Anders Leonard Zorn è nato a Mora, Svezia, il 18 febbraio 1860.
Studiò all’Accademia di belle arti di Stoccolma dal 1875 al 1881, poi soggiornò in Spagna, Inghilterra e a Parigi (1888-96), stabilendosi nel suo villaggio natale nel 1896. Fino al 1888 circa praticò quasi esclusivamente l’acquerello, seguendo la tecnica inglese, dipingendo ritratti, paesaggi e scene di genere.
Si mostrò particolarmente abile nella resa degli effetti d’acqua.

Anders Zorn – Autoritratto, 1915

Nel periodo parigino affrontò la pittura a olio giocata su ampi tocchi fluidi che creano forme sommarie, di rara plasticità. Scene di genere e ritratti si distinguono per la vivacità dei giochi di luce e per l’istantaneità della posa, da cui è scomparsa ogni convenzione: Effetto notturno (1895: Göteborg, Museo), Ritratto di Coquelin minore (1889: coll. priv.). I nudi collocati in paesaggi tipici, vennero molto apprezzati (Ute, 1888).

Tornato a Mora, l’artista si avvicinò a un tipo di pittura decorativa, lavorando sui contrasti cromatici: tipi e scene folkloriche, interni e paesaggi con nudi, ritratti. Dal 1882 mise a punto una tecnica di incisione che permetteva, attraverso tratteggi piú o meno fitti, effetti di grande contrasto. Fu grande ammiratore di Rembrandt, di cui collezionava lastre e disegni, e a lui si ispirò in alcuni ritratti.

Dopo alcuni anni di decadimento fisico, Anders Zorn morì il 22 agosto 1920 e venne sepolto nel cimitero Mora.

Ha lasciato le sue collezioni e le sue opere a Mora dove gli è stato dedicato un museo.

.

(cliccare sulle immagini per ingrandirle)

NB Le immagini di queste pagine sono tratte dal web e sono state pubblicate credendo di non violare alcun diritto, se così non fosse vi preghiamo di informarci immediatamente per la cancellazione del materiale protetto da copyright.

,