Tanogabo
Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Li romani e… Dio

LI ROMANI E… DIO

Un lavoro in prosa rimata, anche se libera,

di Sandro Boccia

Er rapporto fra Dio e li Romani è sempre stato rispettoso:
er carattere de questi, pieno de profonno spirito religgioso
e condizionato pe’ secoli da la costante presenza der papa in Vaticano,
rifugge pe’ natura dar nominà er nome d’Iddio invano,
e tanto meno de fanne oggetto de bestemmia sacrilegale
cui sopperisce, quanno propio nun se ne po’ più, pe’ ‘no sfogo verbale
co’ imprecazione che seppuro ricorda er nome pe’ lettera nun lo esprime.
Ecco l’origgine de “perdiana”, “perdinci” e “porco zio”:
de contro propio ‘sto senso de devozione, e nun lo dico solo io,
spigne er romano a richiamà er nome der Signore pe’ le rime
riconoscennoje l’unica e massima autorità capace de prevenì, protegge,
sarvaguardà dar male, da disgrazzie, d’avversità mejo de la legge.
Nun a caso è invarso l’uso de dì: “Dio ce ne scampi e libberi”:
in cui ce so’ er timore pe’ pericoli e fiducia nella divina protezione,
come “Dio ce la manni bona”, come pe’ formulà l’augurio bontempone
de nun incappà in un guaio o in un pasticcio artrimenti..capperi!
Oppuramente “Fa’ l’ira de Dio”, cioè er comportamento improntato
a violenza estrema sia in fatti che a parole ma anche, è dimostrato,
in condizioni de tempo co’ forte vento, lampi, toni e pioggia a catinelle.
E puro co’ l’espressione “Come Dio comanna” se ne vedone de le belle:
‘sta locuzione defatti nun cià riferimento a un comannamento divino
ma è assai più semprice, come pe’ dì pane ar pane e vino ar vino;
er suo significato è molto più pedestre e, in definitiva, cià er senso
de compie quello che se deve, co’ cura e seconno regole e bonsenso.
E pe’ conclude festeggianno un matrimonio co’ ‘na bicchierata doppia
s’arza er calice dicenno: “Anvedi, Dio prima li fa’ e poi… l’accoppia!

Wilhelm Marstrand – Osteria romana

Similar posts