Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Marte era abitato da esseri intelligenti? – Individuato un altro scheletro su pianeta rosso

Un altro scheletro su Marte: ulteriore prova che era abitato da esseri intelligenti?

I cacciatori di anomalie spaziali hanno scovato un’altra immagine dove si vedrebbe lo scheletro fossilizzato di un umanoide. Sono i resti di un antico abitante del Pianeta Rosso?

«Un indizio è un indizio, due indizi sono una coincidenza, ma tre indizi fanno una prova», spiegava Agatha Christie.

Almeno è quello che pensano, e sperano, i cacciatori di alieni digitali.
Stando alla cronaca dei ritrovamenti anomali su Marte, questo sarebbe il terzo scheletro di un umanoide individuato sulla superficie del Pianeta Rosso.
È solo l’ennesima illusione partorita dalla nostra mente, oppure gli Alien Hunters stanno accidentalmente svelando una delle più importanti scoperte su Marte?

La nuova immagine è stata postata sulla pagina facebook ‘Journey to the Surface of the MARS‘, secondo la quale è possibile osservare chiaramente quello che assomiglia allo scheletro di un umanoide.

È possibile guardare l’immagine RAW originale della Nasa cliccando qui:

Questo è solo l’ultimo dei presunti scheletri umanoidi individuati sulla superficie di Marte. Ecco l’articolo nel quale si parla dei precedenti ritrovamenti:

Certamente, non è infrequente che molte immagini di Marte possano essere spiegate logicamente come uno scherzo della nostra mente, ma alcune foto sfidano ogni spiegazione logica.

La nostra opinione sul pianeta Marte è radicalmente mutata negli ultimi cinque anni. Fino a qualche anno fa, nessuno scienziato rinomato avrebbe affermato che su Marte potrebbero esserci tracce di vita passata e presente.

Oggi, invece, tutti sono convinti che Marte in un lontano passato era simile alla Terra, con la sua atmosfera e i suoi oceani, laghi e fiumi.

Tutte le nuove scoperte sul passato e sul presente di Marte impediscono, dunque, di escludere in maniera categorica l’esistenza di un’antica civiltà che abbia popolato il Pianeta Rosso.

Il problema è capire che fine abbia fatto. Le ipotesi dei ricercatori più ‘liberi’ si muovono in due direzioni. Da una parte c’è chi pensa, prove alla mano, che Marte sia stato ‘ucciso’ dall’impatto catastrofico con un pianeta interstellare.

Ciò spiegherebbe la curiosa morfologia di Marte, caratterizzata dall’emisfero settentrionale pressoché piatto e da quello meridionale ricco di rilievi e catene montuose.

Alcuni articoli per approfondire:
Su Marte sono avvenuti tsunami giganteschi
I due emisferi di Marte: la prova di un impatto catastrofico
Marte: eruzioni così potenti da spostare l’asse di rotazione
Che cosa ha colpito Marte? Un inquietante mistero planetario

Dall’altra parte, invece, c’è chi azzarda un’ipotesi più estrema: la civiltà marziana sarebbe stata annientata da una catastrofica guerra nucleare.

A proporre la sorprendente teoria è il dottor John Brandenburg, fisico del plasma. Secondo Brandenburg, gli antichi abitanti di Marte, da lui chiamati Cydoniani e Utopiani, furono spazzati via da una serie di esplosioni nucleari le cui tracce sarebbero visibili ancora oggi.

«L’alta concentrazione di Xenon-129 in atmosfera, la presenza di Krypron-80 e l’eccessiva abbondanza di uranio e torio riscontrata sulla superficie, rispetto ai meteoriti di Marte, ci dice che il pianeta è stato oggetto di massicci eventi radiologici, i quali hanno creato grandi quantità di isotopi e coperto la superficie con un sottile strato di detriti radioattivi. Queste anomalie possono essere la conseguenza di due grandi esplosioni nucleari anomale avvenute nel passato di Marte», scrive Brandenburg su Journal of Cosmology and Astrophysics.

Dunque, l’ennesima immagine di un presunto scheletro fossilizzato di un marziano (chissà se Cydoniano o Utopiano) sembra andare di pari passo con la teoria di Brandenburg.

.

fonte: ilnavigatorecurioso.it

 

Similar posts
  • L’incontro fra Papa Giovanni XXIII ed...
    Angelo Roncalli, San Giovanni XXIII, incontrò un alieno nella sua residenza di Castel Gandolfo, alle porte di Roma. Correva l’anno 1961, due anni prima di morire, Angelo Roncalli, avrebbe avuto una lunga e piacevole discussione con un alieno nei giardini di Castel Gandolo. A raccontarlo fu un testimone speciale: Loris Francesco Capovilla. Il segretario particolare di Papa Giovanni […]

    Rispondi