uomo_vita_2

Originale in LINGUA SICILIANA traduzione in LINGUA ITALIANA

L’OMU E LA SO’ VITA
di Giovanni Loiacono.Unu chi nasci nun capisci nenti,
suca pi tanti misi stinnicchiatu,
curcatu ‘nta la naca  sta cuntenti
quannu  di tutti poi veni annacatu,chiancennu a perdiciatu si nun mancia!
E  dormi notti e jornu e si fa ‘ncoddu
aspittannu chi qualcunu poi lu cancia,
senza  tanti  pinseri,  lu caiordu !Poi criscennu si metti a caminari
e si ‘nsigna a pigghiari sciddicuna,
cumencia qualchi frasi a masticari
canuscennu  li cosi ad una ad una, 

a  tavula s’assetta quattu quattu
e  cu lu  vrazzu ch’un si ferma mai:
tanti  furchetti  dintra un sulu piattu
‘nsignanu a fari prestu o sunnu guai!

Unu ci leva u pani a lu chiù nicu
mentri  lu ranni ci lu leva a iddu:
“Chi fai, ci levi u pani a lu nutricu?
Nun  lu  fari vuciari u picciriddu!”

E pi mettiri a postu la questioni
spissu s’amminazzanu cazzotti!
E subitu processu e punizioni:
timpuluna pi tutti e bonanotti!

Arriva poi lu tempu di la scola,
sta camurria chi nuddu fa cuntenti,
ogn’ annu pari fermu mentri vola
e lu porta crisciutu ‘ntempu  ‘i nenti!

Ormai s’avi a pinsari a lu travagghiu
circannusi  ‘na strata pi dumani:
a lu jocari è megghiu  dari un tagghiu
p’aviri sempri a tavula lu pani!

Unu sta cu lu patri ‘nta putia,
n’avutru a mastru va ‘nta lu scarparu,
‘nta lu firraru n’atru martiddia:
la vita nun si joca a paru e sparu,

megghiu  pinsari si vò fari  ‘u sartu
o puru addivintari mastru d’ascia:
dumani è duru fari qualchi scartu
e tenisi  li ferri ‘nta la cascia!

E c’è cu pensa di studiari ancora
e fari lu ‘ncigneri o lu dutturi,
ma ogni scelta s’avi a fari ora
p’un sentiri  dumani  lu duluri!

Ma l’omu nun  tradisci la natura,
ci  sunnu atri cosi a cui pinsari,
spassu e  divertimentu  a la vintura
e tanti fimmineddi di taliari!

Li fimmini nun su na cosa tinta
anchi si tutti nun ti vonnu beni,
una ci sta e n’avutra fa finta
e aspittari anticchia ti cummeni,

tantu la trovi sempri chidda giusta
chi  lu to cori fa battiri a centu
e  la vita d’un corpu ti l’aggiusta
pinsannu a idda ogni tò mumentu!

Di  li tò  figghi  addiventa mamma,
e comu iddi è bedda chiù di un ciuri:
comu s’av’astutari la to fiamma
‘mezzu tanta delizia e tantu amuri?

Eppuru ci ‘ni sunnu cosi torti,
e  qualchi sciddicuni  ‘un manca mai,
qualchi  malannu o puru qualchi morti
di genti chi si voli beni assai:

patri,  matri, macari qualchi frati
a unu a unu lassanu stu munnu
dunn’eranu tantissimu stimati
chi  comu  iddi picca ci ‘ni sunnu!

Arrivanu ‘nta mentri li niputi
chi ti fannu turnari a nova vita!
Cu  lu dici chi su corpa di cuti?
Sunnu la cosa megghiu  e chiù  pulita,

chiddi chi si t’abbrazzanu a lu coddu
pi dariti macari ‘nu  baciddu
ti fannu addivintari moddu moddu
e lu senti chi torni picciriddu!

Lu tempu  poi  cumencia a fari dannu,
qualchi duluri ti fa zuppichiari,
l’amici a picca a picca si ‘ni vannu
e  sunnu tanti ormai di ricurdari!

