Oltre ad essere la più rilevante personalità artistica del suo tempo, Diego Velázquez è il maggiore esponente dell’arte spagnola, fino al tempo di Goya.

Diego Velázquez ha fatto il suo apprendistato a Siviglia nello studio di Pacheco, la cui figlia sposò nel 1617. Quando era ancora adolescente, ha dipinto alcune figure a carattere religioso (L’Immacolata Concezione, Adorazione dei Magi), con realismo ed un insolito pronunciato effetto di chiaroscuro.
Nello stesso periodo appartengono una serie di opere di genere, con figure di forza prodigiosa e di una intensa accuratezza nella riproduzione di oggetti sia inanimati che umani; tra gli altri esempi possono essere citati Vieja friendo huevos e El aguador de Sevilla.
Velazquez
Dipinse temi religiose inserendoli in scenari di vita quotidiana, come Cristo en casa de Marta o Cristo en Emaús, evidenziando la capacità di convertire le scene religiose in qualcosa vicino ad elementi del Barocco di Siviglia.
Questi lavori, di uno stile molto diverso dal resto dei pittori del suo tempo, gli hanno dato notorietà al punto che, nel 1623 Diego Velázquez è stato convocato a Madrid da parte del conte-duca di Olivares, per dipingere un ritratto del re e lo nominò pittore di corte.
Velázquez ha iniziato così per una lunga e brillante carriera in seno alla corte. Dal momento che la sua nomina fino alla fine della sua vita egli dipinse molti ritratti di Filippo IV e diversi membri della famiglia reale.
Si tratta di grandi opere di eccezionale realismo e sobrietà nel sapiente uso della luce che mettono il corpo nello spazio intorno a loro facendo vibrare l’atmosfera che lo circonda. Nei ritratti femminili l’artista ricrea finemente i vestiti, il che dimostra la sua grande qualità di colorista. 

Il culmine della sua carriera come ritrattista è Las Meninas, considerato da alcuni come il più importante dipinto di tutti i tempi. Velasquez ha fatto due viaggi in Italia, uno in nel 1648-1651 e l’altro nel 1629-1631. Di entrambi i periodi abbiamo importanti opere: Il vestito di Giuseppe e la fucina di Vulcano (primo viaggio); i ritratti di Juan de Pareja e di Innocenzo X (secondo viaggio).
Al genio di Siviglia si deve un capolavoro della pittura storica, La resa di Breda, dipinta nel 1634 per la Sala dei Regni del palazzo del Buen Retiro a Madrid.
Diego Velázquez è stato un artista prolifico, con importanti creazioni a tema religioso e mitologico.
A tema mitologico è anche il magistrale Venus del espejo (Venere allo specchio), il solo nudo femminile dipinto e uno dei pochi nella storia della pittura spagnola. Poco conosciuto al di fuori della Spagna fino al diciannovesimo secolo, Diego Velázquez è ormai considerato uno dei grandi geni della pittura universale.