una poesia di Giovanni Loiacono

Il mestiere del calzolaio “scarparu” nel catanese o “solacchianeddu” nel palermitano, è un mestiere antico e per molti versi in antitesi con i dettami della vita moderna, infatti esso consisteva e consiste per chi lo esercita, nel costruire scarpe su misura (che si rivelano “indistruttibili”), ma in ciò che egli si dimostrava prezioso per le esigue finanze delle famiglie contadine era nal lavoro di aggiustare le scarpe, risuolatura, mettere i sopratacchi e ricucire le parti che via via andavano sdrucendo. La materia prima utilizzata dal ciabattino è in relazione al tipo di lavoro e all’uso che si farà delle scarpe. Se deve fare delle scarpe che serviranno per una occasione, la pelle sarà delle più pregiate e le rifiniture molto più curate, le scarpe da lavoro saranno costruite con un principio che si ispira alla robustezza ed alla solidità. Infine se deve fare un lavoro di trattamento della scarpa (risuolatura ecc…) il materiale che una volta si usava era il cuoio duro, mentre oggi si è più portati ad usare materiale di gomma. Gli attrezzi, che sono gli strumenti indispensabili al suo lavoro, che in parte non si sono modificati sono, delle forme in ferro di varia dimensione che servono per inserirci le scarpe, un caratteristico ed affilatissimo coltello “u trincetu”, il martello anch’esso dalla forma caratteristica, tenaglia, lesina, spago, aghi, cera, pece, vetro per levigare le suole, e tutta una serie di piccoli chiodi “a siminziedda” , il tutto sparso su un basso tavolo da lavoro “u bancareddu”. A completare un lavoro artigianale ben fatto: la solerzia, la pazienza e la passione dell’artigiano.
(tratto da: http://www.lentinionline.it/sicilia/ceraunavolta_mestieri.htm )

Alliste_La_Terra_Calzolaio_01

Originale in LINGUA SICILIANA traduzione in LINGUA ITALIANA
Vulissi du scarpuna Batassanu
di chiddi ch’un si vagnanu si chiovi
e vannu ‘nta li criti e ‘nta lu chianu
sempri arristannu lustri comu novi,
puru ‘nfilati tutti ‘nta lu fangu
quannu appressu l’aratu duna sangu.
Ci pigghia la misura ‘u scarpareddu
e subitu cumencia lu travagghiu.
Pripara tuttu ‘ncapu ‘u bancareddu:
trincetti ammulati pi lu tagghiu,
tinagghi cu li chiova e li martedda,
lesini, tacci ‘i paccu e siminzedda,li ferri adatti pi la sfurmatura,
la cira pi lu spau di rumaneddi,
lu lemmu pi la peddi quannu è dura,
comu soli, pizzotti e li chianteddi
assemi a lu longu girichianu
chi senza l’acqua rumpinu li manu.

Già la matina presto, appena jornu,
‘na peddi di vacchetta è preparata
chi sapuri di conza manna ‘ntornu,
e supra lu bancuni stinnicchiata
don Piddu tagghia i pezzi e poi l’appaia
p’aviri bedda pronta la tomaia.

A misura la ‘mpigna tutta tunna,
dintra e fora du pezzi di carcagnu,
la mascaretta liscia e ch’unn’abbunna
la striscia di darrè misa a parpagnu:
la tomaia finuta e controllata
si trova pronta pi l’accusturata.

A machina ci fa tanti passati
cu lu ruccheddu giannu rinfurzatu,
quannu tutti li pezza su aggiustati
lu ‘ncapu di la scarpa è preparatu:
pigghia lu spau ‘nciratu e chianu chianu
li iuncitura cusi tutti a manu.

A la furma di lignu su misura
di sutta veni misa la chiantedda,
cu quattru chiova ferma e chiù sicura
e di marteddu quattru curpitedda
tuttu è prontu pi iri a cuminciari
lu sirvizzeddu novu di ‘ntacciari.

