La regina Cassiopea, moglie di Cefeo re di Etiopia, era bella ma anche arrogante e vanitosa; queste ultime due caratteristiche la portarono alla sua caduta.

Cassiopea, una delle ninfe figlie del dio del mare Nereo, si vantò di essere la più bella delle Nereidi offendendo il dio Poseidone, che aveva sposato un’altra Nereide: Anfitrite

Le Nereidi chiesero a Poseidone di punire la superbia di Cassiopea e il dio le accontentò mandando il mostro Cetus a devastare l’Etiopia.
Per ammansire Poseidone, un oracolo disse al re Cefeo che doveva offrire sua figlia Andromeda in sacrificio al mostro. Andromeda fu incatenata a uno scoglio in riva al mare e lasciata lì ad attendere impotente il suo destino.
Perseo di ritorno dall’impresa che lo aveva visto decapitare Medusa, vide Andromeda, s’innamorò di lei e chiese a Cefeo  la sua mano se fosse riuscito ad uccidere il mostro.
Cefeo dette il suo consenso.
Perseo uccise il mostro, i sovrani gioirono e dovettero acconsentire al matrimonio della figlia con l’eroe ma Cassiopea, gelosa, tramò contro Perseo che scoprì il complotto ed uccise i suoi nemici. 
Perseo e Andromeda, dopo la morte di Cassiopea e Cefeo, divennero il re e la regina del popolo di Argo.
La vanitosa Cassiopea, dopo la sua morte, fu trasformata in in un raggruppamento di stelle poste nella Via Lattea tra le costellazioni di Cefeo e di Andromeda, tuttavia fu, per sempre, legata ad una sedia.

A causa dell’inimicizia tra lei e le Nereidi e per darle una lezione di umiltà, è stata posta vicina alla stella polare, condannata a girare per sempre intorno al polo celeste, trovandosi così a volte a testa in giù, in una posizione poco dignitosa.

La costellazione di Cassiopea (in latino Cassiopeia) somiglia alla sedia che in origine rappresentava uno strumento di tortura. La nereide non è sempre rappresentata legata alla sedia, in alcuni disegni ci viene mostrata mentre tiene uno specchio, simbolo della sua vanità, in altri tiene una foglia di palma, un simbolismo che non è di chiara interpretazione.

.

fonte: tanogaboblog.it

.