di Sandro Boccia

.

.

LA LUCCIOLA

‘Na Lucciola appena nata ammirava er celo stellato

e co’ orgojo pensò: “Quante lucciole…è tutto nostro er creato!”

Illusa du’ vorte perché a poco a poco er sole lentamente se levava,

sparì la notte co’ l’astri e così la luce der giorno già avanzava…

.

.

LA LUCCIOLA E IL VERMICELLO

“A che me serve ‘sto chiarore che ci ho addosso risplennente?”

se lamentò ‘na Lucciola “è mejo che volo da levante a ponente

pe’ raggiunge le sfere celesti invece de sta qui a terra!”

Un Vermicello la sentì e je disse: “Amica qui armeno nun sei

in guerra tra vermi, bruchi, insetti e farfalle e poi sei ammirata,

lassù, fra le stelle indove vòi annà tu, t’avviso, sarai umiliata!”

.

, 

LA LUCCIOLA E LA LUNA PIENA 

Un giorno una Lucciola fu minchionata dalla Luna piena:

“Ma vatt’aripone! Nun te vergogni co’ ‘sto lucernino?

‘St’illuminazione me fa’ sentì propio in gran vena!”

Rispose la Lucciola: “La mia è debole come quella d’un cerino,

è vero, so’ fatta così, mica è un probrema d’economia,

però la luce tua è der Sole, quella che ci ho io è sortanto mia!”

.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.