di Alessio Patti scritto il 23 gennaio 2010 (http://www.facebook.com/note.php?created&&suggest&note_id=267682161623)

La poesia, il canto, la musica e la danza possono aiutarci a lenire il dolore.

Firmati lu chiantu Fermate il pianto
Cantu,
ca dintra a lu cori miu a lu celu s’ispira;
danza,
ca a notti funna d’amuri non dijiuni;
lodi,
ca di nfatatu beni a mia svizzasti,
firmati lu chiantu ca di l’angìa nascìu
quannu grapìi l’occhi a lu primu spìrluciari!
Canto,
che dentro al cor mio al ciel s’ispira;
danza,
che a notte fonda d’amor non digiuni;
lode,
che d’incantato bene a me nutristi,
fermate il pianto che dall’angoscia nacque
quando aprii gli occhi al primo dì!

Dyck Sir Anthony Van - Head of a Robber

Un commento

Ornella Pennacchioni

Le muse hanno stanze segrete aperte ai talenti, ma anche a chi preme ascoltare, vedere, sentire per stare meglio oltre il margine del dolore. Sono atmosfere esclusive di metamorfosi che sanano a volte risolvono, altre volte salvano un sogno provvisorio. Bellissima profonda come te, un abbraccio Ornella.