Tanogabo
Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

La banconota e la moneta

di Sandro Boccia

 

LA BANCONOTA E LA MONETA

 

Na banconota disse a una moneta:

“Me fai pena! Te vedo così inconcrudente!

Sei fatta de un metallo che nun vale gnente;

e anche se vai, giri e torni senza meta,

fra tante mani più povere de te,

nun servi propio, dà retta a me.

Io, invece, stò ne li portafoji de li signori,

ner petto profumato de le donne belle,

vivo in mezzo a lussi, brillanti e ori

e servo a comprà tutto, puro le stelle!

J’arispose la moneta: “Conterò poco, sarà vero

ma, dice er proverbio, chi s’accontenta gode,

e te l’assicuro io che nun me ce rode

anzi so’ soddisfatta ar sol pensiero

de fa’ felice ‘na cratura innocente,

che come un tesoro me conserva ingenuamente,

eppoi pe’ accontentà ‘na mano tremante e tesa

pe’ un’elimosena sincera, quasi in attesa.

Stò in pace, tranquilla e co’ l’animo sereno,

la vita mia po’ valè tutto, poco o gnente

ma nun ciò er rimorso der veleno,

che spargi tu fra la cattiva gente,

che pe’ li sordi farebbe quarsiasi porcheria,

sicchè la dignità se impaurisce e scappa via!

.

Similar posts
  • Una poesia… un puntino di tropp...
    Alcuni giorni (gennaio 2011) fa ho inserito su Facebook una immagine di un tramonto ed ho ricevuto dei commenti e tra questi un breve componimento poetico di Maria Intagliata. Ho pensato di far cosa gradita all’amica inserendo il suo testo della sua poesia sull’immagine in questione, ma avevo fatto i conti scordandomi dello scanner (come mi piace […]

    1 commento

    1. Porro Angelo Porro Angelo
      12/05/2018    

      Sempre brillante e sempre dalla parte giusta. Angelo, cari saluti

    Rispondi