Arriva prima o poi ‘na malatia,
chi ti costrinci dintra un lettu funnu
e capisci chi ora tocca a tia
di  fari lu viaggiu all’atru munnu!

Si dasti amuri,  amuri ti ritrovi,
nuddu si scorda mai chiddu  ch’hai dittu,
n’nta lu libbru di cosi vecchi  e  novi
nun si cancella chiù chiddu ch’hai scrittu!


L’UOMO E LA SUA VITA
di Giovanni Loiacono.Quando l’uomo nasce non capisce niente,
succhia latte per tanti mesi disteso
e ben contento di stare nella culla
specie se qualcuno lo fa dondolare,piangendo a perdifiato se non gli si dà da mangiare!
E dorme notte e giorno e si fa tutto addosso,
aspettando che qualcuno lo cambi
senza pensare a nulla, lo sporcaccione!Poi crescendo impara a camminare
facendo esperienza di tante cadute,
comincia a pronunciare qualche frase
imparando le cose ad una ad una,

si mette a tavola quasi di nascosto
col braccio che non sta mai fermo:
tante forchette in un solo piatto
consigliano di far presto o sono guai!

Uno ruba il pane al più piccolo,
quello più grande poi lo leva a lui:
“Che fai, togli il pane al fanciullo?
Non lo fare gridare, il piccolino!”

E per mettere a posto le cose
spesso si minacciano violenze!
Subito processo e punizione:
schiaffi per tutti e buonanotte!

Poi arriva il tempo della scuola,
un fastidio che non fa contento nessuno,
il tempo vola, pur sembrando fermo,
ed uno si sente cresciuto in un baleno!

Ormai è tempo di pensare al lavoro,
scegliendo una strada per il domani:
è meglio finirla con il gioco
se si vuole assicurare il pane a tavola!

Uno aiuta il genitore nel suo esercizio,
un altro va a bottega dal calzolaio,
un altro ancora impara a fare il fabbro:
la vita non si gioca a pari o dispari,

meglio decidere se si vuol fare il sarto
oppure diventare falegname:
domani sarà tardi per cambiare mestiere
e tenere inutilizzati gli attrezzi!

Qualcuno pensa di continuare gli studi
per essere ingegnere o dottore,
ma la scelta deve farsi ora
per non averne conseguenze domani!

Ma l’uomo non può tradire la sua natura,
ci sono tante altre cose a cui pensare,
svaghi, avventure e divertimenti
e tante ragazzine da guardare!

Le donne non sono una brutta cosa,
anche se non tutte ti vogliono bene,
una ci sta, un’altra ti prende in giro
ed aspettare un po’ ti conviene,

tanto la troverai certo quella giusta
che ti fa battere il cuore a cento
e d’un colpo ti cambia la vita
pensando a lei ogni momento!

Diviene madre dei tuoi figli,
e come loro è più bella di un fiore:
come si potrà spegnere il tuo ardore
in mezzo a tanto amore e tanta dolcezza?

Eppure di cose storte se ne incontrano,
e non manca mai qualche scivolone,
qualche malanno, purtroppo anche la morte
di gente che ti vuole un sacco di bene:

padre, madre, magari qualche fratello
ad uno ad uno lasciano questo mondo
dove sono stati tenuti in grande stima
perché come loro ce ne sono pochi!

Intanto arrivano anche i nipoti
che ti fanno tornare a nuova vita!
Chi lo dice che pesano come macigni?
Sono la cosa più bella e più pulita,

quelli che se ti si attaccano al collo
per darti magari un bacetto,
ti fanno intenerire al punto tale
che  senti di essere tornato bambino!

Il tempo poi comincia a fare i suoi danni,
qualche dolore ti accascia,
gli amici se ne vanno ad uno ad uno
e ormai son proprio tanti da ricordare!

Arriva prima o poi qualche brutto malanno
che ti debilita e ti costringe a letto,
e capisci che ora è il tuo turno
di fare il viaggio all’altro mondo!

Se hai dato amore, è amore ciò che ti ritrovi,
nessuno si scorderà le tue parole:
nel libro delle cose vecchie e nuove
non si cancella più quello che hai scritto!

.