Tanogabo
Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Pensieri di Santa Faustina Kowalska sui Misteri del Santo Rosario

Primo Mistero Gaudioso. L’Annunciazione dell’Angelo a Maria Vergine. 

Oggi ho sentito la vicinanza della mia mamma, la Madre Celeste. Prima di ogni Santa Comunione prego fervorosamente la Madonna, perché mi aiuti a preparare la mia anima a ricevere il Figlio Suo e sento chiaramente la Sua protezione su di me. La prego molto, affinché si degni di accendere in me quel fuoco di amor divino, che ardeva nel Suo Cuore verginale al momento della Incarnazione del Verbo di Dio. (Diario, pag. 382-383)

Secondo Mistero Gaudioso. La Visita di Maria Vergine a Santa Elisabetta.

Gesù: “Figlia Mia, durante questa meditazione rifletti sull’amore del prossimo. È il Mio amore che ti guida nell’amore del prossimo? Preghi per i nemici? Desideri il bene per coloro che in qualsiasi maniera ti hanno rattristata od offesa? Sappi che tutto ciò che fai di buono per qualsiasi anima lo accetto come se lo avessi fatto a Me stesso”. (Diario, pag. 583)

 Terzo Mistero Gaudioso. La Nascita di Gesù.

Quando giunsi alla Messa di Mezzanotte, subito fin dall’inizio m’immersi tutta in un profondo raccoglimento, nel quale vidi la Capanna di Betlemme inondata da tanta luce. La Vergine Santissima avvolgeva nei pannolini Gesù, tutta assorta in un grande amore. San Giuseppe invece dormiva ancora. Solo quando la Madonna depose Gesù nella mangiatoia, la luce divina svegliò Giuseppe che si unì a lei nella preghiera. Dopo un po’ rimasi io sola col piccolo Gesù, che allungò le Sue manine verso di me ed io compresi che Lo dovevo prendere in braccio. Gesù appoggiò la Sua testina sul mio cuore e con uno sguardo profondo mi fece comprendere che stava bene accanto al mio cuore. (Diario, pag. 475)

 Quarto Mistero Gaudioso. La Presentazione di Gesù al Tempio.

O Maria, oggi una terribile spada ha trafitto la Tua santa anima. Nessuno eccetto Iddio ha conosciuto la Tua sofferenza. La Tua anima non si è spezzata, ma è stata forte, poiché era con Gesù. O Madre dolce, unisci la mia anima a Gesù, poiché solo allora potrò superare tutte le prove e le esperienze e solo in unione con Gesù i miei piccoli sacrifici saranno graditi a Dio. Madre dolcissima, ammaestrami sulla vita interiore. La spada della sofferenza non mi spezzi mai. O Vergine pura, infondi la fortezza nel mio cuore e custodiscilo. (Diario, pag. 329)

 Quinto Mistero Gaudioso. Il Ritrovamento di Gesù nel Tempio.

Non cerco la felicità all’infuori dell’intimo, dove dimora Iddio. Gioisco di Dio nel mio intimo; qui dimoro continuamente con Lui; qui avviene il mio rapporto più familiare con Lui; qui con Lui dimoro sicura; qui non giunge occhio umano. La Santissima Vergine m’incoraggia a trattare così con Dio. (Diario, pag. 187)

 Primo Mistero Doloroso. L’Agonia di Gesù nell’orto degli ulivi.

La sera, quando entrai nella piccola cappellina udii nell’anima queste parole: “Figlia Mia, medita su queste parole: ed in preda all’angoscia pregava più a lungo” (cfr. Lc 22,44). Quando cominciai a riflettere più a fondo, molta luce penetrò nella mia anima. Compresi di quanta perseveranza nella preghiera abbiamo bisogno e che da tale faticosa preghiera dipende talvolta la nostra salvezza. (Diario, pag. 84)

 Secondo Mistero Doloroso. La Flagellazione di Gesù alla colonna.

Vidi Gesù mentre veniva flagellato. Che supplizio inimmaginabile! Come soffrì tremendamente Gesù per la flagellazione! O poveri peccatori, come vi incontrerete nel giorno del giudizio con quel Gesù, che ora torturate a quel modo? Il Suo Sangue colava per terra e in alcuni punti cominciava a staccarsi anche la carne. Sulla schiena ho visto alcune Sue ossa scarnificate. Gesù mite emetteva flebili lamenti e sospiri. (Diario, pag. 99)

 Terzo Mistero Doloroso. La Coronazione di spine.

