scutulata

Originale in LINGUA SICILIANA

.

traduzione in LINGUA ITALIANA

.

LA SCUTULATA DI  L’ALIVI

di Giovanni Loiacono

Iri ‘ncampagna a cogghiri l’alivi
na vota era proprio na gran festa,
la prima cosa chi firriava ‘ntesta
nun era quantu sacchi ni cugghivi

o puru quantu sarmi si ‘nni scia
o quantu ogghiu mittivi nte cafisi,
s’arriniscivi a cogghiri li spisi
o quantu litra ni spittava a tia:

na vota pronti tutti li frazzati,
li sacchi, li panara e tanti scali,
già c’era la sasizza di maiali,
la rarigghia purtavanu li frati 

cu li fimmini, soggiri e muggheri:
cu lu strallasciu attornu di nutrica
si dava manu a la vecchia fatica
chi era sempri chidda d’avanteri!

Arrivava nta mentri lu cumpari
cu na carramata di picciotti,
cu lu ciascu di vinu e cosi cotti
‘nta li tiana pronti pi manciari!

Unu cu lu vastuni scutulava,
livavanu li pampini li nichi
li parti vasci di li chianti antichi
la fimminidda additta li spilava 

inchiennu a picca a picca lu falari,
e tuttu chiddu dintra la frazzata
ch’era a firriari ‘ntunnu stinnicchiata
già pulitu si ia a sdivacari

dintra li sacchi e misu poi di latu.
Subitu si passava all’atru peri,
li nichi, lu maritu e la muggheri
sutta l’arvulu appena ‘ncuminciatu

cu nova forza cantannu a gran vuci
a una, a centu, a milli aliviceddi
scutulavanu inchiennu li carteddi
finu a quannu lu celu dava luci!

Ma all’ura di manciari si curria 
cu fami e ‘na ranni cuntintizza
agghittennusi, assemi a la sasizza,
tuttu chiddu chi c’era e chi piacia!

Beddu sirvizzu, semplici e pulitu,
tutti l’alivi già misi a munzeddu:
lu fruttu di lu vecchiu iardineddu
era prontu pi ghiri a lu trappitu!

Ma oggi chistu  ‘un si po chiù fari,
la nova liggi dici ch’è reatu:
cu è chi sutta l’arvuli è truvatu
avi cavuli amari di cuntari,

si nun si trova appressu  i documenti,
lu statu di famigghia e matrimoniu,
chi nun è statu mai ‘ntò manicomiu,
ch’è iddu proprietariu veramenti,

chi li so figghi un sunnu minorenni,
s’avi virsatu ogni contributu
pi tutti chiddi chi dunanu aiutu,
si la scala d’un latu tutta penni

e nun si avi  “a norma”  la frazzata,
si qualchedunu ‘o postu di lu cascu
si teni la scuzzetta o puru u bascu,
o si avi la scarpa ‘nzaccanata!

Passa la vogghia, passa lu piaciri
si nun si po’ jucari cu li nichi,
si nun si fannu chiù li cosi antichi,
si unu ‘nta l’amicu nun po ghiri

a darici na manu ‘nto iardinu
secunnu  liggi chi “oggi ni mia
e poi dumani vinemu ni tia”
comu si nun avissimu cunfinu!

Ancora ‘nta la pasta ci mittemu
lu stessu ogghiu di li stessi chianti,
ma ogni vota chi l’avemu avanti
sapuri di famigghia nun sintemu !

LA RACCOLTA DELLE OLIVE

di Giovanni Loiacono

Andare in campagna a raccogliere le olive
una volta era proprio una grande festa,
la prima cosa a cui si pensava
non era quanti sacchi ne avresti raccolto

o quante salme ne avresti portato all’oleificio
e quanto olio ne avresti ricavato,
se avresti recuperato le spese
o quanto litri ne sarebbero spettati a te:

una volta stesi sotto gli alberi i teli tessuti,
e preparati i sacchi, i panieri e le scale
era già pronta la salsiccia di maiale,
mentre i fratelli assieme alla griglia per arrostirla 

portavano le donne, suocere e mogli:
fra il baccano creato dai bambini
si dava inizio all’antica fatica,
da secoli sempre la stessa!

Arrivava nel frattempo il compare
con una miriade di ragazzini,
con un fiasco di vino e pietanze
nei tegami, pronte da mangiare! 

Uno percuoteva i rami con un lungo bastone,
i ragazzini eliminavano le foglie cadute,
dalle parti più basse degli alberi secolari
le donne raccoglievano le olive ad una ad una

riempiendo a poco a poco i loro grembiuli,
e tutto quello che era caduto sui teli,
stesi a terra tutto attorno all’albero
si andava a travasare ben ripulito

dentro i sacchi e quindi accantonato.
Si passava subito ad un’altra pianta,
i bambini, il marito e la moglie
sotto l’albero appena iniziato

con nuova forza cantando a gran voce
raccoglievano una, cento, mille piccole olive
riempiendo a poco a poco i canestri
fino a quando il sole forniva la sua luce!

Ma all’ora di pranzo si correva
con fame e gran contentezza
ingurgitando, altre alla salsiccia,
tutto quello che c’era e che piaceva!

Bel lavoro, semplice e pulito,
tutte le olive già ammonticchiate:
il frutto del vecchio giardino
era pronto per andare all’oleificio!

Ma tutto questo oggi non si può più fare,
la nuova legge sentenzia che è reato
e chi si fa trovare sotto gli ulivi
ha tanti cavoli amari da pelare

se non porta con sé documenti,
stato di famiglia, o certificato di matrimonio,
se non può dimostrare di essere sano di mente,
che è proprio lui il proprietario del terreno,

che i suoi figli sono maggiorenni,
se ha versato i contributi
per tutti quelli che lo stanno aiutando,
se la scala pende più da un lato,

se i teli di raccolta sono a norma,
o se qualcuno invece del casco protettore
porta in testa un normale berretto,
o se ha le scarpe piene di fango!

Passano la voglia ed il piacere
se uno non può avere appresso i bimbi,
se non si usano più i metodi di una volta,
se uno non può andare da un amico

a dargli una mano nella raccolta,
secondo la legge che “oggi da me
e poi domani veniamo da te”
senza tenere conto dei confini!

Ancora oggi usiamo condire la pasta
con lo stesso olio delle stesse piante,
ma quando ce la ritroviamo avanti
non sentiamo più profumo di famiglia!