Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Ciro II di Persia, noto come Ciro il Grande

Ciro II di Persia (590 a.C. – 529 a.C.), noto come Ciro il Grande, è stato imperatore persiano e discendente di Ciro I di Persia, membro di quella stirpe dei Teispidi che da qualche tempo controllava la Perside.
Ciro succedette a suo padre Cambise I, liberò i Persiani dal dominio dei Medi e fu l’erede naturale delle grandi monarchie mediorientali. Non è però del tutto certa la sua discendenza da Achemene: Dario, secondo Winckler, imparentato con Ciro il Grande, durante il suo regno avrebbe comandato di falsificare tutte le iscrizioni di Pasargadae per sancire il suo legame col capostipite della dinastia achemenide.

Mappa dell’antico Vicino Oriente nel 540 aC – Di ChrisO [Public domain], attraverso Wikimedia Commons

Ciro II unificò sotto il suo regno le varie tribù iraniche, conquistò Babilonia nel 539 a.C. senza combattere, ma con un’abile politica di propaganda; infatti, approfittò della particolare strategia politica del sovrano babilonese, Nabonedo, che al culto del dio Marduk preferì quello del dio della luna Sin. Ciro II pensò di proclamarsi figlio di Marduk, così fece cacciare dal popolo il sovrano mesopotamico e fu accolto come salvatore.

Nel 538 a.C. emise anche un editto che consentiva agli Ebrei non solo di fare ritorno in patria, ma di ricostruire il tempio di Gerusalemme. In questo modo il sovrano ottenne anche il controllo dell’area fenicio-palestinese.

Jean Fouquet o Maestro del Boccacio di Monaco – La clemenza di Ciro II il Grande verso gli Ebrei

Conquistò anche alcune regioni ai confini nordorientali della Persia, si assicurò il controllo della Siria e delle città fenicie, estendendo i confini del suo regno, che mantenne integro attraverso una politica avveduta, fondata nel conferire libertà ai popoli sottomessi e nel rispetto delle loro usanze.


Peter Paul Rubens – Tomiri immerge il capo di Ciro in un recipiente pieno di sangue (Wikimedia Commons)

Morì nel 529 a.C. combattendo contro gli sciti massageti guidati dalla regina Tomiri e fu sepolto nella sua ormai celebre tomba a Pasargadae ; il suo successore fu il figlio Cambise II.

Statua di Ciro il grande, nella città di Shiraz (da Facebook)

Ciro II è ricordato come un grande comandante militare, come un sovrano illuminato, amante dell’arte e della cultura, attuò una politica libertaria, fatta di autonomie locali, ma che fu destinata, in breve tempo, al fallimento.

cenni biografici tratti da: le-citazioni.it

foto dal web

Similar posts
  • Il Peccato Quella del peccato è un’idea potente, che ci spinge a vedere tutte le nostre azioni in una luce radicalmente diversa, soprannaturale, quella della legge di Dio. Il senso del peccato modifica la nostra percezione delle situazioni e le restituisce noi come occasioni per la nostra trasformazione interiore. Il mondo è un grande spazio di lavoro [...]
  • Se Dio è uno, perché tante religioni? testo tratto da Focus – scoprire e capire il mondo N° 123 gennaio 2003   www.focus.it . Nel nome di uno stesso Dio ebrei cristiani e musulmani pregano amano, guardano al futuro, ma può accadere che si facciano anche la guerra. Negli ultimi tempi si tende a rimarcare differenze piuttosto che somiglianze: molti utilizzano luoghi comuni, scambiando tradizioni locali [...]
  • La Pentecoste, la discesa dello Spiri... Per gli Ebrei è la festa che ricorda il giorno in cui, sul Monte Sinai, Dio diede a Mosè le tavole della Legge. Per la Chiesa Cattolica è la festa che ricorda la discesa dello Spirito Santo sugli Apostoli. …dopo pochi giorni era Pentecoste e lo Spirito di Verità, il Consolatore che Gesù aveva promesso [...]
  • Scheherazade, la mitologica narratric... La cornice dell’opera è centrata sul re persiano Shāhrīyār (Sahrigar), che, essendo stato tradito da una delle sue mogli, ha deciso di uccidere sistematicamente le sue spose al termine della prima notte di nozze. La bella Sharāzād (altrimenti nota come Sherazad, Sharazād, Scheherazade, Shahrazada o Shahrzad), andata in sposa al re, escogita un trucco per [...]
  • Hsing Nu, il popolo adoratore delle s... Un popolo enigmatico è quello degli Hsing Nu, dei quali pochissimo sappiamo tuttora, se non che praticavano una curiosa forma di religione astrale, per cui sono stati definiti «adoratori delle stelle».  Di loro, e del mistero che li avvolge e che avvolge specialmente la loro fine, ha parlato, tra gli altri, anche il pioniere dell’archeologia [...]

Rispondi