Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

L’URTIMA CENA (L’Ultima Cena)

L’URTIMA CENA
(L’Ultima Cena)

di Sandro Boccia

 

Quanno Gesù capì che l’ora era sonata
volette fa pe’ l’urtimo commiato un gran festino;
de sera dette appuntamento in un localino
indove fu imbandita una tavolata
d’abbacchi, polli, pesce, fettuccine e vino,
co’ contorni vari compresa l’insalata,
er tutto accompagnato da danze, cori e concertino.

Li dodici Apostoli invitò pe’ l’occasione,
li amichi che je volevano più bene,
quelli che pe’ seguillo, avevano, senza esitazzione,
mollato tutto: case, fatiche, affetti e pene.
Da Simone a Filippo, da Giacomo a Matteo
nun mancava gnissuno nemmanco Zebbedeo.
Er Nazzareno ar centro, li Discepoli de lato
co’ un brinnesi de vino fresco de staggione,
affritto in petto ma de fora pe’ gnente rattristato,
co’ un sorriso dette così ar via a la libbaggione,
ringrazzianno Iddio ner vedelli assieme aridunati,
chi più chi meno boni e cari, ma tutti quanti amati.
Un manto de stelle in un celo da favola,
un venticello fresco e fra quarche nuvola
un friccico de luna allietavano la festa
che tra musica e bardoria passava lesta.

Ner ber mezzo der convivio Gesù,
che pè cose sue nun era tanto de bon’umore,
cercanno ner vino l’allegria der core,
pijò un bicchiere e lo mannò giù
dicenno a Simone: “Te chiamerò Pietro
e, benché me rinnegherai tre vorte,
su de te metterò in piedi una casa forte
che, abbada, mannerai avanti e nun indietro
”.

Arzò quinni er gomito pe’r bisse
e se rivorse a Giovanni evangelista: “Predicherai
la parola mia sino a le colonne che superò Ulisse
e pace, amore e bene porterai
”.

Tracannanno poi un bicchiere de moscato
apostrofò Tommaso er diffidente:
Doppo morto risorgerò e tu nun crederai a gnente
finchè nun me ficcherai er dito ner costato
”.

Insomma mentre erano attenti tutti quanti
Lui ariccontava a ognuno una storiella,
bevenno ner framezzo er vino a garganella,
fino a scolasse tutte le brocche che ciaveva davanti.

Arivò a l’urtimo; fece er Maestro all’Iscariote
doppo che questi j’ebbe intinto ner piatto delle trote:
Giuda! Pe’ trenta miseri denari me tradirai
e su una croce condannà a morte me farai!

Ironico Giuda jarispose: “Vorrebbe propio sapè perché
quanno t’ubbriachi te la prenni sempre co’ me?

De rimanno er Signore: “Invece de pensà
a lo spirito vedo che fai lo spiritoso;
ebbene tre vojo pur’io una burla ariccontà:
grazzie a te sarò impriggionato, annerò silenzioso
ar giudizio de Pilato e doppo puro condannato;
cinto da una corona de spine pe’ gnente fina,
co’ carci e sputi martoriato e flagellato,
una gran croce porterò poi su la schina.
Pe’ la fatica e pe’r dolore dovrò cascà pè quer monte
tre vorte de fila per terra su quella via,
sotto l’occhi affranti della Verginemmaria,
che co’ un panno m’asciugherà er sudore della fronte.
A l’urtima caduta doppo tanto camminà,
ner tirammo su: “Ah ma’! Nù lo sanno questi qui”
dirò a mì madre “che nun è forte chi nun cade ma chi
casca e ha la forza de riarzasse pe’ continuà?
S’è avverata la profezzia de Re Bardassare!
E comprenno in fin de conti ch’è una lagna
ma stà bona che ‘st’antr’anno annamo ar mare!”
Ma mò la pianto co’ ‘ste fesserie frammiste a verità
pe’ continuà la storia che viè doppo co’ tutta serietà.
Salirò poi in cima ar monte der carvario,
indove chi verrà se godrà me e tutto lo scenario,
e co’ la morte mia e dei du’ ladroni calerà er sipario;
ma doppo tre giorni la mia resurrezzione,
ner libbro della storia e della religione,
sarà impressa come l’evento più straordinario.
Ma a che servono li rimpianti adesso ch’è finita?
Bisogna penzà ar doppo e no ar tempo antico
e allora, mò che ce semo, in verità in verità ve dico:
io so la vite e voi li trarci della vita
”.
Prese doppo er pane, lo spezzò e lo dette a chicchessia
dicenno ‘ste parole: “Iniziate a magnà er corpo mio!
Versò poi der vino e disse: “Bevete puro er sangue mio”:
se compì così pè la prima vorta er miracolo dell’eucarestia!
Doppo continuò: “Fate er bene e subbito scordateve,
nun fate er male e, se lo fate, sempre aricordateve!
Amate er prossimo e cercate d’esse boni e giulivi
co’ la gente d’ogni razza e d’ogni credo personale;
annate in pace pe’r monno offrenno ramoscelli d’ulivi,
simboli d’amore, de bene e de concordia universale.
Io ve seguirò sempre…coll’occhi,co’r core e co’ la mente
aspettannove in celo a la destra de mì Padre Onnipotente!

 

L’URTIMA CENA (L’Ultima Cena) è un lavoro in prosa rimata, anche se libera, di Sandro Boccia.

.

Similar posts