Cu la tinagghia adatta e i tacci  ‘i paccu
supra la furma la tomaia è misa
a picca a picca, ‘mpunta e ‘nta lu taccu,
veni tutta a firriari bedda stisa:
‘na vota ch’è finuta e sistimata
cu lu trincettu veni radugnata.

Si leva di lu lemmu  ‘u girichianu
du corpa di marteddu si ci duna,
lu trincettu lu scarna a manu a manu
ed a firriari ‘ntunnu a mezza luna
veni cu picca chiova  sistimatu
ad essiri cusutu preparatu.

A ottu fila ‘u spau di rumaneddu
assemi ‘nta ‘na vota va filatu
inchiennu di lu fusu u panzuneddu:
di ottu unu sulu addivintatu
‘nciratu, fattu u capu cu la ‘nzita
du chiantiddari cumencia la partita.

Si metti mastru Piddu la caddera
pi li manu nun fari ‘ntratagghiari
picchì è propriu  ‘na fatica vera
la ranni camurria di chiantiddari:
‘mpigna e chiantedda la lesina tunna
percia cu girichianu e trasi funna.

Trasi  ‘na ‘nzita mentri l’atra nesci,
allarga li so’ vrazza u scarpareddu
tirannu li du fila ed arrinesci
a strinciri lu puntu beddu beddu
finu a quannu completa tutt’attornu
di punta tutti i stessi beddu adornu.

Punta chiù lunguneddi e beddi stritti
si dunanu a li famici e li basi,
‘mpigna e pizzottu sunnu tantu ‘nquitti
chi puru a stentu la lesina trasi:
e spissu sunnu dati contruvogghia
sapennu chi lu taccu li cummogghia,

ma avi manu ferma ed occhiu finu
quannu cumencia lu pettu puntiatu:
parissi mastru Piddu un ciabattinu
ma è perfettu ogni puntu datu,
e comu un gran maestru di la scola
cusi lu girichianu cu la sola!

Crisci lu taccu cu li chiova e scagghi,
lu suprataccu è misu già finutu,
a martiddati, a santiuna e tagghi
lu gran sirvizzu ormai pari allistutu:
peri  ‘i porcu,  ruteddi e cira dura
dunanu lustru a la sfurmatura!

La sola è china di tacci riati,
lu taccu di pesanti bomberini,
pi falli addivintari rinforzati
è megghiu chi di chiova sunnu chini:
lu viddanu si meti o si simina
ci piaci fari scrusciu si camina!

‘Nta li pirtusa pi l’allazzatura
trovanu postu ganci ed anellini,
e li lazza di coriu su misura
su fatti addivintari tunni e fini:
cu  ‘na cuti pesanti arrutulati
comu ‘na scocca vannu sistimati!

Di li scarpuna fatti assai cuntenti
di rassu poi ci duna  ‘na gran manu
pi falli puru all’acqua resistenti!
Ma quannu li cunsegna a Batassanu
Piddu s’incazza tuttu ‘nta ‘na vota
sintennu chi s’asigi a la ricota!

Giovanni Loiacono

Baldassare  vorrebbe due scarponi
di quelli che non si bagnano neanche quando piove,
e vanno fra le crete o le pianure
rimanendo sempre lucidi come nuovi
anche se immersi nel fango
quando lui butta sangue appresso all’aratro.
Il calzolaio gli prende le misure del piede
e comincia subito il suo lavoro.
Prepara l’occorrente sul deschetto:
trincetti affilati per il taglio,
tenaglie, chiodi, martelli,
lesine, e chiodini medi e piccoli,attrezzi adatti per le rifiniture,
cera per lo spago dei gomitoli,
il recipiente ove mettere a mollo il cuoio più duro
come suole,  calcagni e suolette
oltre che  le lunghe strisce da collocare attorno,
che senza essere bagnati farebbero male alle mani.

