Il Faraone era la suprema autorità della piramide sociale Egizia.
La parola “Faraone” significa “grande casa”. Il faraone veniva raffigurato con la barba, ricurva o fissata al mento da un nastro. Altri simboli dichiaravano il suo potere, come la corona, bianca quella dell’Alto Egitto, rossa quella del Basso Egitto, doppia quella del Paese unificato. Attaccata alla cintola del gonnellino aveva una coda di animale, variamente identificata in una coda di cane o di toro.
Il Re impugnava un bastone pastorale ricurvo ed il flagello. Sulla sua testa compariva spesso l’Ureos, il serpente cobra femmina, rappresentazione dell’occhio del dio solare; sulle spalle era appollaiato il falco Horus, il figlio di Iside ed Osiride. Al sovrano ci si poteva avvicinare solo nell’atto del suddito che si prostra sino a baciare la terra.
La sua nascita era preceduta da apparizioni miracolose che ne anticipavano la consacrazione.

Bassorilievo_rappresentazione_Aton

La giornata tipo del Faraone era minuziosamente organizzata, da una parte gli impegni ufficiali, dall’altra le occupazioni domestiche. Quanto si sa dei Faraoni vivi, dei loro pensieri, dei sentimenti é nulla rispetto a quello che si sa di loro da morti, unica eccezione quella del Faraone Akhenaton che pitture di gusto insolitamente realistico ritraggono in scene di vita familiare che ne testimoniano l’attenzione verso le figlie e la moglie.

tratto da: http://www.tanogabo.it/mitologia/egizia/Faraone.htm