Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Il mito di Horus, il dio falco

horus

Figlio di Osiride e Iside, Horus era un dio potente dell’antico Egitto, conosciuto sin dai tempi predinastici. Egli era una divinità celeste che aveva la sua personificazione terrena in una forma di falco. Ha suscitato grande devozione ed i suoi seguaci hanno costruito templi in suo onore in tutto l’Egitto, espandendo il suo culto per il Mediterraneo.

Suo padre Osiride era stato ucciso da suo fratello Seth ma Iside, con l’aiuto della sorella Nefti, riportò in vita Osiride usando i suoi poteri magici e, successivamente, ha dato alla luce Horus. Dinanzi alle persecuzioni incessanti di Seth, Iside si nascose con il figlio nelle paludi del delta ed ivi lo allevò. Esortò Horus, una volta adulto, a vendicare suo padre e raccogliere l’eredità reale.
Determinato a riconquistare il trono, Horus sfidò Seth e, nella violenta battaglia, il giovane dio ha perduto un occhio. La battaglia continuò, finché l’assemblea degli dèi è intervenuta e ha proclamato Horus come unico legittimo sovrano d’Egitto.

Un’antica dottrina diceva che gli occhi di Horus erano il sole e la luna, ma i sacerdoti di Eliopoli assegnato il sole a Ra, lasciarono per l’unico l’occhio di Horus la luna. Una versione dice che, sconfitti dai giudici, Seth è stato costretto a recuperare l’occhio che Horus aveva perso in battaglia.

Antichità Egiziane del museo del Louvre. Taharqa presenta vasi di vino al dio Hémen

Antichità Egiziane del museo del Louvre. Taharqa presenta vasi di vino al dio Hémen

Il dio ha deciso di offrire l’occhio a suo padre Osiride per ripristinarne la vista ed ha coperto la ferita con un serpente divino chiamato Ureo, che poi è diventata l’emblema dei faraoni egiziani. Infine, sembra che la lotta che non è ancora finita e, quando Horus batterà Seth, Osiride tornerà alla terra dei vivi e governerà. In altre parole, quando il bene trionferà sul male la morte verrà sconfitta.
Un’altra versione ci dice che l’occhio di Horus reimpiantato dal dio della magia Toth venne sostituito dal Udjat, un occhio magico, che diventò un amuleto popolare in Egitto; si riteneva che rafforzasse la vista, e proteggesse e curasse gli occhi. Anche oggi il Udjat simboleggia la salute, la prosperità, l’indistruttibilità del corpo e la capacità di rinascere.

 

Falco Horus - Antico Egitto Musée du Louvre

Falco Horus – Antico Egitto Musée du Louvre

Horus è diventato il nuovo re d’Egitto. Da parte sua, Seth venne a governare il deserto, simboleggiando così la lotta tra la fertilità della valle del Nilo e il deserto arido.

Statua di Horus - Tempio di Edfu, Egitto

Statua di Horus – Tempio di Edfu, Egitto

Horus è raffigurato con la corona doppia con testa di falco o di un falco solare alato, che serviva come simbolo di protezione delle porte e dei corridoi dei templi. Con suo padre Osiride e Iside, formò la triade più importante nella mitologia egizia.

Similar posts
  • La lupa capitolina La scultura che rappresenta la Lupa capitolina che allatta i gemelli Romolo e Remo, che furono aggiunti, probabilmente da Antonio del Pollaiolo, nel tardo XV secolo. Ci hanno portato via la Lupa. Quella Capitolina, non è di epoca etrusca: smette di essere il simbolo immortale ed immutabile dell’Urbe, che ci proviene (proveniva) perfino dall’epoca dei re. [...]
  • Imeneo, il dio che guidava il corteo ... Nella mitologia romana, il dio Imene (o Imeneo, figlio di Bacco (Dionisio) e di Venere (Afrodite), presiedeva al matrimonio. Nella mitologia greca è conosciuto sotto il nome di Hymenaios. Alcuni poeti lo consideravano ora figlio di una musa (Clio o Urania) e di Apollo, ora di Dionisio e di Afrodite. Indipendentemente dalla sua genealogia, questo [...]
  • Le Esperidi . Nella mitologia greca le Esperidi erano Figlie di Atlante e di Esperide. Il loro numero è incerto tanto che alcuni mitografi nominano cinque Esperidi, altri ne nominano sette. Chi sottolinea invece che erano tre, le collega alla triplice dea della Luna nel suo aspetto di sovrana della morte. . Il  giardino delle Esperidi era situato [...]
  • Il Cantico di Aton Gli Egizi credono in un universo in continua evoluzione nel quale hanno gioco due forze contrapposte: bene e male, forze che devono ricomporsi in un tutto unico per far ritrovare all’universo l’armonia. Essi credono in un dio trascendente, lontano, esattamente come il nostro, che, ad un certo punto, decide di fare se stesso immanente e [...]
  • Appunti su: mitologia, cosmologia, co... Brani estratti da un’intervista al Professor Manlio Triggiani dal titolo: “La mitologia è lo studio dei miti e il mito è la base della Tradizione”  (leggi tutta l’intervista) . La mitologia è lo studio dei miti e il mito è la base della Tradizione: è una narrazione che esprime una storia sacra che si situa nel [...]