Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Il mantello della Vergine di Guadalupe

E’ veramente incredibile quello che la scienza ha scoperto su questa tilma, che avrebbe dovuto distruggersi dopo 20/30 anni!

  1. GuadalupeStudi oftalmologici realizzati sugli Occhi di Maria hanno scoperto che avvicinando loro la luce, la retina si contrae e ritirando la luce, torna a dilatarsi, esattamente come accade a un occhio vivo.
  2. La temperatura della fibra di maguey (ricavata da una pianta) con cui è costruito il mantello mantiene una temperatura costante di 36.6 gradi, la stessa di una persona viva.
  3. Uno dei medici che analizzò il manto collocò il suo stetoscopio sotto il nastro con fiocchi che Maria ha intorno alla vita (segnale che è incinta) e ascoltò battiti che si ripetevano ritmicamente, contò 115 pulsazioni al minuto, come per un bebè nel ventre materno.
  4. Non si è scoperto nessun tratto di pittura sulla tela.  In realtà, a una distanza di 10 centimetri dall’immagine, si vede solo la tela cruda: i colori scompaiono. Studi scientifici non riescono a scoprire l’origine della colorazione che forma l’immagine, né la forma in cui la stessa è stata dipinta. Non si riscontrano tracce di pennellate né di altra tecnica conosciuta. Gli scienziati della NASA affermarono che il materiale che origina i colori non è nessuno degli elementi conosciuti sulla Terra.
  5. Si è fatto passare un raggio laser lateralmente sopra la tela, e si è evidenziato che la colorazione non è né al dritto né al rovescio, ma che i colori fluttuano a una distanza di tre decimi di millimetro sopra il tessuto, senza toccarlo. I colori fluttuano nell’aria, sopra la superficie del Mantello.


Ti sembra sorprendente? Allora sorprenditi ancor più con queste altre scoperte:
 

  1. La fibra di maguey che costituisce la tela dell’immagine, non può durare più di 20 o 30 anni.  Vari secoli fa si dipinse una replica dell’immagine su una tela di fibra di maguey simile, e la stessa si disintegrò dopo alcuni decenni. Mentre, a quasi 500 anni dal miracolo, l’immagine di Maria continua a essere perfetta come il primo giorno. La scienza non si spiega l’origine dell’incorruttibilità della tela.
  2. Nell’anno 1791 si rovescia accidentalmente acido muriatico sul lato superiore destro della tela. In un lasso di 30 giorni, senza nessun trattamento, se ricostituì miracolosamente il tessuto danneggiato.
  3. Le stelle visibili nel Manto di Maria riflettono l’esatta configurazione e posizione del cielo che il Messico presentava nel giorno in cui avvenne il miracolo.
  4. All’inizio del secolo XX, un uomo nascose una bomba ad alto potenziale in un arredo floreale, che collocò ai piedi della Tela. L’esplosione distrusse tutto ciò che era intorno, meno la Tela, che rimase in perfetto stato di conservazione.
  5. La scienza scoprì che gli occhi di Maria possiedono i tre effetti di refrazione dell’immagine di un occhio umano.
  6. Nelle pupille di Maria (di soli 7,8 mm) si sono scoperte minute immagini umane, che nessun artista avrebbe mai potuto dipingere. Sono due scene e si ripetono in tutte e due gli occhi. L’immagine del vescovo Zumárraga negli occhi di Maria fu ingrandita mediante tecnologia digitale, e ha rivelato che nei suoi occhi è ritratta l’immagine dell’indio Juan Diego, che apre la sua Tilma davanti al vescovo.
    La misura di questa immagine? – la quarta parte di un milionesimo di millimetro.


È evidente che tutti questi fatti inspiegabili ci siano stati dati per una ragione: volevano catturare la nostra attenzione. Per finire considera tre fatti in più:

  1. “Guadalupe” significa nell’idioma indigeno: “schiaccia la testa al serpente”. È appunto il vangelo nella Genesi 3:15: Maria, vincitrice del maligno.
  2. L’immagine è una pittura identica al dettaglio dell’Apocalisse 12: “apparve nel cielo un grande segnale, una donna avvolta nel sole, con la luna sotto i suoi piedi.”
  3. La Vergine ha un nastro con dei fiocchi sul ventre, è “incinta“ per indicare che Dio vuole che Gesù nasca in America, nel cuore di ogni Americano.

 

Preghiera alla Vergine di Guadalupe


Benedetta Vergine di Guadalupe,

Ti chiedo a nome di tutti i miei fratelli del mondo,
di benedirci e proteggerci.
Dacci una prova del tuo amore e bontà
e ricevi le nostre preghiere e orazioni.

Oh Purissima Vergine di Guadalupe!
Ottieni da tuo figlio il perdono dei miei errori,
benedizione per il mio lavoro.
Rimedi per le mie infermità e necessità,
e tutto ciò che credi conveniente chiedere per la mia famiglia. 

Oh Santa Madre di Dio,
non deludere le suppliche che t’indirizziamo nelle nostre necessità.


Da uno scritto di
p. Enzo Scaduti


vedi anche: Nostra Signora di Guadalupe

Similar posts
  • Beato Michele Agostino Pro – Martire ... “II massimo che possono farmi è uccidermi; ma questo non accadrà che nel giorno e nell’ora scelta dal buon Dio” . Michele Agostino Pro nacque a Guadalupe, Zacatecas, Messico, il 13 gennaio 1891 come primogenito di Michele Pro e di Josefina Juárez. II 17 dello stesso mese fu battezzato coi nomi di Michele, Agostino, Giuseppe [...]
  • Il Santuario Madonna della Bozzola L’edificazione del santuario, attorno al quale si sviluppò l’insediamento suburbano che è oggi frazione del comune di Garlasco, si lega ad una miracolosa apparizione della Vergine avvenuta nel 1465. Era la prima domenica di settembre, quando una bambina tredicenne sordomuta, Maria, di Garlasco, si trovava al pascolo con i suoi animali. Quando improvvisamente il cielo si rannuvolò per l’avvicinarsi di un [...]
  • Il Cantico della Beata Vergine testo di Bruno Simonetto da: www.stpauls.it   Con il commento al Magnificat, Benedetto XVI ha concluso, il 15 Febbraio scorso (2006), il “lungo itinerario” di riflessioni sui temi iniziati nel 2001 da Giovanni Paolo II.  Riprendiamo in questo Mese di Maggio l’insegnamento di Papa Benedetto XVI sulla Madonna, notando quanto sia davvero profonda la sua mariologia.  Ricorderemo intanto [...]
  • Signore, da chi andremo? Giovanni 6, 68 «Gli rispose Simon Pietro: Signore, da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna». 1 Timoteo 6,12 «Combatti la buona battaglia della fede, cerca di raggiungere la vita eterna alla quale sei stato chiamato e per la quale hai fatto la tua bella professione di fede davanti a molti testimoni». Giovanni 5,24 [...]
  • La Pasqua secondo gli apocrifi Il canto del gallo arrostito e la conversione di Ponzio Pilato  L’Ambasciata d’Italia presso la Santa Sede ha ospitato giovedì 23 la presentazione della mostra “Apocrifi. Memorie e leggende oltre i vangeli” che sarà aperta dal 24 aprile al 4 ottobre 2009 nella Casa delle Esposizioni di Illegio (Tolmezzo). Pubblichiamo l’intervento dell’arcivescovo presidente del Pontificio Consiglio della [...]