato numerose volte al “Salon” della stessa Parigi, una manifestazione annuale dove tutti i pittori desideravano essere invitati, e in queste occasioni il giudizio degli esperti e del pubblico è stato sempre posiotivo, al punto che è stato invitato a far parte della giuria dello stesso Salon dal 1881.
Tra i vari riconoscimenti ottenuti, sono da ricordare: il titolo di Cavaliere della Legion d’Onore (1874), e il Prix de Rome (1883).

Pierre Auguste Cot, come già accennato, è stato influenzato, sia per lo stile pittorico sia per i temi, da Bauguereau, ma questo poca importa considerando che tutti i grandi sono spesso riconoscibili nelle opere dei contemporanei e quelli successivi, e che comunque non impedisce di godere del fascino e della dolcezza delle sue opere.

Cot morì a Parigi all’età di 46 anni. È stato sepolto al cimitero di Père Lachaise

.

Fonte testo

.

(cliccare sulle immagini per ingrandirle)

NB Le immagini di queste pagine sono tratte dal web e sono state pubblicate credendo di non violare alcun diritto, se così non fosse vi preghiamo di informarci immediatamente per la cancellazione del materiale protetto da copyright.
Similar posts
  • Simon Vouet, uno dei più grandi prota...
    Nato a Parigi nel 1590, Simon Vouet apprese la pittura dal padre, pittore al servizio di Enrico IV, e si dedicò per un primo periodo ai ritratti. Pare che all’età di quattordici anni l’artista sia stato chiamato in Inghilterra a ritrarre alcune nobildonne locali. Quando nel 1611 il barone Achille de Horley venne nominato ambasciatore […]

    Rispondi