Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Pittura – Lavandaie al fiume

Ci sono una serie di antichi mestieri che oggi, spesso a causa della tecnologia, sono del tutto scomparsi. Uno di questi è sicuramente quello della lavandaia.

La lavandaia lavava i panni dei signori che potevano permettersi di pagare. Andava prima per famiglie a raccogliere i panni sporchi da lavare e poi si portava al torrente per iniziare la sua opera.
Inizialmente, le prime lavandaie erano costrette a lavare i panni nel fiume, in ginocchio, alle intemperie, sotto il sole e spesso al freddo. Soltanto nel 1897 fu costruito il primo lavatoio pubblico, una costruzione coperta e con le vasche rialzate che permettevano alle donne di stare in piedi per lavare i panni.
Questo mestiere duro e faticoso è scomparso con l’avvento delle lavatrici. Bisogna però ricordare che questo mestiere permetteva alle donne, sopratutto vedove o sole, di sbarcare il lunario aumentando il magro reddito delle campagne.
Ma la lavandaia, almeno nell’immaginario collettivo, era una persona felice che cantava, sola o in coro con le compagne, allegre filastrocche e canzoni mentre attendeva al suo lavoro.

Questa pagina vuole essere una breve rassegna di lavori che alcuni pittori hanno realizzato rappresentando delle lavandaie.

.

(cliccare sulle immagini per ingrandirle)

NB Le immagini di queste pagine sono tratte dal web e sono state pubblicate credendo di non violare alcun diritto, se così non fosse vi preghiamo di informarci immediatamente per la cancellazione del materiale protetto da copyright.

 

Similar posts
  • Pittura – John Constable, il ma...
    John Constable (1776-1837) nacque in un villaggio sul fiume Stour, East Bergholt, nella contea inglese di Suffolk. Constable apparteneva ad una famiglia agiata e questo gli permise di continuare la sua attività di artista, infatti egli non ebbe reddito dalla sua pittura fino al 1819 quando riuscì a vendere la sua prima importante tela, The […]

    Rispondi