Dopo la flagellazione i carnefici presero il Signore e Gli tolsero la veste, che si era già attaccata alle Piaghe. Mentre gliela toglievano le Sue Piaghe si riaprirono. Poi buttarono addosso al Signore un mantello rosso, sporco e stracciato, sulle Piaghe aperte. Quel mantello arrivava alle ginocchia solo in alcuni punti. Poi ordinarono al Signore di sedersi su un pezzo di trave, mentre veniva intrecciata una corona di spine, con la quale cinsero la sacra Testa. Gli venne messa una canna in mano e ridevano di Lui, facendogli inchini come ad un re. Gli sputavano in faccia ed altri prendevano la canna e gliela battevano in Testa ed altri ancora Gli procuravano dolore dandogli pugni, altri Gli coprivano il Volto e lo schiaffeggiavano. Gesù sopportò in silenzio. Chi può comprenderlo? Chi può comprendere il Suo dolore? Gesù aveva gli occhi rivolti a terra. Sentivo quello che avveniva allora nel Cuore dolcissimo di Gesù. Ogni anima rifletta su quello che ha sofferto Gesù in quei momenti. (Diario, pag. 170)

 Quarto Mistero Doloroso. Il Viaggio al Calvario di Gesù carico della Croce.

Il mondo non conosce ancora tutto quello che Gesù ha sofferto. Gli ho fatto compagnia nell’Orto degli Ulivi e nel buio della prigione sotterranea, negli interrogatori dei tribunali; sono stata con Lui in ogni tappa della Sua Passione; non è sfuggito alla mia attenzione un solo movimento, né un Suo sguardo. Ho conosciuto tutta l’onnipotenza del Suo amore e della Sua misericordia verso le anime. (Diario, pag. 369)

 Quinto Mistero Doloroso. La Crocifissione e Morte di Gesù.

Gesù ormai ha concluso la sua vita mortale, ho udito le Sue sette parole, poi ha guardato verso di me ed ha detto: “Diletta figlia del Mio Cuore, tu sei un refrigerio per Me fra questi orribili tormenti”. (Diario, pag. 370)

 Primo Mistero Glorioso. La Risurrezione di Gesù.

Oggi durante la funzione pasquale, ho visto il Signore Gesù in un grande splendore; si è avvicinato a me e mi ha detto: “Pace a voi, figlioli Miei!” ed ha alzato la mano ed ha benedetto. Le piaghe delle mani, dei piedi e del costato non erano cancellate ma risplendenti. Poi mi guardò con tanta amabilità ed amore che la mia anima s’immerse totalmente in Lui e mi disse: “Hai preso tanta parte alla Mia Passione, per questo avrai tanta parte alla Mia gloria ed alla Mia gioia”. (Diario, pag. 103-104)

 Secondo Mistero Glorioso. L’Ascensione di Gesù al Cielo.

Oggi ho fatto compagnia a Gesù mentre ascendeva in cielo. All’improvviso mi vidi in mezzo ad una grande schiera di discepoli e di Apostoli. C’era anche la Madonna. Gesù stava dicendo che andassero in tutto il mondo “insegnando nel Mio nome”. Poi stese le braccia, li benedisse e scomparve in una nuvola. Vidi la nostalgia della Santissima Vergine. La Sua anima provò nostalgia di Gesù con tutta la forza del Suo amore, ma era talmente serena ed abbandonata in Dio, che nel Suo Cuore non c’era nemmeno un palpito che non fosse concorde con la volontà di Dio. (Diario, pag. 562-563)

 Terzo Mistero Glorioso. La Discesa dello Spirito Santo.

Per questo pregavo continuamente perché Gesù mi rendesse più forte e mi concedesse il vigore del Suo Santo Spirito, per poter adempiere in tutto la Sua santa Volontà, poiché fin dall’inizio conoscevo e conosco tuttora la mia debolezza. (Diario, pag. 30-31)

Quarto Mistero Glorioso. L’Assunzione di Maria Vergine al Cielo.

Mi disse (La Madonna): “La vera grandezza dell’anima consiste nell’amare Dio e nell’umiliarsi alla Sua presenza, nel dimenticare totalmente se stessi e nel considerarsi un nulla, perché il Signore è grande, ma si compiace soltanto degli umili, mentre ai superbi resiste sempre”. (Diario, pag. 563)

 Quinto Mistero Glorioso. L’Incoronazione di Maria Vergine.

Fin dal mattino ho avvertito la vicinanza della Madre Santissima. Durante la santa Messa l’ho vista così splendente e bella, che non ho parole per poter esprimere almeno in piccola parte la Sua bellezza. Era tutta bianca, cinta da una sciarpa azzurra; anche il manto azzurro, la corona sul capo e da tutta la Sua persona s’irradiava uno splendore inconcepibile. “Sono la Regina del cielo e della terra, ma soprattutto la vostra Madre”. (Diario, pag. 296)
 

Similar posts
  • Il grande inganno dell’astuto Omero
    Un articolo di Alberto Majrani tratto, previo consenso dell’autore, da Runabianca Chi era Omero? E chi era Ulisse? C’è una verità nascosta dietro gli immortali versi dell’Iliade e dell’Odissea? Per tre millenni queste domande hanno afflitto generazioni di studiosi di tutto il mondo. Giambattista Vico coniò il termine “questione omerica” per definire l’infinita serie di enigmi creati dai […]

    Rispondi

    This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.