El Greco, soprannome di Doménikos Theotokópulos, pittore greco nato a Candia (Isola di Creta) nel 1541 è stata la figura più importante del Rinascimento spagnolo.
Dopo una giovanile formazione bizantina, intorno al 1560, si recò a Venezia (1565), dove studiò i dipinti di Tiziano e di Bassano e assorbì l’influsso del Tintoretto e dei manieristi veneti. A Parma e a Roma (1570 circa) conobbe le opere di Michelangelo e di Correggio. 
Stabilitosi nella maturità a Toledo (1577), iniziò una pittura personalissima, ricca di suggestivo misticismo e drammaticità, nella quale la rappresentazione mistico-visionaria è messa in valore da un colorismo vibrante e da una grande tensione formale. 
La sua prima opera importante fu l’altare maggiore di Santo Domingo el Antiguo, cui seguì la “Cattura di Cristo” o “Espolio” (1579), dove la profonda ispirazione mistica è sottolineata dai toni scuri e fluidi.

El Greco - Ritratto di un vecchioPer l’Escorial dipinse il “Sogno di Filippo” (1580) e il “Martirio di san Maurizio“. 
Numerosi i ritratti: il “Gentiluomo triste” (Madrid, Prado) e la serie dei nobili dell'”Inumazione del conte d’Orgaz” (1586, Toledo, chiesa di S. Tomé), che risente di influssi bizantini, in particolare nell’uso del colore, irreale, traslucido, e nel carattere drammaticamente ascetico dei personaggi, avvolti da un’aura di misticismo che li fissa immobili nell’eternità.
Capolavori sono il “Battesimo di Cristo“, la “Resurrezione“, la “Pentecoste” (Madrid, Prado) e la “Veduta di Toledo” (New York, Metropolitan Museum of Art), una delle massime espressioni del genere paesistico. I dipinti dell’ultimo periodo della vita di El Greco sono caratterizzati da un’espressività ancora più tormentata: “Cena in casa di Simone” (Chicago, Art Institute), “L’immacolata” (Toledo, San Vicente). 

Dopo aver condotto una vita lussuosa, morì in povertà a Toledo nel 1614. Seppellito prima nella chiesa di Santo Domingo, quindi trasferito nel monastero di San Torquato, della sua salma nulla rimarrà perché nel 1800 una demolizione devasterà la sua tomba.

.

(cliccare sulle immagini per ingrandirle)

NB Le immagini di queste pagine sono tratte dal web e sono state pubblicate credendo di non violare alcun diritto, se così non fosse vi preghiamo di informarci immediatamente per la cancellazione del materiale protetto da copyright.