Possibile Autoritratto, Museo Thyssen -Bornemisza, Madrid

Possibile Autoritratto, Museo Thyssen -Bornemisza, Madrid

Lorenzo Lotto, uno dei più importanti pittori veneziani del XVI secolo, ha vissuto una vita inquieta. Egli è cresciuto a Venezia sotto l’influenza di Giovanni Bellini e visionando le opere di Antonello da Messina. Poi si è recato nelle Marche, dove ha visto le opere di Melozzo da Forlì e Luca Signorelli. Questi lavori hanno affinato la sua capacità di comprensione della prospettiva e della rappresentazione precisa del movimento umano.

Poi venne il suo lavoro in Vaticano (1509-1511), di cui non rimangono tracce. L’artista lo ritroviamo a Bergamo (1513-1525), dove ha dipinto pale d’altare, ritratti e cicli di affreschi. Il perfetto esempio del suo lavoro è Susanna e gli anziani (1517), uno dei capolavori del Lotto. Nelle sue opere religiose Lotto ha abbandonato modelli tradizionali di composizione, come ad esempio, L’Annunciazione (c. 1527). Lotto è stato anche un eccezionale ritrattista, anche se non sappiamo nulla circa le persone da lui rappresentate. L’artista ha conservato per la storia e le loro apparenze, talvolta i loro nomi, ma non le loro storie.

Dopo Bergamo ha cercato di stabilirsi a Venezia, ma la mancanza di successo nella sua città natale gli ha fatto prendere la decisione di andare in pensione. Negli ultimi anni, la sua pittura divenne esitante e incerta. Lotto presumibilmente è diventato cieco. Già vecchio, ha pronunciato i voti come un fratello laico, ed è entrato nel Santuario della Santa Casa a Loreto.
Non si conosce con certezza la data della morte dell’artista che avvenne comunque tra il settembre del ’56 e il luglio del ’57 quando l’amministrazione della Santa Casa incassò tre fiorini e cinque bolognini per la vendita di un piccolo materasso già di Lorenzo Lotto.

.

(cliccare sulle immagini per ingrandirle)

NB Le immagini di queste pagine sono tratte dal web e sono state pubblicate credendo di non violare alcun diritto, se così non fosse vi preghiamo di informarci immediatamente per la cancellazione del materiale protetto da copyright.