Già la mattina all’alba
è pronta una pelle di vacchetta
che emana ancora odore di concia,
e da essa, stesa su un bancone,
don Piddu ricava i vari pezzi e li assembla
per aver pronta la tomaia.

A misura taglia la parte anteriore rotonda,
il dentro e il fuori della parte posteriore,
la mascherina liscia e perfetta,
la chiusura di dietro in verticale:
la tomaia così dopo un altro controllo
è già pronta per essere cucita.

Esegue più passate a macchina
con filo giallo e rinforzato
e quando tutte le parti sono assemblate
la parte superiore della scarpa è già pronta:
prende lo spago passato di cera e pian piano
rinforza le giunture con cuciture a mano.

Sotto la forma di legno, adattata alle misure prese,
viene posta la suoletta,
fissata con pochi chiodi
e ribattuta a colpi di martello:
così è tutto pronto per iniziare
il lavoro di montaggio e adattamento.

Con l’apposita tenaglia e chiodi di media lunghezza
la tomaia è fissata sopra la forma,
a poco a poco, dalla punta al tacco
ed a giro tutto attorno:
una volta pronta e ben adattata
viene rifinita con il trincetto.

Si toglie dall’acqua la striscia di cuoio,
si ribatte a colpi di martello,
viene pian piano ridotta col trincetto
e poi a giro, a mezza luna,
viene fissata con pochi chiodi
pronta per essere cucita alla suoletta.

Dal gomitolo si ricavano otto fili di spago
che vengono filati tutti assieme
creando man mano un rigonfiamento al fuso:
lo spago, ridotto da otto ad un filo unico,
passato di cera ed applicata una setola ai capi,
è pronto per il lavoro di cucitura.

Mastro Peppe si protegge con strisce di cuoio adatte
per non procurarsi tagli alle mani
perché è proprio una vera fatica
la scocciatura di tale tipo di cucito:
la lesina rotonda perfora tomaia e suoletta
ed entra profondamente anche nel girichiano.

Nel foro entra così una setola mentre esce l’altra,
allargando le braccia il calzolaio
tirando i due fili riesce
a stringere ben bene ogni punto
fino a quando il tutto è completato
di punti ben allineati ed uguali.

Punti un po’ più lunghi e ben tirati
si eseguono nella parte posteriore
ove tomaia e calcagno sono così spessi
che persino la lesina entra a stento:
tali punti vanno dati con fatica e scarsa precisione,
sapendo che poi il tacco coprirà il tutto,

ma si usa polso fermo ed occhio fino
quando  si inizia il un nuovo lavoro di cucitura:
mastro Peppe sarà anche un ciabattino
ma ogni punto dato è perfetto,
e come un vero maestro
al tutto cuce anche la suola!

Il tacco cresce con ritagli di cuoio e chiodi,
la parte finale di esso si fissa in unico pezzo;
fra martellate, bestemmie e tagli
il gran lavoro ormai è finito:
con gli attrezzi adatti e la cera
si portano a lucido le rifiniture.

La suola viene riempita di chiodi corti, larghi e rigati,
il tacco con chiodi bombati e più lunghi,
per renderli più resistenti
è meglio rinforzarli con chiodi:
perché il contadino quando miete, o quando semina
se cammina gli piace far sentire rumore! 

Nei buchi per l’allacciatura
si sistemano ganci ed anellini metallici,
ed i lacci su misura si realizzano in cuoio
da strisce ridotte fini e rotonde
con una pesante pietra liscia e tonda,
e poi sistemate con un nodo.

Molto contento degli scarponi realizzati
li unge con una buona mano di grasso
per renderli più resistenti all’acqua.
Ma quando li consegna a Baldassare
Mastro Peppe va  su tutte le furie
apprendendo che riscuoterà dopo la raccolta delgrano!

                                                Giovanni Loiacono

trascrizione di giamar19 da: Fatti e personaggi passati per le rime.  A cura di Giovanni Loiacono

supervisione ai testi a cura dell’autore