Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Insalata di gamberi alla menta

Nel medioevo non ebbero una buona fama, i gamberi o jammari o àmmari (in siciliano) erano considerati nefasti.
Ancora oggi non sono apprezzati da tutti, non tanto per il gusto, quanto per un’istintiva inspiegabile avversione. In passato si dice che il popolino non ne mangiasse affatto.
Secondo la tradizione popolare, gli scampi vengono chiamati jàmmari riàli ed anche àlifanti. Tante le specialità ricordiamo i “jàmmari fritti“, i “jàmmari co suchitieddu“, oppure i “jàmmarùni arrustùti” ed infine piatti più raffinati, come il cocktall di gamberi, gli spaghetti con gamberi ed appunto i gamberi ad insalata.

.

.

INGREDIENTI
Per 6 persone:

  • 1.200 gr. di gamberi di media dimensione
  • 1 cucchiaio di aceto
  • 1 cespo di sedano
  • 3 limoni
  • 1/2 tazza di olio d’oliva
  • sale e pepe q.b
  • 1 mazzo di prezzemolo (solo le foglie)
  • 2 foglie intere di menta.

.

Lavate accuratamente i gamberi e lasciateli per mezzora immersi in un recipiente d’acqua fredda e salata preferibilmente con sale grosso.
Mettete una casseruola d’acqua sul fuoco e portate ad ebollizione salate ed aggiungete l’aceto. Versatevi i gamberi e lasciate bollire per pochi minuti, quindi trasferiteli in una ciotola.
Quando saranno freddati, sgusciateli e nettateli.
Lavate e pulite il sedano, lasciatelo in acqua con il succo di 1 limone per mezzora.
Mettete i gamberi in una ciotola e conditeli con olio, sale e pepe. Aggiungete il sedano che avrete scolato e tritato, unite il succo di due limoni e mescolate bene il tutto. Coprite la ciotola e mettetela in frigorifero per mezzora.
Prima di servire, unite il prezzemolo tritato e le foglie di menta intere.

Similar posts
  • Tonno al ragù
    Nella tradizione gastronomica della Sicilia la distinzione tra cucina povera e ricca o nobiliare ha ormai un significato convenzionale. Ciò perchè‚ di fatto, molti piatti della cultura popolare sono passati nella categoria “superiore” e viceversa. E’ il caso di questo secondo di pesce originario dell’isola di Favignana. La “tunnina” è la femmina del tonno ed […]

    Rispondi