Tanogabo
Gutta cavat lapidem (La goccia scava la pietra)

Caino e Abele, “un bell’esempio di fratellanza”

di Sandro Boccia

.

CAINO E ABELE

.

Nel corso dell’umanità spesso s’è verificato

che l’invidia è stata addirittura più forte dell’amore:

tutto ebbe inizio per via del pomo e del peccato

fatto da Adamo e Eva nei confronti del Signore.

Tiziano Vecellio – Adamo ed Eva

S’adeguarono alla vita dura e alle difficoltà,

e dopo misero su famiglia con due natività:

generarono prima Caino, contadino, di campi lavoratore,

e subito dopo il secondo figlio, Abele, di pecore pastore.

Un giorno i due fratelli offrirono i frutti della terra al Signore.

Questi guardò Abele, che aveva aggiunto un abbacchio, con favore

e ignorò Caino che covò nei confronti del fratello un gran rancore.

Difatti quando, arrabbiato e geloso, incontrò il fratello,

di prescia lo insultò e così successe un gran macello:

Caino con un tortore a Abele gli fece una gran festa

fino a tanto che l’ammazzò sfracassandogli la testa.

Pietro Novelli – Caino e Abele

Subito dopo Iddio domandò dov’era Abele a Caino

che gli rispose: “Non son mica il guardiano di mio fratello!”

Il Padreterno disse: “Hai combinato proprio un bel casino!

Il sangue d’Abele grida vendetta impressa nel cervello.

Sarai fuggiasco sulla terra e sii certo che con questa mattanza

non hai dato un bell’esempio, a chi verrà, di fratellanza!”

.

Similar posts
  • Favole in prosa rimata: Il trittico d...
    La farfalla e la candela, Er vespone e la farfalla, La farfalla e l’amore di Sandro Boccia . LA FARFALLA E LA CANDELA . Dopo avè volato pe’ tutto er giorno, fra prati in fiore, una Farfalla variopinta, stracca da la fatica, verso sera fu avvinta da una luce che una Candela faceva attorno. Co’ du’ svolazzi […]

    Rispondi