Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Frederick Leighton (1830 – 1896)

Frederic Leighton (Scarborough, 3 dicembre 1830 – Londra, 25 gennaio 1896) è stato uno scultore e pittore inglese all’epoca dei preraffaelliti.
Figlio di un noto medico, aderì pienamente all’accademismo classico della fine del xix sec. in Inghilterra. Si formò viaggiando in tutta Europa; il suo principale maestro fu il nazareno Steinle (1849-1852);
Le sue opere a soggetto storico, biblico e mitologico sono tra gli esempi più raffinati di arte vittoriana.
Dopo aver venduto alla regina la Madonna di Cimabue portata in processione a Firenze (1855: Londra, Buckingham Palace), occupò un posto eminente e autorevole nella società. Eletto nel 1864 associato e nel 1868 membro della Royal Academy, ne fu nominato presidente nel 1878, e venne fatto nobile nel 1896.
Il suo stile, basato su vaste letture e sul culto della classicità – in particolare le opere greche – e sul rinascimento italiano, propone scrupolose e monumentali composizioni fitte di citazioni riprese dal rinascimento e dall’arte greca.
Durante la maturità Frederic Leighton visse ed operò prima a Parigi (dal 1855 al 1859) e poi a Londra (dal 1860 fino alla morte).
Venne dichiarato cavaliere a Windsor nel 1878 e poi baronetto nel 1896 e morì senza eredi, un giorno dopo l’ufficializzazione della sua nomina a baronetto; era il 25 gennaio 1896.

.

 (cliccare sulle immagini per ingrandirle)

NB Le immagini di queste pagine sono tratte dal web e sono state pubblicate credendo di non violare alcun diritto, se così non fosse vi preghiamo di informarci immediatamente per la cancellazione del materiale protetto da copyright.
Similar posts
  • François-Édouard Picot (1786-1868),
    François-Édouard Picot (Parigi, 17 ottobre 1786 – Parigi, 15 marzo 1868) è stato un pittore francese. Allievo di François-André Vincent e di Jacques-Louis David, ottenne il secondo gran Prix de Rome nel 1811. Dopo il soggiorno romano, espose nel Salon di Parigi del 1819 Amore e Psiche e dipinse La morte di Zafira per la chiesa parigina di Saint-Séverin. Eletto membro dell’Académie des Beaux-Arts nel 1836, continuò a esporre i suoi quadri al Salon fino al 1839. Decorò con Hippolyte […]

    Rispondi