di Gaetano Barbella

 

.

I PIEDISTALLI D’O SCARPARO

.

E vvot’ me fermo
pe’ ‘nu mumento,
passanno a nnanz’
a ‘nu scarpar’ vicino casa.

Sbircio e veg’ tante scarpe,
scarpin’ scarpette, stival,
ammuntunate a ccà e allà.
E po’ vego, cchiù a llà,
‘nu viecchie che ‘nchiove
‘na suletta, e dopp’ u tacco
de ‘na scarpa nu poco vecchia.

‘O guardo ‘ncantato e vego
che ogni tant’ se fissa,
guardanno nu pare e scarpe
llà vicino. Quasi u sentesse
‘e parlà cu lloro.
Quasi sentesse che stanno
a parlà de’ fatti de’ piedi
e d’o riesto dell’omme
de chelli scarpe.

U scarparo pare pure che ride
‘e vvote, fra ‘na martellata e n’ate.
Dico je, dint’o pensiero mio,
guarda llà chillu viecchie
comm’è felice, e senza
penzà tanto, passa ‘a jurnata!

E dico dint’ a mmè:
Se chelli scarpe songe
comme ‘nu piedistallo de marmo,
ce mettesse o scarparo ‘ncoppe,
comme a ‘nu monumento,
e non chill’omme!

I PIEDISTALLI DEL CALZOLAIO

.

A volte mi fermo
per un momento,
passando davanti
a un calzolaio vicino casa.

Sbircio e vedo tante scarpe,
scarpine, scarpette, stivali,
ammucchiati qua e là.
E poi vedo, più in là,
un vecchio che inchioda
un tacco, e dopo una soletta
di una scarpa un po’ vecchia.

Lo guardo incantato e vedo
che ogni tanto si fissa,
guardando un paio di scarpe
là vicino. Quasi lo sentissi
di parlare con loro.
Quasi sentissi che stanno
a parlare dei fatti dei piedi
e del resto dell’uomo
di quelle scarpe.

Il calzolaio pare pure che ride
a volte, fra una martellata e un’altra.
Dico io, dentro il pensiero mio,
guarda là quel vecchio
com’è felice, e senza
pensare tanto, passa la giornata!

E dico dentro di me:
Se quelle scarpe sono
come un piedistallo di marmo,
ci metterei il calzolaio sopra,
come a un monumento,
e non quell’uomo!

.

Brescia, Via Mantova, 21 ottobre 2009