Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

La maestra (ch’era bellu una vota fari ‘a maestra)

Un insegnante con tre discepoli – Rilievo ritrovato a Neumagen presso Treviri,  intorno al 180-185 d.C. (Foto: Wikipedia / Shakko)

 

LA MAESTRA

Ch’era bellu una vota fari ‘a maestra
Rispettata e riverita a sinistra e a destra
Chi ‘nta li so’ manu avia
Li cchiu’ moderni principi di pedagogia

‘Nsemmula a lu sinnacu e a lu cardinali
Era la maggiori autorità locali
La matina appena si sintianu li so’passi
Si mittia sull’attenti
Tutta la classi

Poi facia l’appellu, ti spiegava la lezioni lesta, lesta
E si parlavi t’arrivava
Un corpu ‘ntesta
Si poi scrivennu facivi
Qualchi erruri

Du bacchittati ‘nta li manu eranu sicuri
E mentri li scolari eranu ‘ntenti a travagghiari
Iddra rapia lu casciuni
E si mittia a raccamari
O
ppuru pigghiava lu filu e l’uncinettu
E si facia lu beddru merlettu
Megghiu “un dirici c’un avivi caputu nenti
Sinno’eri pigghiatu pi’asinu, cretinu e deficenti

Mancu ‘ncasa ti putivi
Lamentari
Picchi’ c’era rischiu d’abbuscari
‘A maestra avia sempri ragiuni
Eri tu chi eri tistuni
Sulu quattr’uri durava
La so’jurnata
Poi curria ‘ncasa a mettiri’a pignata……

Poi lu guvernu capiu chi puru iddra era ‘gnoranti
Chi di erruri nni facia tanti
Allura curriu a li ripari
Pi’ falla megghiu acculturari

E accussi li maestri d’ovannu
Ora sturianu tuttu l’annu
Corsi d’aggiornamento di formazioni
Di pronto soccorso, informatica, progettazione

Hannu a fari lezioni, preparari progetti
Fari giti, lingua estera, teatro, balletti
‘Un sannu cchiu’soccu hannu a fari
Pi unu stipendio chi a stentu li fa campari
E poi ci su’tutti li commissioni

L’interclassi, li programmazioni
E l’offerta formativa
Pi’fari la scola cchiu’innovativa
Ci sunnu li POR, li POF
E l’ultimu arrivatu è lu PTOF

La vita di la maestra è drammatica
Cu la nascita di l’era informatica
Lu registri ora è on line, la lavagna interattiva

E ddra povera maestra è cchiu’morta chi viva
‘Un sapi cchiu’ si è insegnanti, ragioniera
Informatica, segretaria o ‘ nfirmera
E pi fari scola chi tempi ci arresta?

Cu sta cunfusioni chi avi ‘nna la testa
Certu chi lu guvernu
‘Un ci ha ‘nsittatu mai
Prima era troppu picca
E ora è troppu assai

.

 

.
(testo di autore ignoto pervenutomi via WhatsApp) 

.

2 commenti

  1. 23/11/2017    

    Purtroppo si dà troppo spazio ai “gemitori” e la professionalità va a rotoli!

  2. anna sorrentino anna sorrentino
    23/11/2017    

    Parole sante. Con l’aggiunta che ora la maestra non ha mai ragione e che i colpi in testa li prende lei dai genitori.

Rispondi