Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

La pietra del diavolo – Monte Sant’Elia di Palmi (RC)

Sul monte che sovrasta la cittadina di Palmi, un uomo dal volto nero, con un gran sacco sulle spalle, si presentò al Santo Elia, che se ne stava in solitaria meditazione.
L’uomo, che era il diavolo, aprì il sacco e mostrò al Santo una grande quantità di monete.
Raccontò che aveva trovato l’ingente fortuna in un casolare abbandonato e pensava di poterla dividere col Santo, il quale, invece, prese le monete e cominciò a lanciarle lungo la china: mentre rotolavano si tramutavano in pietre nere, di quelle che ancora oggi si possono reperire sul monte.
Contrariato, il diavolo balzò in piedi, ma, all’improvviso, alle sue spalle si aprirono due grandi ali nere di pipistrello, con le quali egli si alzò in volo, planò sul mare e vi si tuffò sprofondando.
Le acque gorgogliarono e schiumarono, si innalzò una nuvolaglia e, quando questa si fu dileguata, ecco che sul mare si delineò un’isola a forma di cono, dalla cui sommità incavata uscivano lingue di fuoco e fumo: era lo Stromboli col demonio imprigionato che soffiava fiamme e tuoni.

Palmi, Monte Sant'Elia: Particolare delle impronte delle unghie del diavolo lasciate sulla roccia mentre spiccava il volo.

Palmi, Monte Sant’Elia:
Particolare delle impronte delle unghie del diavolo lasciate sulla roccia mentre spiccava il volo.

Sul monte Sant’Elia si trova ancora un macigno con le impronte di unghie lasciate dal diavolo, prima di spiccare il volo per inabissarsi nel mare, mentre lo Stromboli, nei chiari tramonti, continua con fare sornione a fumare la sua antica pipa.

Questa roccia simboleggia l’eterna lotta tra il bene e il male.
Da secoli una leggenda popolare narra che in questo luogo
Il Diavolo tentò invano di distogliere S. Elia ………….
(Enna 823 – Salonicco 903)
Dalla sua missione ……… di edificare su questo monte un monastero.
Secondo tale leggenda, le impronte del Diavolo lasciate
sulla roccia e ancora visibili, testimoniano lo scontro
qui avvenuto tra il Santo e il demone.
Al diavolo sconfitto non restò che, secondo i patti, rifugiarsi
nel Vulcano di Stromboli dove il Santo riuscì a lanciare il
suo bastone.

Amministrazione Comunale di Palmi 2003

.

Si ringrazia Sissy per il suggerimento e per alcune foto

Similar posts
  • Origene – Gesù fu tentato perch... Gesù fu tentato perché la Chiesa imparasse che si va a lui attraverso molte tribolazioni e tentazioni . La vita dei mortali è piena di lacci insidiosi, è tutta una rete di inganni tesi al genere umano per odio contro il Signore, da quel gigante cacciatore chiamato Nembrot.  Infatti chi, se non il diavolo, è [...]
  • La pantofola della regina Elisabetta Elisabetta I d’Inghilterra, figlia di Anna Bolena e Enrico VIII, ultima regina della dinastia dei Tudor governò, dal 1558 fino alla sua morte nel 1603, con astuzia e saggezza trasformando l’Inghilterra in una nazione ricca, potente, votata ai commerci ma favorendo anche le arti e le opere di autori come Shakespeare. Nel 1584, in onore [...]
  • 25 maggio, San Zenobio San Zenobio nacque a Firenze nel IV secolo. Il nome di origine greca significa “colui che vive per decisione di Giove“. Ricevette dalla famiglia, che era pagana, una rigorosa istruzione. Ma deve la sua conversione e la formazione religiosa al vescovo Teodoro; più tardi Zenobio riuscì a convincere anche i genitori a convertirsi alla Fede [...]
  • La Chiesa deve parlare del demonio Anche chi non crede in nessuna religione non può negare l’esistenza del male nel mondo. Non si può negare, infatti, che nel profondo dell’animo umano, nel gioco delle relazioni umane, dentro e fuori della natura, ci sia qualcosa che contiene un elemento negativo e deviante e che sfugge ad ogni possibilità di comprensione, previsione e [...]
  • Il diavolo e la Bisalta La Besimauda (o Bisalta) è una delle montagne più celebri della Alpi cuneesi. Deve la sua popolarità alla cima bifida e alla mole imponente, che domina la città di Cuneo. Proprio a proposito della sua sommità sdoppiata, un’antica leggenda attribuisce al diavolo la causa dell’insolita forma.   Si narra, infatti, che molti secoli fa la montagna [...]