Nefertiti è una delle più note regine della storia egizia. Cambiò, come il marito, il suo nome in Neferneferuaton per onorare Aton. 

Busto di Nefertiti – Egyptian Museum, Berlino

Regnò a fianco del marito Akhenaton durante la XVIII dinastia, nel cosiddetto periodo Amarniano (da Tel el Amarna, dove Akhenaton aveva portato la capitale. Poco si sa della vita di questa donna, anche se sembra improbabile che fosse di sangue reale. Alcuni studiosi ritengono che il padre fosse un ufficiale di nome Ay, al servizio di Amenofi III. Nefertiti diede ad Akhenaton sei figlie. Non ci sono tracce di eredi maschi, e la successione dopo di lei rimane incerta. I successori di Akhenaton, Smenkhkhara e Tutankhaton (che più tardi modificò il suo nome in Tutankhamon), sono figli di un’altra moglie, Kiya, che divenne regina principale per un breve periodo dopo l’anno 12 del suo regno.

Cosa sia successo in questo periodo non è noto. Sono state avanzate varie ipotesi sul perché la moglie principale sia cambiata. Si suppone che Nefertiti possa essere morta in questo periodo, o che sia caduta in disgrazia. L’ipotesi della caduta in disgrazia appare oggi meno probabile. Si ritiene che in realtà sia Kyia ad essere stata marginalizzata, e che alcuni documenti siano stati mal interpretati, portando a credere che ad essere allontanata fosse Nefertiti. Una terza ipotesi sulla sua scomparsa è legata all’improvvisa apparizione di un co-reggente al fianco di Akhenaton. Alcuni studiosi sostengono che questa persona altri non sarebbe che Nefertiti. Questa interpretazione appare dubbia, benché affascinante. In ogni caso, alcuni studiosi, tra cui Jacobus Van Dijk (responsabile della sezione amarniana del museo egizio di Oxford) si dicono certi di questo fatto. Sostengono che Nefertiti sarebbe anche salita al trono per un breve periodo dopo la morte del marito.

Dall’iconografia ufficiale amarniana, appare, in ogni caso, che Nefertiti aveva assunto una importanza senza precedenti. Spesso appare intenta ad effettuare offerte al Sole, e sembra pressoché equivalente al faraone in termini di status. La regina ha senz’altro giocato un ruolo cruciale nei cambiamenti religiosi e culturali attuati dal marito, al punto che, secondo alcuni, sarebbe stata lei l’iniziatrice di tale rivoluzione. È stata certamente legata ad Akhenaton da un rapporto di profondo affetto, che ha portato a numerose raffigurazioni della coppia reale in atteggiamenti intimi e affettuosi. Akhenaton volle persino che agli angoli del sarcofago nel quale avrebbe dovuto essere sepolto ci fosse il ritratto lei, al posto delle quattro dee tradizionalmente deputate a proteggere la mummia (Iside, Nephthys, Selket e Neith).

linea separatrice

Egitto, un passaggio segreto nella tomba di Tutankhamon porta alla sepoltura di Nefertiti

traggo da leggo.it un articolo di Francesco Padoa 

È detto il Santo Graal dell’egittologia e un archeologo britannico ritiene di averlo “trovato”. Secondo Nicholas Reeves, studioso della University of Arizona, ci sono le prove che la sepoltura di Nefertiti, regina vissuta nel XIV secolo a.C, sia accessibile dall’interno della celebre tomba di Tutankhamon, riportata alla luce nel 1922 nella Valle dei Re dall’archeologo inglese Howard Carter. L’affascinante ipotesi, di cui parla oggi il Times di Londra, è che quest’ultima sia solo l’anticamera del luogo in cui Nefertiti, considerata da alcuni la madre del giovane faraone e personaggio più illustre rispetto al figlio, sia stata deposta per l’eternità. Reeves è arrivato queste conclusioni dopo aver analizzato alcune scansioni digitali ad alta risoluzione dei muri interni alla tomba di Tutankhamon: ha quindi scoperto i due ingressi, che non sarebbero stati violati fin dall’antichità, e uno di questi porterebbe a una scoperta «straordinaria». 


GLI INDIZI

E questo non è l’unico degli indizi che gli studiosi stanno seguendo. Da tempo infatti gli esperti si interrogano su quanto modesta fosse la camera funeraria di Tutankhamon: anzi avrebbe le stesse dimensioni di una anticamera. Per Reeves non sarebbe che una aggiunta fatta rispetto alla tomba più grande, quella che per l’appunto ospiterebbe Nefertiti. Il “passaggio” fra le due camere, inoltre, sarebbe stato decorato con scene religiose in una data precedente rispetto agli altri tre muri della tomba del giovane faraone, e quelle decorazioni sarebbero servite come protezione rituale per la parte segreta e più importante del complesso. «Solo una donna membro della famiglia reale ai tempi della diciottesima dinastia poteva ricevere questo tipo di onori, e quella era Nefertiti», ha detto Reeves, che ha descritto le sue teorie in un saggio per l’Amarna Royal Tombs Project. 


LE IPOTESI

L’ipotesi affascina anche altri studiosi come Joyce Tyldesley, della University of Manchester. «Non sarebbe sorprendente se la tomba fosse stata progettata per avere altre camere – ha detto – ma sarei sorpreso se si trattasse del primo luogo di sepoltura di Nefertiti, morta durante il regno del marito Akhenaton e quindi sepolta nella città di Amarna». Secondo Tyldesley però, in teoria il corpo della regina potrebbe essere stato trasportato dal (probabile) figlio a Tebe ma restano dei dubbi se sia stato poi sepolto vicino a lui in quella parte di Valle dei Re.