Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Insalata di gamberi alla menta

Nel medioevo non ebbero una buona fama, i gamberi o jammari o àmmari (in siciliano) erano considerati nefasti.
Ancora oggi non sono apprezzati da tutti, non tanto per il gusto, quanto per un’istintiva inspiegabile avversione. In passato si dice che il popolino non ne mangiasse affatto.
Secondo la tradizione popolare, gli scampi vengono chiamati jàmmari riàli ed anche àlifanti. Tante le specialità ricordiamo i “jàmmari fritti“, i “jàmmari co suchitieddu“, oppure i “jàmmarùni arrustùti” ed infine piatti più raffinati, come il cocktall di gamberi, gli spaghetti con gamberi ed appunto i gamberi ad insalata.

.

.

INGREDIENTI
Per 6 persone:

  • 1.200 gr. di gamberi di media dimensione
  • 1 cucchiaio di aceto
  • 1 cespo di sedano
  • 3 limoni
  • 1/2 tazza di olio d’oliva
  • sale e pepe q.b
  • 1 mazzo di prezzemolo (solo le foglie)
  • 2 foglie intere di menta.

.

Lavate accuratamente i gamberi e lasciateli per mezzora immersi in un recipiente d’acqua fredda e salata preferibilmente con sale grosso.
Mettete una casseruola d’acqua sul fuoco e portate ad ebollizione salate ed aggiungete l’aceto. Versatevi i gamberi e lasciate bollire per pochi minuti, quindi trasferiteli in una ciotola.
Quando saranno freddati, sgusciateli e nettateli.
Lavate e pulite il sedano, lasciatelo in acqua con il succo di 1 limone per mezzora.
Mettete i gamberi in una ciotola e conditeli con olio, sale e pepe. Aggiungete il sedano che avrete scolato e tritato, unite il succo di due limoni e mescolate bene il tutto. Coprite la ciotola e mettetela in frigorifero per mezzora.
Prima di servire, unite il prezzemolo tritato e le foglie di menta intere.

Similar posts
  • Spaghetti con la neonata I minutissimi pesci appena nati, dall’aspetto ancora informe e dalla consistenza gelatinosa, disposti sui banchi delle pescherie rionali costituiscono una perenne sfida all’autorità costituita (essendone vietata per legge la pesca). Allo stesso tempo però sono molto ricercati per la loro prelibatezza. Anche in questo caso non manca la storia a dare consistenza simbolica al prodotto [...]
  • Pasta con aragosta Nota sin dalla più remota antichità: Plinio e gli scrittori dell’epoca la chiamarono locusta, voce pure usata nel Medioevo, l’aragosta si può ritenere a ragione, la regina dei crostacei e dei frutti di mare! Non solo per i deliziosi sapori che trasudano da essa, ma soprattutto per la particolarità della sua conformazione! Pregiata, rara, dunque [...]
  • Tonno con le cipolle Dire tonno, vuole dire “fari mattanza“. Non sono molti ad avere avuto l’opportunità di partecipare ad una delle campagne di pesca del tonno che annualmente si praticano ancora nelle coste dell’isola e massimamente nel trapanese. Quei pochi che hanno assistito, non potranno facilmente dimenticare il sottile gioco ad incastro delle reti della tonnara, i ricami [...]
  • Spaghetti con le uova di ricci Maggio e giugno sono i mesi migliori per la raccolta dei ricci di mare. A luna piena i ricci di femmina sono pieni d’uova arancione attaccate lungo l’orlo della calotta inferiore. Di solito, aperte le sfere ricciute con appositi coltelli, le uova vengono prelevate con pezzettini di pane o con cucchiaini dopo averle spruzzate di [...]
  • Cucina siciliana – Fagioli alla... La tradizione mitologica vuole che la vivacità dell’aroma della menta, risalga alla gelosia di Proserpina che trasforma in questa pianta odorosa la ninfa Mentha amata da Plutone. Esistono numerose varietà di questa specialità botanica diffusa, allo stato spontaneo in tutto il mondo. Raccolta fresca, quando permane la fragranza dell’aroma, viene comunemente usata per preparare sciroppi [...]

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: