Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

I 18 principi del Dalai Lama

Dalai Lama è un termine mongolo-tibetano che tradotto letteralmente vuol dire “oceano” e “maestro”. Quindi il Dalai Lama è un “maestro la cui sapienza è grande come l’oceano“. 
Dalai è il titolo conferito dal 1575 al gran lama di Lhora, nel Tibet. La sua giurisdizione spirituale si estende su tutto il buddismo tibetano, perpetua incarnazione dello spirito di Chenserik, grande bodhisattva del Tibet.

Tenzin Gyatso, l'attuale Dalai Lama - Foto di Luca Galuzzi da commons.wikimedia.org

Tenzin Gyatso, l’attuale Dalai Lama – Foto di Luca Galuzzi da commons.wikimedia.org


I 18 principi del Dalai Lama

  1. Tieni sempre conto del fatto che un grande amore e dei grandi risultati comportano un grande rischio.

  2. Quando perdi, non perdere la lezione.

  3. Segui sempre le 3 “R”: Rispetto per te stesso, Rispetto per gli altri, Responsabilità per le tue azioni.

  4. Ricorda che non ottenere quel che si vuole, può essere talvolta un meraviglioso colpo di fortuna.

  5. Impara le regole, affinché tu possa infrangerle in modo appropriato.

  6. Non permettere che una piccola disputa danneggi una grande amicizia.

  7. Quando ti accorgi di aver commesso un errore, fai immediatamente qualcosa per correggerlo.

  8. Trascorri un po’ di tempo da solo ogni giorno.

  9. Apri le braccia al cambiamento, ma non lasciar andare i tuoi valori.

  10. Ricorda che talvolta il silenzio è la migliore risposta.

  11. Vivi una buona e onorevole vita, di modo che, quando ci ripenserai da vecchio, potrai godertela una seconda volta.

  12. Un’atmosfera amorevole nella tua casa deve essere il fondamento della tua vita.

  13. Quando ti trovi in disaccordo con le persone a te care, affronta soltanto il problema attuale, senza menzionare il passato.

  14. Condividi la tua conoscenza. E’ un modo di raggiungere l’immortalità.

  15. Sii gentile con la Terra.

  16. Almeno una volta all’anno, vai in un posto dove non sei mai stato prima.

  17. Ricorda che il miglior rapporto è quello in cui ci si ama di più di quanto si abbia bisogno l’uno dell’altro.

  18. Giudica il tuo successo in relazione a ciò a cui hai dovuto rinunciare per ottenerlo.

 

Similar posts
  • Una poesia di Paul Verlaine: Marina Paul Marie Verlaine (1844 – 1896) è stato un poeta francese. Figura del poeta maledetto, Verlaine viene riconosciuto come il maestro dei giovani poeti del suo tempo. La sua influenza sarà significativa ed i posteri accoglieranno questa arte poetica verlaineana, niente che vi è in lui pesa o posa, fatta di musicalità e della fluidità [...]
  • L’oceanina Meti (o Metide) Figlia di Oceano e Teti, Meti (o Metide) è una oceanina il cui nome significa “prudenza” ma anche “perfidia” ed è anche la personificazione della “saggezza“. Meti è stata la prima amante (e forse la prima moglie) di Zeus ed è stata la madre della potente dea Atena. E’ stata Meti a consigliare a Zeus l’utilizzo [...]
  • L’Oceanina Philyra Philyra era una dea di Tessalia, una Oceanina figlia di Oceano e di Teti e sposa di Naplius, con il quale aveva molti figli. Lei era la madre del centauro Chirone. Era la dea della bellezza, del profumo, della cura e dello scrivere. Inoltre gli è stata attribuita l’invenzione di carta. Le Oceanine, le ninfe del grande fiume Oceano che gira intorno alla Terra, [...]
  • Lettera di Abramo Lincoln al maestro... Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, scrisse una lettera all’insegnante del figlio, nel suo primo giorno di scuola. Monticello, il blog di Orlando Sacchelli,  ve la ripropone perché, oltre che molto bella, è di estrema attualità e andrebbe scritta ancora oggi, dai genitori, agli insegnanti dei propri ragazzi. “Il mio figlioletto inizia oggi la scuola: per [...]
  • Confucio, il Maestro della Cina “quando non si conosce la vita, come si può conoscere la morte?“ In Cina l’importanza della religione è diminuita, sensibilmente, negli anni del dopo guerra. Nel 1949, la presa del potere dei comunisti di Mao Tze–Tung portò alla distruzione di numerosi templi e alla confisca di molti altri luoghi destinati alla pratica religiosa. Fino al [...]