IDI DE MARZO

Arivate che furono le idi de marzo,

in una Roma piena de intrighi e de sfarzo,

er destino de Caio Giulio Cesare era segnato,

fa’ una brutta fine, morì ammazzato.

Gnente capelli, tiranno e ambizioso:

questi li difetti der condottiero

seconno la rabbia, l’invidia e er pensiero

de chi diceva, sì, d’amà Cesare er valoroso,

ma deppiuassai Roma che, de conseguenza,

reclamava pace, libbertà e indipennenza.

La congiura fu presto architettata,

da compisse dentr’ar Senato,

propio de sotto a la statua immortalata

a Gneo Pompeo, avversario de Caio nobile e stimato.

Gérôme – La morte di Cesare (1859)

Li nomi de li congiurati?

Cassio, Casca, Cinna, capeggiati

dar tribbuno più freddo, cinico e cattivo,

cioè da Bruto, er fio suo adottivo.

Tante furono le cortellate de ‘st’infami senza core,

anzi de quest’onesti e saggi ommini d’onore,

come doppo li rbibattezzò Marcantonio da la tribbuna,

ma la cortellata più vijacca e ingrata fu sortanto una:

l’urtima; Cesare, allora, lordo de sangue e moribbonno,

abbraccicò Bruto che lo stilettò all’inguine, sino in fonno,

e co’ un fir de voce mormorò: “Tu quoque, Brute, fili mi…”

E nun fece a tempo a di’ “mignotta” che subbito morì!