Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Il mito di Horus, il dio falco

horus

Figlio di Osiride e Iside, Horus era un dio potente dell’antico Egitto, conosciuto sin dai tempi predinastici. Egli era una divinità celeste che aveva la sua personificazione terrena in una forma di falco. Ha suscitato grande devozione ed i suoi seguaci hanno costruito templi in suo onore in tutto l’Egitto, espandendo il suo culto per il Mediterraneo.

Suo padre Osiride era stato ucciso da suo fratello Seth ma Iside, con l’aiuto della sorella Nefti, riportò in vita Osiride usando i suoi poteri magici e, successivamente, ha dato alla luce Horus. Dinanzi alle persecuzioni incessanti di Seth, Iside si nascose con il figlio nelle paludi del delta ed ivi lo allevò. Esortò Horus, una volta adulto, a vendicare suo padre e raccogliere l’eredità reale.
Determinato a riconquistare il trono, Horus sfidò Seth e, nella violenta battaglia, il giovane dio ha perduto un occhio. La battaglia continuò, finché l’assemblea degli dèi è intervenuta e ha proclamato Horus come unico legittimo sovrano d’Egitto.

Un’antica dottrina diceva che gli occhi di Horus erano il sole e la luna, ma i sacerdoti di Eliopoli assegnato il sole a Ra, lasciarono per l’unico l’occhio di Horus la luna. Una versione dice che, sconfitti dai giudici, Seth è stato costretto a recuperare l’occhio che Horus aveva perso in battaglia.

Antichità Egiziane del museo del Louvre. Taharqa presenta vasi di vino al dio Hémen

Antichità Egiziane del museo del Louvre. Taharqa presenta vasi di vino al dio Hémen

Il dio ha deciso di offrire l’occhio a suo padre Osiride per ripristinarne la vista ed ha coperto la ferita con un serpente divino chiamato Ureo, che poi è diventata l’emblema dei faraoni egiziani. Infine, sembra che la lotta che non è ancora finita e, quando Horus batterà Seth, Osiride tornerà alla terra dei vivi e governerà. In altre parole, quando il bene trionferà sul male la morte verrà sconfitta.
Un’altra versione ci dice che l’occhio di Horus reimpiantato dal dio della magia Toth venne sostituito dal Udjat, un occhio magico, che diventò un amuleto popolare in Egitto; si riteneva che rafforzasse la vista, e proteggesse e curasse gli occhi. Anche oggi il Udjat simboleggia la salute, la prosperità, l’indistruttibilità del corpo e la capacità di rinascere.

 

Falco Horus - Antico Egitto Musée du Louvre

Falco Horus – Antico Egitto Musée du Louvre

Horus è diventato il nuovo re d’Egitto. Da parte sua, Seth venne a governare il deserto, simboleggiando così la lotta tra la fertilità della valle del Nilo e il deserto arido.

Statua di Horus - Tempio di Edfu, Egitto

Statua di Horus – Tempio di Edfu, Egitto

Horus è raffigurato con la corona doppia con testa di falco o di un falco solare alato, che serviva come simbolo di protezione delle porte e dei corridoi dei templi. Con suo padre Osiride e Iside, formò la triade più importante nella mitologia egizia.

Similar posts
  • Nut, la dea del cielo Nut era la dea del cielo, sorella e sposa di Geb, madre di Osiride, Iside, Seth e Nefti. La dea che ingoiava il sole al tramonto e lo partoriva al mattino, è stata raffigurata come una donna gigante che sosteneva il cielo sulla schiena. Il suo corpo era blu e coperto da stelle. Essa apparteneva [...]
  • Pompeo Batoni, alcuni dipinti a sogge... Pompeo Girolamo Batoni, pittore e ritrattista italiano (Lucca 1708 – Roma 1787) Ai suoi tempi fu il pittore più celebre di Roma e uno dei più famosi in Europa. Per quasi mezzo secolo ha registrato le visite a Roma di viaggiatori internazionali del Grand Tour, una moda di quel periodo per nobiluomini stranieri, specialmente inglesi [...]
  • Un percorso attraverso mitologia, sto... “E avendo aperto il settimo sigillo, si fece silenzio nel cielo, quasi di mezz’ora. E vidi i sette angeli che stanno dinanzi a Dio; e furono date ad essi sette trombe“.(Apocalisse, VIII – 1) . Sette, insieme al tre, è il numero sacro più diffuso nelle varie religioni. E’ collegato ai sette “pianeti”, cioè ai corpi che per gli antichi non avevano un posto [...]
  • I vangeli dell’infanzia in Matt... Solo i vangeli di Matteo e Luca sono particolarmente interessati a raccontare la nascita e l’infanzia di Gesu’. Matteo vede in questi fatti l’adempimento delle profezie; Luca li considera un avvenimento straordinario che si verifica nel bel mezzo della storia profana. . Per quanto riguarda i racconti dell’infanzia nel vangelo di Matteo, Giuseppe protegge Gesu’ [...]
  • Val di Fassa: un crocifisso speciale Una nuova storia molto particolare ci porta nuovamente ad occuparci di una casa situata nella Val di Fassa, ma in questo caso non parliamo di fantasmi e spiriti, quanto di una leggenda che vede protagonista una strega e gli abitanti di un villaggio. Tutto ebbe inizio agli inizi del Novecento, quando una donna, che era da [...]