Tanogabo
Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Gli Angeli, una realtà di fede

.
.
Può un bagliore cambiare la vita?
L’esistenza degli Angeli è riconosciuta da tutte le religioni.
.
Ma chi sono questi esseri? Come appaiono e a quale dimensione appartengono? sembra che i bambini possano vederli (anche senza farsi troppe domande).
Sugli Angeli è stato detto molto, o molto poco, a detta di alcuni. Rappresentano comunque una realtà di fede ben documentata dalla Bibbia, e non hanno affatto una funzione decorativa, come sulle cartoline di Natale…
Se avessimo fino a 7-8 anni li vedremo normalmente, anche nei sogni; ma purtroppo siamo adulti e razionali e ci crediamo indipendenti dal Soprannaturale.
Mentre alcune persone invocano “spiriti” non meglio identificati, chi prega Dio e Maria deve sapere che le sue preghiere vengono raccolte da messaggeri (cioè angeli) che fanno da intermediari tra noi e il Cielo (la Dimensione Perfetta).
Purtroppo abbiamo poco tempo per pregare e la nostra immaginazione, sin da bambini, è legata ad altre figure; perciò ci è difficile “vederli”. E ci è difficile “sentirli”..
Ma gli Angeli ci sono davvero.
Chi li ha visti concretamente dice che siano maschili o femminili pur essendo puro spirito; perché l’identità sessuale esiste oltre il corpo. (1)
Infatti Dio è una presenza maschile ben caratterizzata, che non è anche madre perché è Maria Santissima nostra Madre.(2)
Dio è la Matrice degli spiriti maschili e la Madonna è la Matrice degli spiriti femminili. L’angelologa Hope Price ha scritto un libro stupendo “Angels” (in italiano “Angeli custodi”).
La Price ha fatto una ricerca scientifica tramite internet ed ha intervistato centinaia di persone. Esse dichiarano di aver visto gli angeli o sotto-forma umana, o sotto-forma di corpi di luce o di aver sentito dei cori celesti. Si tratta di persone sane di mente, per nulla a caccia di notorietà, perché hanno risposto ad una inchiesta semi-anonima.
Le rivelazioni sono estremamente interessanti. Ci narrano l’incessante ed umile attività angelica fra noi, come in qualunque altra epoca, anzi: oggi è molto aumentata.
Questi esseri prodigiosi sono descritti come bellissimi, lucenti ed estremamente forti. La loro attività e tutt’altro che scontata nel nostro mondo, considerata la paura del male che serpeggia tra la gente.
Peccato che spesso, anche negli ambienti religiosi, non vengano considerati o, peggio, trattati con paura (come se si potesse confondere un angelo con un demonio!).
Hope Price afferma che il diavolo non è in grado di produrre luce, e dunque la luce è un segno indiscutibilmente divino.
Basta parlare con fede al proprio angelo custode e, come minimo, potremo vedere i suoi bagliori bianchi e colorati.
Il mezzo di comunicazione è imprescindibilmente la meditazione: perché a Dio non è possibile parlarci nel caos e nel rumore quotidiani.
Ci sono persone che fanno molte cose, solo per non pensare, e se “pregano” lo fanno in maniera fredda e ripetitiva. Preferiscono pregare in gruppo per non doversi concentrare sull’Infinito…
Gli Angeli non possono far paura. E se talvolta non dicono cose facili, queste ci portano ad un bene maggiore.
Io credo che la visione di un Angelo sia superiore a tanti discorsi sulla religione. Ci dice che il Paradiso è una dimensione concreta, la dimensione della vera Bellezza, Forza e Libertà.
Per i mistici gli Angeli sono più concreti delle persone umane.
I saggi di tutte le religioni hanno un rapporto di collaborazione con questi esseri. Ma la prima funzione degli Spiriti Celesti è quella di proteggerci.
Sono un numero sterminato…
Il numero 9 che li definisce in Cori è un multiplo della Trinità Divina (3 x 3); mentre il numero 6, satanico, sembra il nove rovesciato. Ma definirli in 9 Cori, con diverse caratteristiche, non significa stabilire il loro numero finito. Perciò il numero degli Angeli è infinito.
Quando ci troviamo in difficoltà dovremo pensarci.
Un solo Angelo tiene a bada l’inferno, perché ha in se la forza dell’Essere Supremo.
La Regina della Pace conduce le milizie angeliche perché, con esse, reprime i demoni portatori di discordia e di ogni scelleratezza.
Gli Arcangeli sono i primi rappresentati dell’esercito angelico, perché hanno sviluppato in sé le più importanti qualità divine: protezione (Michele), forza (Gabriele), guarigione (Raffaelle).
Essi amano similmente a Dio e, anche se sono custodi della Chiesa Universale, possono essere invocati da ciascuno di noi.
Se infatti avremo fede, attraverso la loro intercessione, potremo ottenere da Dio importantissimi favori.
Quando vediamo gli sconvolgimenti attuali non dobbiamo essere tristi, ma, come il profeta Eliseo sul campo di battaglia, dobbiamo dire al prossimo: “non temere perché c’è più gente con noi che con i nemici!” e poi “Signore apri i suoi occhi ed egli possa vedere!”.
E Dio aprì gli occhi del servo di Eliseo e questi vide: ecco il monte era pieno di cavalieri e carri di Fuoco.
(vedi brano tratto dalla Bibbia, dal 2° Libro dei Re 6,16).
.
.
Due note aggiunte da Tanogabo
.

(1) vedi: Il sesso degli angeli: perché non discuterne?

(2) traggo dall’articolo: Rembrandt, il ritorno del figliol prodigo 
Tuttavia, il particolare forse più importante di questo quadro, sono le mani del Padre misericordioso; se le si osservano attentamente possiamo notare che non sono uguali, ma sono una maschile ed una femminile. In questa rappresentazione non sono presenti donne poiché il “Padre misericordioso” che è il Dio che accoglie tutti, specialmente i peccatori redenti, non è solo il “nostro” Padre ma è anche la “nostra” Madre, Lui è il tutto.

Similar posts
  • Mosè e le sue “corna”
    Che Mosè sia stato un egiziano, ormai dovrebbe essere accettato senza discussioni nel mondo dell’erudizione scientifica. Lo stesso nome, Mosè (Moshe), ne denuncia l’origine. Come ben saprai, Michelangelo realizzò il suo Mosè “dotandolo” di un bel paio di corna. Perchè ?.. Nella Bibbia (le versioni che oggi conosciamo) è scritto che Mosè quando discese dal […]

    Rispondi

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.