Era

Nella mitologia greca Ate, Atea o Até  (in greco antico ‘rovina’, ‘sciocco’, ‘inganno’) era la dea del destino, la personificazione sconsiderata delle azioni e delle loro conseguenze.
In genere gli errori commessi sia dalle divinità che dai mortali, di solito a causa del loro eccessivo orgoglio, hanno portato alla rovina o alla morte.
Nell’Iliade, Omero dice che Ate è la figlia maggiore di Zeus, senza menzionare alcuna madre. Istigata da Era, Ate utilizzò la sua influenza su Zeus  per fargli  stabilire che i troni di Tirinto e di Micene sarebbero stati destinati al primo nato della stirpe di Perseo. Era, immediatamente,  ritardò la nascita di Eracle e fece nascere prematuramente Euristeo. A seguito di ciò Eracle fu sottomesso a Euristeo, che ne sfruttò le potenzialità per fargli compiere le famose “dodici fatiche“. Quando Zeus scoprì l’accaduto gettò Ate sulla terra vietandone il ritorno all’Olimpo. Ate vagò per il mondo camminando sul capo dei mortali, inducendoli in errore e provocando il caos tra gli uomini.
Il mito racconta che Zeus, per cercare di mitigare il danno che Ate arrecava, generò le preghiere.

Racconta Omero nell’Iliade  (XIX)

“… Un Dio
Così dispose, la funesta a tutti
Ate, tremenda del Saturnio figlia,
Lieve ed alta dal suolo ella sul capo
De’ mortali cammina, e lo perturba,
e a ben altri pur nocque. Anche allo stesso
Degli uomini e de’ numi arbitro Giove
Fu nocente costei ……..
D’alto dolor ferito infuriossi
Giove; e tosto ai capelli Ate afferrando ,
Per lo Stige giurò: che questa a tutti
Furia dannosa, non avria più mai
Riveduto l’Olimpo. E, sì, dicendo,
La rotò colla destra, e fra’ mortali
Dagli astri la scagliò ….”


Nella Teogoniapoema religioso e mitologico opera di Esiodo, si legge che la madre di Ate è Eris, la dea della discordia, ma non si menziona un padre. Alcuni autori ritengono, pertanto, che Ate era la figlia di Eris e di Zeus.

Ampelo4-234x300In Apollodoro troviamo che quando Ate è stata gettata da Zeus sulla terra, atterrò su una collina in Frigia, in una località che assunse il nome della dea. Nello stesso luogo Zeus scaraventò anche il Palladio, un simulacro capace di difendere un’intera città, ed Ilo che, in seguito, fondò la città di ILION, cioè Troia.
Secondo Nonno di Panopoli , Ate fu indotta da Era a convincere il giovane Ampelo, amato da Dioniso, a cavalcare un toro per impressionare il dio; Ampelo fu disarcionato e si ruppe il collo e fu, poi, trasformato in una vite

Nelle opere di scrittori classici Ate appare in una luce diversa: il male e gli atti a venire sono solo le punizioni inflitte ai malvagi ed alla loro discendenza. In tal modo la sua personalità è quasi la stessa di Nemesi e Erinias.

Ate appare con un valido ruolo nelle tragedie di Eschilo, ma meno rilevante in Euripide, dove l’idea di Dadi (Giustizia) è più sviluppata.

.

tratto dal vecchio sito tanogabo.it

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.