Nyx era la dea della notte, figlia del Caos e sorella di Erebo. La sua dimora si trovava oltre il paese di Atlante, nell’estremo Occidente.
Secondo Esiodo, Nyx era la personificazione della notte terrestre, in contrapposizione al fratello Erebo, che rappresentava la notte del mondo infernale.

Nyx generò Astrazioni [1] come:

  • Apata (inganno),
  • Eris (discordia),
  • Etere (il cielo in alto),
  • Geras (vecchiaia),
  • Hemera (giorno)
  • Hypnos (sonno),
  • Ker (destino, morte violenta),
  • Le Esperidi (custodi del giardino dei pomi d’oro)
  • Le Moire (Parche)
  • Momo (il sarcasmo),
  • Morfeo (il Sogno),
  • Moros (destino),
  • Nemesi (la Vendetta),
  • Philotes (tenerezza),
  • Thanatos (la morte)

« Notte poi partorì l’odioso Moros e Ker nera
e Thanatos (morte, generò il Sonno, generò la stirpe dei Sogni;
non giacendo con alcuno li generò la dea Notte oscura;
e le Esperidi che, al di là dell’inclito Oceano, dei pomi
aurei e belli hanno cura e degli alberi che il frutto ne portano;
e le Moire e le Kere generò spietate nel dar le pene:
Cloto e Lachesi e Atropo, che ai mortali
quando son nati danno da avere il bene e il male,
che di uomini e dei i delitti perseguono;
né mai le dee cessano dalla terribile ira
prima d’aver inflitto terribile pena, a chiunque abbia peccato. »
(Teogonia di Esiodo, vv. 211-222)

Si dice anche che sia stata la madre della ninfa Stige, una delle tremila Oceanine, ma in generale i genitori della ninfa sono considerati Oceano e Teti
Nella mitologia romana era conosciuta con il nome di Nox ed era considerata anche la madre di Erumna.

Ho trovato in rete il sottostante albero genealogico schematico di Morfeo che vi riporto per conoscenza:

___________________

[1] Le Astrazioni (o Princìpi, o Personificazioni) sono divinità minori della mitologia greca che rappresentano la personificazione di sentimenti, qualità fisiche e morali, vizi e difetti dell’uomo.